Come creare uno scadenzario con Excel

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Senza alcun dubbio, Excel rappresenta il più celebre foglio di calcolo di tutti i tempi. Appartiene al pacchetto Office di Microsoft, e si utilizza sia a livello aziendale che privato. Come tutti i fogli di calcolo, il nucleo dell'area di lavoro si presenta in una griglia di righe e colonne, la matrice. Per l'esattezza, ogni foglio standard contiene 256 colonne e 65.536 righe. Con questo programma si possono fare davvero tante cose, grazie alle funzioni integrate. Per esempio è pratica comune, a livello domestico e di piccole aziende, creare uno scadenzario con Excel. Oggi chi può farne a meno? Le scadenze delle imposte da pagare, le rate, ma anche naturalmente le riscossioni e tanto altro diventano più gestibili con tale strumento. Si può avere tutto a vista senza timore di scordare qualcosa. Excel ti dice perfino quanti giorni mancano alle singole scadenze! Se non sai in che modo realizzare il tuo promemoria, non preoccuparti. Leggi oltre, ti spiegherò come creare uno scadenzario con Excel.

28

Occorrente

  • PC
  • Programma Microsoft Excel
38

Creazione delle intestazioni

Apri sul tuo computer il programma Excel e portati su un nuovo foglio. Crea le intestazioni in orizzontale, immettendole sotto alle lettere delle colonne. Per farlo quindi inizia portandoti in A1 e scrivendo Imposte. Ovviamente, questo è un esempio: al posto di Imposte puoi inserire Rate, Oggetti, Da Pagare, Riscossioni o quel che ti serve. Se l'intestazione della colonna ti risulta stretta, puoi allargarla. Ci riesci portandoti col mouse sul bordo tratteggiato delle intestazioni colonna, in questo caso fra A e B che sono le prime. Vedrai che il puntatore assume un aspetto a croce. Trascina con il mouse sulla destra fino a fare assumere alla colonna la dimensione voluta, quindi rilascia. Le altre voci di intestazione saranno ad esempio: Stato, Data di Scadenza, Giorni alla Scadenza, Importo. Per un aspetto più leggibile, seleziona il grassetto per le intestazioni. Se non lo sai, puoi farlo cliccando sulla B che vedi sotto al tipo di carattere, nella barra degli strumenti. Adesso sotto a Imposte (o quel che hai inserito) immetti una voce per ogni riga, in verticale, indicante la tassa da pagare.

48

Completamento dello scadenzario

Adesso portati sotto all'intestazione Stato. Dato che stai imparando ora come creare uno scadenzario con Excel, lo stato sarà senza eccezioni Da pagare. Scrivi quindi in B2 Da pagare. Poi portati con il puntatore sul quadratino nero in basso a destra della casella. Selezionandolo ti apparirà una crocetta nera. Indica che puoi trascinare la selezione. Portala quindi verso il basso fino al livello desiderato, ossia accanto a tutte le voci della colonna imposte. Attenzione che puoi farlo solo se la crocetta è nera! Se invece ti appare una croce con bordi bianca, Excel capisce che vuoi spostare la selezione, non copiarla. Il segreto è semplice: dipende dall'esatta posizione del puntatore. Fatto questo devi completare manualmente le voci sotto alle intestazioni Data di Scadenza e Importo. Do infatti per scontato che siano tutte diverse fra loro.

Continua la lettura
58

Impostazione cronologica

Un altro dettaglio che può esserti utile, quando impari come creare uno scadenzario con Excel, è evidenziare le scadenze in ordine cronologico. Questo è tanto più importante se ti capita di aggiungere nuove voci. Per ordinare quindi temporalmente le voci portati su una casella della colonna Data di Scadenza. Qui, clicca con il tasto destro per fare apparire il menù contestuale. Quando accadrà seleziona e clicca su "Ordina dal meno recente al più recente". Adesso vedrai le voci in ordine di scadenza.

68

Funzione dinamica scadenza

Infine, nella scoperta di come creare uno scadenzario con Excel, puoi inoltrarti nelle funzioni avanzate. La più importante riguarda: Giorni alla Scadenza. Come calcolarli? Semplicissimo. Portati su un riga qualunque di una colonna non utilizzata. Qui, digita esattamente =oggi () e premi invio. Excel ti restituisce la data odierna. Ora portati nella prima casella sotto a Giorni alla scadenza. Al suo interni scrivi =C2-$E$2. Ti spiego cosa significa. C2 indica la data di scadenza della prima voce. Ovviamente, questo se hai posizionato le colonne come da esempio, altrimenti cambia il valore. La dicitura $E$2 indica invece la casella che contiene la funzione =oggi () a cui Excel deve fare riferimento. Di nuovo, se l'hai posizionata altrove cambia valore. Premi invio. Adesso il risultato ti dice quanti giorni mancano a quella precisa scadenza. Ma tu vuoi saperlo di tutte, vero? Per riuscirci trascina il solito quadratino in basso a sinistra. Voilà! Ecco che ora conosci quanto ti manca a ogni pagamento. E se hai sbagliato a scrivere la data di qualcuno? Niente paura, cancella e riscrivi la data corretta. Il valore corrispondente sotto a Giorni alla Scadenza si modifica di conseguenza. Idem quando cambia la data, il programma si aggiorna in automatico. Bene, la guida si ferma qui. Ora sai come creare uno scadenzario con Excel.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

Come inserire due intestazioni nella stessa cella con excel

Usando Excel sul vostro Microsoft, per creare una tabella dati, molto spesso ci si ritrova nella necessità di dover inserire due intestazioni nella stessa casella; specialmente all'interno della prima cella in alto a sinistra. Purtroppo però quest'operazione...
Windows

Come utilizzare i filtri in Microsoft Excel

Come utilizzare i filtri di Microsoft Excel per visionare ed analizzare i dati di un database. Utilizzo della funzione "Filtro automatico", impostazione dei parametri d'interesse e lettura dei risultati. La guida utilizza MS Excel 2003, tuttavia i contenuti...
Windows

Come inserire un filtro su Excel

Con Microsoft Excel è possibile creare filtri più o meno complessi utilizzando gli acceleratori grafici messi a disposizione dal programma. Andremo ad utilizzare quanto presente nell'apposito pannello "Dati", così da poter applicare tutti i criteri...
Windows

Come creare una tabella pivot

Se lavorando al computer utilizziamo spesso dei fogli di lavoro sul tipo di Excel e ci troviamo poi di fronte ad un elenco di dati interminabili, e con notevoli difficoltà nella lettura, conviene organizzarsi al meglio utilizzando lo strumento della...
Windows

Come Assegnare Dei Nomi Alle Tabelle E Alle Colonne Di Excel 2007

Se siamo alle prime armi con l’utilizzo di Excel 2007 per iniziare a lavorare inserendo i dati, sarà opportuno familiarizzare con il programma di lavoro dedicato sopratutto alla produzione ed alla gestione dei fogli elettronici. Se invece possediamo...
Windows

Come fare un istogramma con Microsoft Excel

Microsoft Excel rappresenta, sicuramente, uno dei programmi maggiormente utilizzati sia in ambito lavorativo che domestico. Il software è ideale per gestire dati, per realizzare tabelle, grafici ed eseguire calcoli. In particolar modo una delle principali...
Windows

Come realizzare un cedolino paga con Excel

Il cedolino paga è contenuto nella busta paga. Questo è un prospetto che va consegnato al lavoratore, in cui viene descritto l'onorario a lui spettante. Per essere più precisi si puo' crearlo con un semplice foglio Excel. Innanzitutto chiariamo che...
Windows

Come aggiungere righe, colonne e fogli in Excel

Se lavori spesso con il programma di Excel, può capitare che ti servano un maggior numero di righe, di colonne o anche di fogli per portare avanti il tuo lavoro. Per aggiungere uno solo o tutti questi componenti è sufficiente seguire alcuni semplici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.