come utilizzare Osforensics per accedere ai dati nascosti

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Vorreste poter accedere a tutti i dati nascosti del vostro computer ma non sapete proprio come fare? Se la risposta a questa domanda è si, allora questa guida farà sicuramente al caso vostro. Infatti, come avrete sicuramente già letto dal titolo, nei successivi passi, vi spiegherò come utilizzare OSForensics nel modo più veloce, pratico e sicuro possibile, in modo da accedere ai dati nascosti. Anche se all'inizio vi potrà sembrare un'operazione alquanto complicata, soprattutto se non siete degli esperti in questo genere di cose, in realtà, se seguirete attentamente la procedura che vi spiegherò tra poco, vedrete che riuscirete ad ottenere un ottimo risultato finale, sicuramente di gran lunga superiore alle vostre aspettative iniziali. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • PC
  • Connessione internet
  • Programma "OSForensics"
36

Prima di tutto, già dal momento in cui si avvia un nuovo progetto, chiamato in gergo tecnico "caso", è possibile inserire numerose informazioni aggiuntive riguardanti l'indagato di turno. Nel nostro caso i mariti gelosi, possono camuffarsi da provetti Sherlock Holmes e controllare, in pochissimi minuti, ogni spostamento dell'ignara coniuge che, molto probabilmente, si rivelerà alla fine dei fatti anche fedele. Ora, procedete al passo successivo per scoprire come fare.

46

Dopo aver correttamente installato il software vediamo quindi come configurarlo. Con il tasto destro del mouse, fate clic sul file osf. Exe, quindi avviate il processo di installazione di OSForensics. Dopo aver fatto ciò, cliccate su "Next" e confermate di aver visionato sia le condizioni d'uso che i termini di servizio del software. Proseguite premendo sempre "Next" ed avviate il processo con un semplice clic sul pulsante "Install". Successivamente, non vi resta che attendere la fine dell'installazione. Prima però, non appena vi sarà richiesto, premete "Next" nella finestra di dialogo informativo.

Continua la lettura
56

A questo punto, verificate, con la voce "Launch", OSForensics sia perfettamente attivo, quindi cliccate sul pulsante "Finish" per terminare il processo. Prima di poter analizzare i dati nell'hard disk, è necessario procedere alla creazione di un nuovo caso, ossia una directory nella quale verranno archiviate tutti i risultati ottenuti, in modo da distinguere per bene un'indagine da un'altra. Per farlo, vi basterà cliccare sul pulsante "Create case" presente nel menu "Start". Per accedervi, basterà entrare nella sezione "Manage case", presente nell'interfaccia grafica principale. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

Windows 8: come visualizzare i file nascosti

Windows 8 è un sistema operativo prodotto dalla Microsoft che è stato implementato nel 2009 e reso disponibile nel 2012. È stato commercializzato sia per PC, che per tablet, nelle versioni RT, 8, 8 pro, 8 Enterprise e 8.1. Windows 8, indipendentemente...
Windows

Come abilitare visualizzazione dei file nascosti

La guida spiega in modo molto semplice come abilitare la visualizzazione dei file nascosti, con il sistema operativo Windows. Un'operazione molto importante che consente di vedere e tenere traccia dei file di sistema. Normalmente, l'utente non può visionare...
Sicurezza

Come Creare e Visualizzare File Nascosti Su Windows

Molto spesso, capita di voler nascondere un documento, una foto, o un qualsiasi altro file presente sul proprio computer, in modo che nessun'altro possa trovarlo. Con il sistema operativo Windows, questo è possibile senza dover scaricare ed installare...
Mac

Come mostrare file nascosti in Mac

Se avete reso nascosti alcuni file sul vostro Mac e adesso non ricordate più come trovarli, oppure dovete trovare qualche informazione di sistema che il programmatore ha inserito nel vostro PC come cartelle nascoste, la guida che segue farà al caso...
Internet

Come visualizzare i files nascosti con Filezilla

Filezilla è uno dei client FTP più utilizzati al mondo per l'archiviazione e la condivisione di file attraverso la rete. Sviluppato dal 2001 e disponibile gratuitamente per sistemi GNU/Linux, Microsoft Windows e macOS, permette la gestione ed il trasferimento...
Windows

Come rendere visibili i drive nascosti in Windows

Windows 7, per risparmiare risorse durante il suo utilizzo, nasconde in automatico i drive che non vengono utilizzati. Tuttavia questi non risultano visibili nemmeno in "esplora risorse", pertanto può rivelarsi necessario trovare un metodo che consenta...
Windows

Come utilizzare le icone nascoste di Windows 7

Stai cominciando a prendere sempre più confidenza con il mondo dei computer. Utilizzi Windows 7 ed ora hai deciso di fare un nuovo importante passo verso la conoscenza del sistema operativo installato sul tuo PC: abilitare la visualizzazione dei file...
Linux

Come creare e mostrare file e cartelle nascoste in Ubuntu

Ubuntu è un sistema operativo dal curioso nome in lingua zulu, di distribuzione Linux. Caratterizzato da una estrema semplicità di utilizzo, vide la propria commercializzazione sul mercato a partire dal mese di Ottobre dell' anno 2004. Ecco una breve...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.