Come avvolgere un motore brushless

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Grazie all'elettronica possiamo usufruire di metodi e sistemi utili nel quotidiano e soprattutto nel campo lavorativo. In questa guida cercheremo di capire come avvolgere un motore brushless, possiamo dire che il motore rappresenta il cuore di un mezzo, e questo deve essere sempre efficiente qualora lo dovessimo usare, parliamo di un motore elettrico a corrente continua con elementi magneti permanenti e campo magnetico ruotante, (non ha quindi bisogno di contatti elettrici), a differenza di un motore a spazzole.

26

Occorrente

  • rotore per motore brushless con base in silicio
  • Filo di rame per la sostituzione delle spire, da 0,90-1mm o piu
36

Riconoscere il motore

Andiamo a vedere l'importanza della corrente circolante negli avvolgimenti dello statore, questo avviene elettronicamente, ciò comporta una minore resistenza meccanica, in quanto da la possibilità di eliminare ulteriori scintille con l'aumentare della velocità di rotazione, andamento importante per ridurre notevolmente la necessità di manutenzione. Possiamo dire che lo svolgimento di questa manutenzione sarà un gioco da ragazzi, la dovuta conoscenza di tale impresa è sempre determinante per un ottimo risultato, in quanto capire che il contatto meccanico delle spazzole con il collettore chiude il circuito elettrico tra l'alimentazione e gli avvolgimenti dello stesso. In un motore brushless, il rotore è privo di avvolgimento in quanto il campo magnetico è permanente e l' avvolgimento rimane variabile.

46

Caratteristiche della rotazione

Come ogni cosa, lo studio è determinante per comprendere termini e tecniche lavorative, proseguiamo dicendo che per avviare tale rotazione, ci deve essere un circuito elettronico composto da un banco di transistordi, quindi il controllore deve conoscere la posizione del rotore rispetto allo statore tramite un sensore. Liberare il nostro motore brushless di tutti i vecchi avvolgimenti è fondamentale per proseguire con del filo di rame identico a quello precedente, avente almeno 0,90 mm di circonferenza, e con un buon spessore di 3-4 cm di diametro, a questo punto troveremo 3 punti impregnati solitamente di stagno, qui cominceremo ad avvolgere i nostri fili.

Continua la lettura
56

Procedura lavorativa

L'avvolgimento diventa automaticamente più semplice, con la differenza che bisognerà collegare l'estremità finale del nuovo al punto stagnato nella scheda corrispondente alla "massa", insomma procedere con le dovute accortezze alternando i movimenti sarà soddisfacente infatti l'efficienza e le prestazioni dipendono esclusivamente dal numero di avvolgimenti che sono stati effettuati sulle armature è consigliabile eseguire 25-35 giri, un numero minore se il filo è più spesso, solitamente la potenza del motore è maggiore prendendo in considerazioni questi dati.. La pazienza è l'arma vincente per ottenere un risultato soddisfaciente, all'altezza di chi ne sa più di noi, non dimenticate di far sempre controllare da un bravo professionista.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se durante la prova del vostro motore si dovesse quindi bruciare un avvolgimento, con il conseguente arresto del motore, significa che avete eseguito un numero di avvolgimenti troppo ridotto e dovete aumentarlo..vi ricordo che tutte le armature devono avere lo stesso numero di avvolgimenti del filo per un corretto funzionamento. Armatevi dunque di una buona dose di calma e coraggio, e realizzate anche voi il vostro motore personalizzato!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Internet

Come funzionano i motori passo passo

Ti è mai capitato di trovarti di fronte a un motore passo passo e di voler conoscere il modo in cui funzionano? Se la risposta a questa domanda è si, allora questo è il tutorial che fa per te! Questa breve e semplice guida, infatti, vi aiuterà conoscere...
Elettronica

Come creare un trasformatore a mano

La corrente elettrica di cui sono rifornite tutte le nostre abitazioni presenta una tensione di 220 Volt. Questa corrente è sufficiente per far funzionare i nostri principali elettrodomestici, come i frigoriferi, le lavastoviglie ed i forni. Tuttavia,...
Elettronica

Come verificare il funzionamento di una resistenza

La resistenza o più correttamente resistore, rappresenta un componente elettronico costituito da due cappucci in nichel, separati da una piastra ceramica, ma collegati a loro volta da una sottile pellicola di carbonio. La sua principale funzione è quella...
Elettronica

Come Costruire Un Condensatore Variabile

Se siamo degli appassionati di elettronica e ci piacerebbe riuscire a realizzare i vari componenti con le nostre mani, ma non siamo mai riusciti ad imparare tutte le varie tecniche per poterci riuscire, non dovremo assolutamente preoccuparci. Sarà infatti...
Elettronica

Come Costruire Una Radio A Cristallo

Spesso e volentieri quando siamo a casa da soli e non abbiamo voglia di accendere il televisore accendiamo la radio in modo da sentire qualche programma e qualche bella canzone. Questi apparecchi però sono anche molto fragili in quanto a volte basta...
Elettronica

Come costruire un quadricottero con Arduino

Al giorno d'oggi, i quadricotteri sono oggetti che stanno incontrando una rapida diffusione a causa dei loro svariati impieghi. Esistono infatti modelli molto sofisticati per rilievi e riprese video, modelli giocattolo, modelli destinati al trasporto...
Elettronica

Come utilizzare un multitester o multimetro

Il multitester (o multimetro) è quello strumento che si utilizza per effettuare misure elettriche. Esso viene utilizzato sia in campo elettronico che elettrotecnico. Questo strumento dà la possibiltà di controllare e valutare i segnali elettrici. Leggendo...
Elettronica

come collegare un relè

Il relè elettromagnetico è il più diffuso ed è costituito da un elettromagnete. Esso si utilizza come separatore fisico tra il circuito di controllo e il circuito controllato; pertanto è possibile comandare circuiti in alta tensione utilizzando solenoidi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.