Come rottamare un vecchio elettrodomestico ed ottenerne uno nuovo con gli incentivi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In questa guida illustreremo come rottamare un vecchio elettrodomestico e ottenere degli incentivi sull'acquisto di uno nuovo. Quanti di noi hanno a casa un frigo, un forno, una lavastoviglie oppure un microonde che non utilizza più, perché non più funzionante o non più al passo coi tempi? Sicuramente in tanti e la maggior parte di loro ha la brillante idea di disfarsene e sostituirlo con uno nuovo. Ebbene, in questo caso lo Stato ci viene incontro per tutelare l'ambiente e incentivare un nuovo acquisto.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • un vecchio elettrodomestico
  • documento di rottamazione avvenuta del vecchio elettrodomestico
37

Come appena citato, lo Stato ci viene incontro per l'acquisto di nuovi elettrodomestici, sia per smaltire i vecchi, così da non lasciarli in giro per i cassonetti e quindi aiutando l'ambiente, sia per uno sconto particolare sull'acquisto di quello nuovo. Questi incentivi hanno un valore che varia da un minimo del 10% ad un massimo del 20% sull'importo del bene che intendiamo acquistare. Ovviamente ogni categoria di elettrodomestici ha una propria percentuale e il bene deve essere rottamato in tempi utili.

47

Innanzitutto bisogna recarsi da un rivenditore di elettrodomestici che aderisce a questi incentivi statali. Oggigiorno quasi tutti i rivenditori autorizzati adottano questo metodo è davvero semplice trovarli; un'altra cosa da assicurarsi con premura è che siate ancora in tempo per richiedere tali fondi, perché esiste anche una scadenza. Il negoziante si prenderà a proprio carico lo smaltimento del proprio elettrodomestico e lo sconto verrà applicato direttamente su quello nuovo. Quindi l'acquirente non deve far altro che compilare un'autocertificazione che, appunto, certifica l'avvenuto smaltimento e infine scegliere il nuovo prodotto; sta poi allo Stato rimborsare il negoziante.

57

Questo smaltimento può avvenire in due modi: a domicilio e presso il rivenditore. Il metodo a domicilio prevede che il rivenditore autorizzato si presenti fino a casa per ritirare l'elettrodomestico e lasciare un documento che elenca tale ritiro; l'altro metodo, invece, è quello che prevede il rilascio del vecchio elettrodomestico presso la sede del rivenditore dove effettuare anche l'acquisto di quello nuovo.

67

Una volta smaltito il vecchio elettrodomestico non dovete far altro che godervi quello nuovo. In conclusione non possiamo far altro che affermare che questa guida svolga il ruolo dell'utile e dilettevole, facendoci capire che possiamo risparmiare grazie a questi incentivi, ma senza trascurare l'altro aspetto fondamentale, l'ambiente.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordate di conservare accuratamente il documento che attesti l'avvenuta consegna e rottamazione del vecchio elettrodomestico.
  • Non recatevi presso un rivenditore autorizzato troppo tardi: rischiate di non trovare la disponibilità dei fondi statali!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti