Come deframmentare il disco fisso con Defraggler

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il disco fisso è un particolare componente presente in tutti i computer e che consente la memorizzazione di tutti i nostri files e dei vari software. Questo dispositivo è costituito da vari dischi di tipo magnetico ed ogni dato che andiamo a salvare verrà automaticamente inserito in uno dei settori presenti sui dischi. Il disco fisso è quindi costituito oltre dai dischi magnetici, anche da una testina che permette di leggere le informazioni presenti sui dischi ed un motore che permette la rotazione di questi ultimi. In questo modo, ogni volta che i abbiamo bisogno di un particolare dato, vengono messi in rotazione i dischi fino ad arrivare alla posizione in cui è salvato il file che ci interessa e la testina lo legge. Tutte queste operazioni avvengono in tempi molto rapidi. Tuttavia ogni volta che installiamo e cancelliamo dati, rimangono degli spazi vuoti sul nostro HD che verranno successivamente riempiti da altri dati creando quindi molto disordine, questo comporterà un rallentamento del nostro computer il quale ci metterà più tempo a trovare i files sul disco fisso. Per mettere un po' di ordine sul nostro HD è necessario eseguire periodicamente una operazione chiamata deframmentazione. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a deframmentare correttamente il nostro disco fisso, utilizzando Defraggler.

25

Occorrente

  • Computer, connessione ad internet, Defraggler
35

Per prima cosa eseguiamo il programma di installazione di Piriform Deflagger, la procedura guidata ci aiuterà durante la fase d’installazione. E’ possibile indicare, lasciando la spunta, di sostituire il classico defrag di Windows con la nuova chicca Defraggler.
Una volta entrati in Deflagger noteremo una griglia che occupa la parte superiore della finestra, si tratta della Fragmentation bitmap. In pratica è una rappresentazione visiva di come i nostri dati siano sparsi per l’hard disk. Potremo vedere tutti i drive usando il riquadro posto sopra ad essa. Con il passare del tempo i segni legati all'uso si manifestano, magari con settori difettosi, ovvero parti dell’hard disk inutilizzabili a causa della normale usura. Per trovarli e contrassegnarli, clicchiamo su Azioni/Avanzate/Verifica Drive per Errori.
Adesso potremo deframmentare in sicurezza il nostro drive ed eliminare i blocchi rossi. Il nostro scopo è avere una bitmap prevalentemente blu. Selezioniamo il drive e clicchiamo su Deframmenta.

45

Se compare ancora qualche punto rosso e vogliamo essere assolutamente sicuri di avere fatto tutto il possibile, potremo utilizzare il pulsante Analizza.
Dopo qualche minuto comparirà nel riquadro di Stato i file frammentati. Se è necessario, eseguiamo un’altra deframmentazione.

Continua la lettura
55

È una buona idea ripetere la procedura per ogni disco. In questo modo è possibile allungare la loro durata e velocizzare l’accesso ai dati. Come ci si potrebbe aspettare, il maggiore incremento di prestazioni si ha dalla deframmentazione dei drive C, che di solito ospita i file di sistema di Windows.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

I 5 migliori software di manutenzione

Windows è uno dei sistemi operativi più utilizzati sia in campo professionale che in campo domestico e si presta molto bene per svariate attività informatiche, essendo molto intuitivo e funzionale. Come ogni sistema operativo tende però a rallentare...
Windows

Come deframmentare l'hard disk in Windows 7

In questa guida vedremo come deframmentare l'hard disk in tutte le versioni di Windows 7 (starter, home premium, ultimate). Per prima cosa è necessario spiegare cosa si intende per deframmentazione. Il concetto è semplicissimo, ed occorre pensare al...
Windows

Come Deframmentare L'hard Disk Con O&o Defrag

Per massimizzare la velocità di scrittura dei file, gli hard disk iniziano a scrivere i dati nel primo spazio libero che incontrano. Può capitare che i dati da scrivere occupano più dello spazio disponibile e, pertanto, si rende necessario lo spostamento...
Software

I migliori programmi per deframmentare il pc

Può capitare talvolta che il vostro computer diventi così lento da rendere difficile l'utilizzo di programmi molto semplici come Office. Questo potrebbe voler dire che il vostro pc ha bisogno di essere deframmentato. In parole molto semplici, questo...
Windows

Come deframmentare il disco fisso con JKGDefrag GUI

Certamente vi è già capitato di dover attendere per alcuni interminabili secondi l'apertura di un programma installato sul vostro disco rigido del computer. Quella che prima era un'operazione pressoché istantanea si è trasformata nel corso del tempo...
Windows

Come Deframmentare il registro di sistema con Auslogics Registry Defrag

In questa guida, vogliamo dare una mano a tutti coloro i quali sono amanti della tecnologia ed in particolare modo, di ciò che riguarda il mondo dell'informatica, ad imparare come fare per poter deframmentare, nella maniera più corretta e pratica possibile,...
Linux

Come fare la deframmentazione su Linux

Nonostante il sistema operativo Linux non necessiti di una periodica deframmentazione, a differenza di quanto accade per Windows, delle volte può andare incontro a un rallentamento e, in questa circostanza, può risultare utile eseguire una deframmentazione...
Windows

Come alleggerire XP Home

Gli aggiornamenti di sistema migliorano le prestazioni e l'efficienza di un computer. Inoltre, consentono il funzionamento dei software di nuova generazione. Col tempo, però, diventano obsoleti come il caso di XP Home. Sistema operativo di enorme successo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.