Come utilizzare gli strumenti di ubuntu customization kit

tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

Ubuntu customization kit è un'applicazione che risulta utile alla creazione dei backup del proprio sistema sia su CD sia su DVD Live. È possibile anche aggiungere o togliere software (e pacchetti) dalla Iso e creare una nuova Iso personalizzata, contenente il software che può interessare, oppure anche creare una Iso già aggiornata. Questo software è simile per esempio nei sistemi Microsoft Windows a nLite per Windows XP o vLite per Windows Vista. In questa guida sarà possibile apprendere come utilizzare gli strumenti di Ubuntu customization kit in modo appropriato e completo. Tale strumento attualmente fa parte dei repository ufficiali di Ubuntu. Un repository è un ambiente in cui vengono gestiti i metadati, attraverso tabelle relazionali.

212

Occorrente

  • Una installazione di Ubuntu funzionante
  • Aver scaricato la iso di Ubuntu, Kubuntu o Xfce.
312

Per installare UCK è sufficiente accedere a sito ufficiale e scaricare l'ultima versione del pacchetto da http://sourceforge.net/project/showfiles.php?group_id=169959 e installarlo con: #sudo dpkg -i nomepacchetto. Deb
Potrebbero esserci problemi alle dipendenze durante l'installazione, per risolverli sarà sufficiente digitare: #sudo apt-get -f install e UCK verrà installato correttamente.

412

UCK è possibile avviarlo sia da shell tramite il comando uck-gui sia dal menu di Ubuntu. Per il software sono necessari almeno 5 Gb di spazio libero per funzionare e occorre, necessariamente, essere connessi ad internet per il suo utilizzo. La prima cosa da fare è scegliere i linguaggi che si vorranno installare all'interno del sistema, è consigliabile, oltre ovviamente all'italiano, installare anche la lingua inglese.

Continua la lettura
512

Successivamente è necessario scegliere quali lingue abilitare al boot, quindi, come ovvio, abilitare l'italiano, volendo anche l'inglese o eventuali altri linguaggi selezionati precedentemente. Per finire si arriva al terzo e ultimo punto riguardante il linguaggio di Ubuntu customization kit per la creazione della Iso. Qui occorre scegliere il linguaggio usato di default al boot della distribuzione.

612

Successivamente scegliere il desktop environment usato nella Iso che dovrà essere rimasterizzata. Siccome la versione di partenza è Ubuntu 10.10 si deve selezionare Gnome. Se fosse stato utilizzato Kubuntu si sarebbe dovuto selezionare KDE, per altre derivate come per esempio Xubuntu basata su Xfce si sarebbe dovuto scegliere other. Procedere selezionando la corretta Iso da rimasterizzare. Occorre averla scaricata precedentemente. In questa guida è stato usato Ubuntu 10.10 versione i386 ma poteva essere usata qualsiasi Iso derivata da Ubuntu, ovviamente, anche in versione 64bit.

712

Occorre, ovviamente, dare un nome alla propria distribuzione personalizzata. Si raccomanda di non usare nomi che vanno oltre i 32 caratteri o si avranno problemi nella creazione e masterizzazione della Iso. Come personalizzare il sistema? Questa è la domanda fondamentale del proprio processo di customizzazione. Rispondendo si a questo punto sarà possibile aggiungere e rimuovere pacchetti dalla Iso usata di default.

812

Successivamente verrà chiesto se si vogliono rimuovere tutti i file relativi a Windows dalla Iso. Questi file sono usati ad esempio per installazioni tramite Wubi, cliccando su Si viene previsto che la Iso sarà usata per installazioni normali su hard disk. Per cancellare i file comunque sono necessari i privilegi di amministratore.
Dopo aver risposto alle varie domande, sarà visibile un riepilogo e il software avviserà dove sarà collocata la nuova Iso che poi sarà successivamente masterizzata.

912

A questo punto Ubuntu customization kit, realizza il mount della Iso e inizierà il processo di ricreazione dell'immagine. Tutto durerà alcuni minuti a seconda della velocità del PC. In questa fase avverranno alcuni processi atti alla preparazione della nuova Iso. Saranno, in questa fase, scaricati i vari linguaggi scelti in precedenza. Di default il linguaggio presente al completo in Ubuntu è solo l'inglese.

1012

Di seguito si aprirà una finestra con varie opzioni. La prima è quella di avviare il package manager, la seconda quella di avviare una shell (un terminale) nel caso ne avessimo bisogno per svolgere altre funzioni. Per esempio si potrebbe, aprendo una shell, modificare il file dei repository. Scegliendo la prima opzione, si aprirà il package manager. Qui saranno presenti tutti i pacchetti della Iso segnati in verde. Quelli non colorati sono pacchetti non installati. Da qui si potranno aggiungere i nuovi software.

1112

Cliccando sul pulsante "Mark all upgrade" sarà possibile verificare se vi sono aggiornamenti da fare per allineare il contenuto della iso ai repository. Sostanzialmente è come se si fosse lanciato "#apt-get update && apt-get dist-upgrade" per consentire un aggiornamento completo del sistema. Saranno aggiornati 199 pacchetti e 5 nuovi saranno installati.

1212

Il processo durerà pochi minuti, come un vero aggiornamento, visto che saranno prima scaricati e poi installati i pacchetti nell'ambiente chroot (il sistema della Ubuntu in cui è ststo lanciato UCKk quindi non sarà intaccato). Quando UCK avrà aggiornato tutto, dopo aver cliccato su "continue building" occorreranno altri minuti per creare la nuova Iso che sarà chiamata livecd. Iso e che poi potrà essere masterizzata su CD e usare per le nuove installazioni. A fine processo sarà disponibile la nuova iso in /home/ utente/tmp/remaster-new-files. Dopo la masterizzazione conviene spostarla e poi entrare da shell in /home/utente/ tmp e dare #sudo rm -r * per fare pulizia nella directory. Prima di procedere oltre sarebbe opportuno provare con una macchina virtuale che la distribuzione appena creata funzioni in modo adeguato, in modo da averla pronta all'occorrenza. In questo modo si sarà creata la propria copia di Ubuntu con le caratteristiche scelte, pronta quindi per una nuova installazione su un nuovo computer.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Linux

Come installare Grooveshark su Ubuntu 11.10 e ascoltare la musica direttamente da Unity

L'ascolto della musica direttamente dal web sta crescendo di anno in anno. I canali messi a disposizione della rete per ascoltare o scaricare musica sono veramente tantissimi e non c'è che l'imbarazzo della scelta. Quello di cui andremo a trattare in...
Linux

Come ripulire Ubuntu dai file inutili

Si stanno diffondendo sempre di più dei sistemi operativi alternativi a Windows. Quest'ultimi infatti il più delle volte sono bastati su Linux. Tra le distribuzione Linux più diffuse e utilizzate nel mondo dell'informatica, troviamo senza ombra di...
Linux

Come aggiungere repository su Ubuntu

Qualora utilizziate Ubuntu, una delle cose che sicuramente vi avranno maggiormente colpito è il sistema di gestione dei pacchetti Synaptic', che vi consentono di ricercare un nuovo software su Internet ed installarlo in pochissimi passaggi; per coloro...
Linux

Come usare i programmi di windows su linux ubuntu

Un buon motivo per passare a Linux Ubuntu è la possibilità di usare i programmi di Windows, grazie al progetto WineHQ.Destinato ai sistemi Unix-like, Wine è in grado di eseguire applicativi sviluppati in ambiente Windows su macchine con sistemi operativi...
Linux

Come installare Ubuntu Phone OS su Smartphone

Il Sistema Operativo Ubuntu è stato realizzato e diffuso dalla Canonical, una società privata, fondata da un imprenditore sudafricano, con sede nel Regno Unito. Questo software trova diversi campi di applicazione sia in ambito server, sia in ambiente...
Linux

Come sostituire la suite Adobe su Ubuntu

Ubuntu, insieme con Mac e Windows è uno dei tre sistemi operativi più utilizzati al mondo per PC desktop e notebook. Dei tre, Ubuntu è considerato quello un po' più complicato da usare, motivo per cui probabilmente è meno diffuso rispetto a Windows...
Linux

Come installare i driver Nvidia su Ubuntu

Questa è una breve e facile guida su come installare i driver Nvidia su Ubuntu 10.04 32/64 bit. È un programma Esistono tre metodi per fare l'installazione, ma questo metodo è il più semplice ed efficace, a mio avviso, perché permette al driver,...
Linux

Come personalizzare lo sfondo di Grub su Ubuntu

Le nuove tecnologie hanno fatto dei grandissimi passi in avanti per quanto riguarda i computer e i relativi sistemi operativi. Attualmente sono disponibili moltissimi tipi differenti di sistemi operativi, adatti per ogni esigenza. Moltissimi utenti preferiscono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.