Come utilizzare le emoticon per esprimere gli stati d'animo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando si scrive oggi giorno ad una persona spesso e volentieri inseriamo nel testo delle Emoticons per rendere la comunicazione più chiara ed esprimere degli stati d'animo. La prima Emoticons usata nella storia risale al 1979 da Kevin MacKenzie, il quale in una e mail suggeriva di introdurre un po' più di sentimento nei testi scritti e introdusse il primo Emoticons che fu: "-)" che significò in sostanza una linguaccia. All'inizio, questa meravigliosa novità che apporto nel linguaggio di comunicazione, non venne presa molto bene, ma poi invece si rivelò un gran successo tanto che ancora oggi le utilizziamo molto nel nostro linguaggio. Per questo  in questa guida vedremo insieme come utilizzare le Emoticon per esprimere gli stati d'animo.

24

Il linguaggio

Come abbiamo detto prima le Emoticons ormai fanno parte del nostro vocabolario di linguaggio per la comunicazione, tanto che nella vita quotidiana hanno preso un ruolo fondamentale. La maggior parte delle volte che le usiamo sono nelle comunicazioni scritte ovviamente, per esempio a mezzo di sms. Quando si scrive per sms è molto facile però delle volte che tra i due o più interlocutori non avviene quella complicità o meglio dire delle volte non si capiscono a vicenda e possono nascere dei dubbi, delle incomprensioni anche perché non vedendosi fisicamente non si può immaginare l'espressione del viso. Per venire incontro a questa carenza sono state create le così dette faccette che quantomeno rendono la nostra comunicazione più credibile e più comprensibile rispetto a prima.

34

La sequenza di carattere

La forma di linguaggio che chiamano le Emoticons ovvero l'unione delle parole tra emotion e icon, altro non è che una sequenza di caratteri, i più comuni e che più conosciamo sono :) ,: (, che rappresentano un espressione facciale che a sua volta trasmette un'emozione. Tra le varie Emoticons si differenziano anche per il loro aspetto grafico, anch'esso molto importante per trasmettere un emozione e i più comuni sono: :-o,: o, o_o. Nel primo caso scritto poc'anzi, gli occhi sono disegnati da due punti, il naso dal trattino e la bocca da un segno algebrico che rappresenta una bocca spalancata in segno di stupore quindi in questo caso stiamo trasmettendo dell'emozione.

Continua la lettura
44

Il Giappone

Come abbiamo visto in questa guida, è molto semplice usarle per esprimere una nostra emozione e sicuramente le Emoticons danno un tocco di originalità e calore nei nostri testi scritti. Per esempio in Giappone è ormai diventato un linguaggio vero e proprio e addirittura loro le sostituiscono alle parole dando appunto alle Emoticons un significato compiuto al termine stesso. Sicuramente per noi questo è ancora un miraggio ma ben presto sicuramente entreranno a far parte a tutti gli effetti nel nostro linguaggio di scrittura modernizzandolo per le generazioni future.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Software

Come creare un'emoticon con Gimp

Per poter capire come creare un'emoticon con Gimp è necessario prima di tutto scaricare il programma gratuito. Gimp è un programma professionale di fotoritocco, adatto per qualsiasi tipo di modifica virtuale o creazione di emoticon personalizzate. Una...
Internet

Come aggiungere funzionalità alla chat di Facebook

La chat di Facebook risulta molto scomoda, e per questo sono state inventate varie applicazioni che permettono di aggiungere emoticons (le "faccine") e altre funzionalità, molte di esse sono estensioni per i browser. Elencherò qui di seguito alcune...
Internet

Come creare una chat istantanea

Le chat usa e getta a interfaccia web sono più semplici da utilizzare e più sicure rispetto ai più noti e popolari sistemi di messaggistica, come la chat di Facebook e di Skype. Non veicolano virus, non creano log di conversazioni, non sono intercettabili...
Software

Come mettere emoticons sulle foto

Per rendere originale una foto, impreziosiscila con decorazioni simpatiche e strampalate. Se ami particolarmente il fai da te, puoi provvedere con pennarelli, adesivi, brillantini, lustrini, fiocchi e quant'altro suggerisce la tua fantasia. In alternativa,...
Internet

Come inserire le emoticon nascoste nella chat di google

A tutti coloro che possiedono un account Google sarà capitato di utilizzare la chat, ma una delle prime cose che si notano, iniziando a scrivere, è che la varietà di emoticon disponibili nel link ufficiale dove poterle selezionare è scarsa. Questa...
Internet

Come fare emoticon su Facebook

Grazie alla diffusione di internet e al suo sviluppo, abbiamo acquisito negli anni nuovi modi di comunicare. Probabilmente tutti noi abbiamo cominciato con le chat room, spesso a tematica libera. Poi sono arrivati anche i canali iRC, stanze a tema precedute...
Windows

Come vedere e scrivere emoji su PC Windows e Mac

Le emoji costituiscono, al giorno d'oggi, una validissima, simpatica, nonché dinamica alternativa alle più classiche ed antiche emoticon. Le emoji, infatti, possono essere utilizzate sia all'interno di messaggi di testo su Messenger, sia nelle pagine...
Internet

Come abilitare emoticon nascoste in Skype

Fin dalla sua creazione, Skype si è affermato nel panorama dei programmi per chat e videochiamate come il piú utilizzato. La grande versatilita' del programma consente di giostrare intuitivamente tra le funzionalità a disposizione dell'utente, la possibilità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.