Come proteggere le cartelle con una password su Mac

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Può capitare che uno dei tuoi amici o parenti infili il naso nel tuo Mac e si ritrovi a leggere file riservati. Magari è basso il rischio che ciò avvenga, ma il contenuto di certe cartelle è così importante per te che preferisci fugare ogni dubbio e correre preventivamente ai ripari. Puoi decidere di usare software di terze parti, ma ci sono vie più brevi da percorrere per proteggere i tuoi file. Per esempio, puoi ricorrere alla modifica dei permessi, scegliendo l'opzione "Nessun accesso" all'interno della voce "Proprietario e Permessi - Dettagli". Il problema è che questa procedura può essere facilmente aggirata da chi ha un po' di dimestichezza con il Mac. Quel che ti serve è un metodo che abbia a che fare con una password. Ecco come comportarti.

28

Occorrente

  • Mac
38

Nome dell'immagine disco

Ti occorrono non più di dieci minuti per proteggere le tue cartelle con una password. Quel che dovrai fare è creare un'immagine disco crittografata. Per farlo devi lanciare "Utility Disco" (lo trovi in "Applicazioni/Utility"), cliccare su "Nuova immagine", quindi compilare i vari campi partendo dal "Nome". Potresti nominare il disco come meglio credi, il consiglio che ti posso dare in merito è però di evitare di titolarlo come "File segreti" et similia. È sempre bene depistare l'eventuale ficcanaso non facendo alcun riferimento alla segretezza.

48

Dimensione dell'immagine disco

Il passo successivo ha a che fare con la dimensione della cartella che si desidera proteggere. Seleziona una dimensione che ritieni sufficiente a contenere tutti i file segreti, quelli creati e quelli che eventualmente creerai. Va da sé che i file. Txt occupano pochissimo spazio, mentre i file multimediali ne occupano molto di più. Anche qui, il consiglio è di essere sufficientemente previdente.

Continua la lettura
58

Formato dell'immagine disco

Passa alla scelta della codifica: andrà bene la codifica a 256 bit, lenta ma sicura. Quanto alla partizione, potresti optare per la "Partizione singola con Guid", a meno di particolari esigenze. Ora, la scelta del formato dell'immagine. Il consiglio qui è di orientarti verso "Immagine Disco Sparse", così potrai consumare soltanto lo spazio dei file che infilerai. Il che implica che anche un'immagine di 10 GB non occuperà 10 GB ma soltanto lo spazio dei file che deciderai di segretare.

68

Creazione dell'immagine disco crittografata

Per finire, clicca su "Crea" e immetti la password. Se il Mac non è condiviso potresti spuntare l'opzione di memorizzazione ed evitare di inserire la password ogni volta che vuoi accedere all'immagine disco crittografata. Che ora risulta bella che montata sulla "Scrivania": ci immetti quel che desideri e la espelli debitamente. Con un doppio clic sull'immagine disco Sparsimage, previa immissione della password, puoi accedere al tuo mondo segreto quando lo desideri.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potresti prendere in considerazione l'idea di conservare l'archivio segreto su Dropbox.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Sicurezza

Come criptare file e cartelle su Mac

Abbiamo dei documenti importanti sul nostro Mac che non vogliamo siano visti da nessuno come il lavoro importante, dei segreti o delle sorprese? Con una semplice procedura possiamo creare un archivio criptato nel quale inserire i nostri file e criptare...
Windows

Come comprimere, visualizzare e decomprimere file e cartelle con Vista

Nell'epoca dei kilobyte e dei megabyte, la compressione di file e cartelle veniva affidata a particolari programmi, talvolta non semplici da usare. Adesso che si ragiona in gigabyte e terabyte, parole come comprimere, decomprimere file e cartelle sono...
Windows

Come trovare cartelle vuote all'interno del computer con DelEmpty

Windows è uno dei sistemi operativi più famosi del mondo, da oltre 30 anni è uno standard sia nell'industria sia durante nel mondo casalingo. Windows è famoso per essere stato uno dei primi ad avere introdotto l'uso delle cartelle all'interno di un...
Mac

Come creare una cartella protetta su Mac

Chiunque vorrebbe poter creare cartelle in cui inserire file sensibili in modo da poterli proteggere con una password da malintenzionati che potrebbero volerli leggere. Il sistema operativo Mac offre la possibilità di creare una cartella protetta atta...
Mac

Come visualizzare le cartelle nascoste sul Mac

Visualizzare i file nascosti sul Mac può essere utile in molte occasioni, come ad esempio quando vogliamo rimuovere in maniera approfondita un programma dal computer o quando vogliamo modificare un file il cui nome inizia con un punto. Il procedimento...
Windows

Come sincronizzare due cartelle con FreeFileSync

Copiare ed incollare i propri file tra due cartelle necessita di molto tempo e di operazioni relativamente noiose, specialmente per chi va abbastanza di fretta. Se vi siete stancati di far ripetere in continuazione la medesima procedura, in questa guida...
Windows

Come condividere cartelle tra Windows 7 e Ubuntu

Al giorno d'oggi le reti non sono più esclusivamente aziendali, sempre più utenti possiedono la loro piccola rete domestica, e prima o poi accadrà quasi sicuramente di dover accedere alle partizioni Linux (Ubuntu) da Windows e viceversa. È indispensabile...
Windows

Come creare un e-commerce professionale con Prestashop

Il commercio online sta ormai prendendo sempre maggiore campo, sia che esso sia professionale sia che esso sia una vendita privata. Riuscire a vendere i propri prodotti a distanze sempre maggiori consente di ottenere sempre più visibilità e permette...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.