Come tracciare le curve di livello

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Le curve di rilievo sono delle linee, utilizzate in geografia, in particolare in cartografia, oppure in architettura, per rappresentare su una superficie a due dimensioni un elemento architettonico o paesaggistico in tre dimensioni. Servono quindi a rappresentare l'altezza di luogo, che sarebbe altrimenti impossibile rendere su un foglio. Sono chiamate anche isoipse perché rappresentano tutti i punti di un luogo che si trovano alla stessa altezza o altitudine. Sono delle curve chiuse la cui forma rispecchia la conformazione del rilievo da rappresentare e i cui punti si trovano tutti su uno stesso piano immaginario con cui si seziona l'elemento da disegnare. Con le curve di livello si possono rappresentare anche le profondità marine, ma in quel caso si chiameranno isobate, perché uniscono i punti alla stessa profondità. Vediamo ora come è possibile tracciare le curve di livello.

24

Scegliere i paramentri

Di solito si parte da un modello 3D del rilievo. Si stabilisce poi un punto di partenza da cui misurare la distanza con tutti gli altri punti che andremo a rappresentare sulla carta tramite le curve di rilievo. Solitamente si sceglie come punto di riferimento il livello del mare, anche se può cambiare in base alle proprie necessità. Questo punto sarà attraversato dal primo piano orizzontale, chiamato anche piano 0. Dobbiamo poi decidere a che distanza tracciare i piani successivi al piano zero e s u cui si disporranno le curve di livello. Questa decisione va decisa in base alla scala della carta e all'uso che dovremo farne. Se rappresentiamo un luogo molto esteso sarà necessario usare curve distanziate le une dalle altre anche di 5-10 metri, se invece rappresentiamo uno spazio più ristretto, come ad esempio una piccola collina o anche solo un palazzo, allora possiamo ridurre la distanza tra i piani, anche fino a mezzo metro.

34

Sezionare il rilievo

Decise queste caratteristiche tecniche, come la scala della cartina, la distanza reciproca tra i piani e stabilito il piano 0, è possibile tracciare le diverse curve di livello per dividere in sezioni orizzontali uguali tutto il rilievo o l'edificio. Otterremo delle curve di livello disposte su piani diversi. Dobbiamo poi spostare tutte queste curve su un unico livello, selezionandole una alla volta o tutte insieme. In questo modo saranno alla stessa altitudine, cosa molto importante se si vuole avere un disegno preciso.

Continua la lettura
44

Obiettivo

Le curve di livello così tracciate mostreranno in modo bidimensionale, quindi con un disegno su carta, un elemento paesaggistico tridimensionale. Con le curve di livello è possibile sapere esattamente a che altitudine si trova un punto fisico rispetto al livello del mare o al punto che abbiamo preso come riferimento, o piano zero. La precisione delle curve di livello o isoipse è molto importante per evitare delle deformazioni gravi. Molto importante è anche la forma stessa delle curve di livello, che devono rispecchiare perfettamente la conformazione del luogo da rappresentare su carta. Deve essere possibile infatti, capire già dalla curva di livello se ci troveremo di fronte ad un monte con versanti regolari, ripidi, frastagliati, con vallate e così via.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

Come creare una statua usando Photoshop

Avete mai pensato di scattare una fotografia immortalando una persona che conoscete e trasformala in una statua? Non siete come fare? Bene, allora siete capitati nella guida giusta, perché attraverso i passaggi seguenti ci occuperemo proprio di spiegarvi...
Software

Photoshop: come creare un effetto Polaroid

Il fascino vintage delle foto Polaroid conquista proprio tutti: in questa breve ma semplicissima guida, vi spiegherò come modificare una qualsiasi foto e trasformarla in una Polaroid grazie al programma Photoshop conferendole, in questo modo, un fascino...
Windows

Come creare motivi e texture con Corel

Proviamo insieme a comprendere e capire come si utilizza questa applicazione grafica, (Corel Draw) serve per creare illustrazioni, dandoci tutti gli strumenti che ci servono, viene usato maggiormente nei progetti grafici e impaginazione pubblicitaria....
Software

Come creare un'auto in 3D con AutoCAD

Autocad è un programma di costruzioni 3D molto utilizzato in alcune scuole superiori e nelle università, ma è appetibile anche per chi non ne è esperto; l'argomento del disegno delle auto non viene approfondito spesso, ma poiché è attuabile tramite...
Software

Come ritoccare i volti con Photoshop

Quando si lavora nel settore della grafica, non è possibile evitare l'impiego del software migliore per il fotoritocco Adobe Photoshop. Questo programma informatico davvero potente contiene numerose opzioni e strumenti in grado di modificare le immagini,...
Software

Come fare effetti speciali nei video

Ormai ci sono davvero pochi cortometraggi o film vengono pubblicati senza l'utilizzo di qualche filtro o manipolazione in post-produzione; è diventato quasi come uno standard e la produzione da montaggio non stimola più come prima l'utente. In questa...
Software

Come ottenere un effetto vintage con Photoshop

Il fotoritocco, specialmente in ambito digitale, è oramai alla portata di tutti. I dispositivi mobili facilitano la diffusione di questa pratica. Sono tante, infatti, le app che permettono l'inserimento di effetti per migliorare le fotografie. Con pochi...
Windows

Come creare delle linee di fuoco con Photoshop

In questa guida parleremo di come creare delle linee di fuoco con photoshop, il più famoso e importante programma di fotoritocco esistente. Per poter far questo lavoro è necessario utilizzare un'immagine in bianco e nero. Vediamo dunque, un passo per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.