Come compilare il Kernel Linux con Supporto Realtime

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Compilare un Kernel Linux applicando la patch con la quale si abilita lo scheduler specifico per i processi Real Time, non è qualcosa di arabo ma comprensibile, naturalmente per un esperto. Il Real time nasce affinché il sistema dia una risposta, non in tempi veloci, ma in tempi prefissati di una elaborazione e quindi in certi casi non fa altro che interrompere un processo in corso per passare ad un'altro che possiede una priorità più elevata. Per fare questo è necessaria la schedulazione, che ci permette di sapere se un task, cioè l'elaborazione, è eseguile in un dato lasso temporale prestabilito. Ovviamente in questo caso ci occupiamo di un Kernel di Linux, per cui di base è necessaria una conoscenza del sistema operativo in questione. Vediamo come fare con un supporto Realtime.

26

Occorrente

  • Sistema operativo linux installato
  • Sorgenti del kernel (reperibili su www.kernel.org)
  • Patch per il real time reperibile semrpe su www.kernel.org
36

Procurarsi innanzitutto le sorgenti del kernel linux e della patch per il realtime. I link sono i seguenti:
Per i sorgenti del kernel: http://www.kernel.org/
Per la patch: http://www.kernel.org/pub/linux/kernel/projects/rt/
Assicurarsi di scaricare la patch con stesso numero di versione del kernel, altrimenti non sarebbero compatibili. Ora posizionatevi nella cartella dove avete scompattato il kernel e prima di tutto copiate il file con la vecchia configurazione, dando:
"cp /boot/config /path del kernel/"
Adesso digitiamo:
"make oldconfig", e rispondiamo "Si" a tutte le domande che il sistema ci pone.

46

Una volta terminato ll comando precedente date il comando:
"bzcat /path dellapatch/patch-2.6. Xx-rtyy. Tar. Bz2 | patch -p1"
Questo inserirà la patch del real time nel kernel linux. A questo punto digitate il seguente comando "make menuconfig"
Portatevi su "Processor Type and features" e alla voce "Preemption mode" selezionate
"Complete Preemption (RealTime)".
E alla voce "Timer Frequency" scegliete come valore:
"1000hz".
Fatto ciò, se lo ritenete necessario potete effettuare altre modifiche al kernel. Una volta terminato date i seguenti comandi:
"make -j5 bzImage"
"make -j5 modules"
"make modules_install"

Continua la lettura
56

Eccoci giunti al termine. Non resta che copiare i files:
". Config
System. Map
arch/x86/boot/bzImage nella cartella /boot".
Ora per provare il vostro nuovo kernel avete 2 possibilità:
Usare la shell di grub all'avvio e caricare manualmente i files.
Oppure creare una nuova entry per grub, questo lo potete fare facilmente copiando i valori per la versione di default del kernel che trovate normalmente /boot/grub/menu. Lst stando ovviamente attenti a modificare i path e i nomi files, con quelli relativi al nuovo kernel.
Come avete potuto notare, seguendo questi passaggi non sarà difficile operare su vostro sistema linux.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitate di sovrascrivere il kernel di default, in caso di problemi nella compilazione rischiate soltanto di danneggiare la vostra installazione linux.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Linux

Come cancellare i kernel inutilizzati da Ubuntu

Ubuntu è un sistema operativo distribuito da Linux che, dal suo inizio, sta acquisendo una sempre maggiore diffusione fra gli utenti del sistema operativo Open Source. I vantaggi dell'Open Source sono numerosi, infatti l'azienda si è indirizzata sul...
Linux

Come ripulire Ubuntu dai file inutili

Si stanno diffondendo sempre di più dei sistemi operativi alternativi a Windows. Quest'ultimi infatti il più delle volte sono bastati su Linux. Tra le distribuzione Linux più diffuse e utilizzate nel mondo dell'informatica, troviamo senza ombra di...
Linux

Le migliori distro per netbook del 2013

Una distribuzione Linux (detta anche distribuzione GNU/Linux, gergalmente distro), è una distribuzione software che costituisce un sistema operativo basato sulla famiglia dei sistemi utilizzanti un kernel Linux, spesso corredato da elementi del progetto...
Linux

Come cambiare l'ora su Linux

Un computer, per poter funzionare, ha bisogno di un sistema operativo. Ogni sistema, all'avvio del pc, ha il proprio suono caratteristico.Linux, risalente al 1991 (creato da Linus Torvalds), è un sistema operativo nettamente differente da Microsoft...
Linux

10 curiosità su Linux

Dopo quasi 26 anni dal concepimento del sistema operativo per eccellenza, Linux, è tempo di portare alla luce una serie di curiosità. Il suo utilizzo, sempre più diffuso anche tra lo user medio, viene troppo spesso dato per scontato. Non solo non si...
Linux

Linux: i migliori driver per la tv

Per chi non lo sapesse, Linux è un sistema operativo come Windows ma con la differenza che è più difficile da spiare e che in molti casi risulta più leggero per il PC favorendo la velocità del computer. Con l'avvento delle smart TV, la televisione...
Linux

Come controllare un pc Linux a distanza

Linux e la relativa galassia delle sue distribuzioni sta avendo negli ultimi anni un'esplosione meritatisima. Se fino a qualche anno fa il solo menzionarlo faceva venire letteralmente l'orticaria all'utente di pc deskto medio, oggi, soprattutto grazie...
Linux

Come Aggiungere Un Collegamento Al Desktop Di Linux

Linux, insieme con Windows e Mac, è uno dei tre sistemi operativi maggiormente utilizzati a livello mondiale, sia per quanto riguarda i PC desktop che i notebook. Tutti questi sistemi danno la possibilità all'utente di usufruire dei collegamenti, ovvero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.