Come creare un circuito elettronico di una radio che trasmette con banda AM

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Con il termine AM si intende proprio il principio di modulazione d'ampiezza. Si applica questo principio nella costruzione di un circuito che funziona da dispositivo radio e che trasmette con banda AM. Non sarà necessaria una grande passione per l'elettronica o tanta esperienza, ma solo un poco di curiosità e interesse. Se volete sapere per la precisione come creare un circuito elettronico di una radio che trasmette con banda AM, non vi resta che continuare a leggere la guida che segue. Per la realizzazione di questo progetto ritornerete al passato e ripercorrerete il cammino della radio. Sarà una bella esperienza da vivere nella nostra era così tecnologica. Vediamo quindi insieme come procedere.

26

Occorrente

  • R1=820 ohm; 5%, 1/4W
  • R2=4K7; 5%, 1/4W
  • R3=560Kohm; 5%, 1/4W
  • C1=100nF
  • C2=220pF
  • C3=1nF
  • U1=circuito integrato 4093
  • Potenziometro POT2
  • R50=47Kohm; 5%, 1/4W
  • C50=1 microFarad
  • Tensione di alimentazione massima=15V
  • Tensione di alimentazione minima=5V
  • Range di frequenze perturbabili da 530Khz a 1,4MHz
36

I circuiti digitali utilizzano segnali di clock e, se trovano il mezzo adatto, possono propagarsi al di fuori dell'apparecchio. Questo circuito sarà dotato di quattro porte logiche e nessuna di queste apparterà ad una famiglia di circuiti integrati molto veloce. È necessario creare una specie di modulazione con una frequenza audio intermittente di circa 2HkZ, in modo da sintonizzarla con un ricevitore radio. Il circuito sarà formato rispettivamente da tre oscillatori, due dei quali integrati dalle porte, contraddistinti dalla sigla (NAND) U1B U1C, il terzo, costituito dall'oscillatore astabile.

46

Questo oscillatore astabile crea una frequenza di circa 16Hz., che modula il generatore da 2Khz, in modo tale da produrre un suono caratteristico. L'oscillatore U1B sarà quello che genererà il segnale nella banda AM. Per mezzo del potenziometro POT2, si regolerà la suddetta frequenza in un determinato punto del cosiddetto DIAL. L'oscillatore U1C crerà una frequenza che si aggirerà intorno ai 2KHz. Per cambiare la frequenza di oscillazione, basterà variare tutto il percorso del potenziometro POT2.

Continua la lettura
56

Per poter testare il circuito in questione sarà necessario utilizzare un ricevitore che abbia la banda AM. Costruito il circuito, basterà accendere la radio e cercare la frequenza. Si dovrà mettere il dial su una frequenza nella quale non si può ricevere nulla, cioè su una frequenza dove non trasmette già un'altra emittente radio. Il consiglio è di sintonizzarsi su una frequenza vicino all'inizio banda, vale a dire su 550KHZ. L'ascolto non sarà nitido e si dovrà porre la radio vicino al circuito che abbiamo costruito. Sarà sempre una soddisfazione averlo progettato e realizzato. Non mi resta che augurarvi buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'ascolto non sarà nitido e si dovrà porre la radio vicino al circuito che abbiamo costruito.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

Come operare in PSK31

.La guida che oggi vi illustrerò è realizzata per tutti i futuri radioamatori, e appassionati del sistema, che sono interessati a utilizzare il sistema PSK31. Questa semplice guida servirà ad utilizzare il sistema con facilità, pur non avendo conoscenze...
Elettronica

Come Costruire Una Radio A Cristallo

Spesso e volentieri quando siamo a casa da soli e non abbiamo voglia di accendere il televisore accendiamo la radio in modo da sentire qualche programma e qualche bella canzone. Questi apparecchi però sono anche molto fragili in quanto a volte basta...
Internet

Come funziona una piastra DSLAM

Oggigiorno tutti noi abbiamo una linea ADSL a casa. Però quanti di voi si sono posti la domanda su come funziona questa linea in modo tecnico? Essa ha un funzionamento molto complicato, perciò è bene analizzare passo dopo passo tutte le caratteristiche...
Internet

Come rendere stabile la connessione ad Internet

Chi è in possesso di un modem Wi-Fi molto spesso lamenta dei problemi legati alla stabilità della propria linea, al momento di collegarsi ad Internet e per quanto riguarda il livello del segnale, specialmente se si abita in un'abitazione grande oppure...
Elettronica

Come Calcolare E Costruire Un Dipolo Per Ricezione E Trasmissione Radio

Il dipolo è la più facile, efficace ed economica delle antenne esistenti nel mondo dell'elettronica. Specificatamente, esso consiste sempre in un tratto di cavo elettrico, pari circa alla metà della lunghezza d'onda ed al cui centro viene inserito...
Windows

Come registrare le trasmissioni radio su internet

La gran parte delle stazioni radio trasmette anche su Internet, in modo tale che gli utenti possono collegarsi al web ed ascoltare la musica o le loro trasmissioni preferite. Questa funzione è molto utile quando ci si trova in una zona con scarso segnale...
Elettronica

Elettronica: come risolvere un circuito con l'oscilloscopio

La risoluzione di un circuito elettrico talvolta necessita di più informazioni rispetto a quelle che un semplice multimetro può fornire. Ad esempio la frequenza, il rumore, l'ampiezza ed altre caratteristiche che possono cambiare nel corso del tempo,...
Elettronica

Come misurare la tensione di un diodo Zener

Il "diodo" è un componente elettronico di tipo bipolare, ovvero permette il flusso di corrente elettrica al suo interno, ma solamente in un determinato verso, nell'altro, invece, viene bloccato già in partenza. Nella presente e rapida guida, andremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.