Come adoperare contorno con Autocad 2010

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nel 1982 Autodesc rilasciò sul mercato il primo software CAD (computer aided desing), sviluppato per PC, dal nome Autocad. Questo strumento fu subito un'innovazione nel mondo della progettazione e negli ultimi anni divenne un supporto indispensabile per architetti, ingegneri civili, meccanici, elettronici, navali. Questo straordinario software, sviluppato da John Walker e Dan Drake, permette al professionista di non dipendere più da squadrette, matita ed enormi fogli da disegno, poiché ha il pregio di essere estremamente preciso, versatile e decisamente poco ingombrante. In questa guida mi soffermerò su come adoperare un contorno su autocad 2010.

24

La Autodesk rilascia ogni anno un nuovo software, sempre più performante e con interfacce grafiche di volta in volta più curate. Nel 2010 l'azienda Californiana rilascia Autocad 2010, questo software dispone di una vasta quantità di comandi indispensabili per la progettazione, tra cui: linea, polilinea, regione, specchia, unisci, sposta, estrudi, esplodi ecc.
I comandi sono veramente molti, per questo motivo può capitare che qualcuno non li conosca tutti, quindi capita frequentemente di utilizzare di più comandi per giungere ad un risultato ottenibile con un solo comando specifico.

34

La necessità di avere superfici perfettamente chiuse in Autocad è importantissimo per inserire retini, estrudere figure piane e in molti altri casi. Spesso accade ad esempio, se non si presta particolare attenzione nel tracciamento del contorno, che il programma non esegua il comando poiché la superficie di contorno presenta aperture; in questo caso il programma ci segnalerà le zone collegate in modo errato con un pallino rosso.
Facendo zoom in corrispondenza di queste aree si noterà che alcune linee non sono perfettamente collegate. In questo caso si potrà andare ad unirle di volta in volta, tuttavia quest'operazione potrebbe richiedere molto tempo e non sempre si risolve il problema.

Continua la lettura
44

Innanzitutto per minimizzare la possibilità di errore e per un contorno privo di aperture è consigliabile usare il comando “polilinea” per il tracciamento dello stesso, anziché il comando “linea”. È possibile inoltre collegare due polilinee con dei semplicissimi comandi, rendendo i due elementi, inizialmente separate, un'unica polilinea senza aperure. Se le polilinee sono sulla stessa retta di azione, per collegarle si dovrà usare il comando “unisci”, mentre se queste sono su due rette di azione differenti consiglio di usare il comando “raccorda”. Poi esistono casi in cui è opportuno usare il comando “taglia” oppure “estendi”.
Una volta creata una superficie di contorno priva di aperture e perfettamente chiusa sarà possibile sfruttare il comando "retino" per aggiungere dei tratteggi, per rappresentare un elemento in sezione, il comando estrudi per generare figure solide da elementi bidimensionali ecc.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Come Adoperare Esplodi Con Autocad 2010

Se anche tu sei un appassionato di Autocad 2010 e simili, questa è esattamente la lettura che fa per te. In questa guida infatti, ci soffermeremo sulla spiegazione dell'utilizzo della modalità esplodi utilizzando il programma Autocad. Con questo software,...
Windows

Come adoperare Dividi con Autocad 2010

Durante la creazione di un disegno si può avere la necessità di dividere due segmenti o due oggetti creati precedentemente come un unico oggetto; per effettuare questa operazione di divisione con il programma Autocad 2010 puoi adoperare il comando chiamato...
Windows

Come utilizzare "Converti in solido" con Autocad 2010

A quanti di voi sarà capitato di disegnare delle figure in Autocad, ma di non sapere come convertirle in solidi tridimensionali? Se cercate una soluzione a questo dilemma, allora questo è il posto che fa per voi. Vediamo qui di seguito, una guida che...
Windows

Come Utilizzare La Traiettoria Angolo Di Rastremazione Con Autocad 2010

Autocad 2010 è un software per computer realizzato dalla autodesk. Questo programma è molto utilizzato per riprodurre disegni bidimensionali e tridimensionali con elevata precisione. Proprio per la sua precisione, questo programma è molto utilizzato...
Windows

Come utilizzare il comando Trancia 3D con il programma Autocad 2010

Il comando trancia 3D (da non confondere con trancia 2D) presente nel software chiamato Autocad (versione del 2010) consente di creare la sezione di un solido; si tratta di un'operazione abbastanza semplice da compiere, difatti sarà sufficiente seguire...
Windows

Come Unire Due Solidi Con Autocad 2010

Autocad è un software utilizzato spesso dagli studenti, permette di creare disegni in meccanica e in architettura. Vediamo come unire due solidi con Autocad 2010. Attraverso il comando "estrudi" si disegna in 3 D. Nella riga di comando scriviamo "estrudi"...
Windows

Come utilizzare estendi con Autocad 2010

Autocad è certamente il programma, per la rappresentazione grafica, più utilizzato dagli in ingegneri, architetti e geometri di tutto il mondo. Introdotto nel mercato nel 1982 da Autodesk, divenne nel giro di pochi anni il sostituto di foglio, squadretta...
Windows

Come Utilizzare Polimesh Con Autocad 2010

Polimesh è un modello 3D composto da vari poligoni autoCAD invece è un formato di file di tipo cad sviluppato per autodesk come database di definizione di disegni. Ll comando polimesh consente di creare una mesh poliedrica (poligonale) in cui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.