Il linguaggio PROLOG: guida

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Prolog è uno specifico e particolare linguaggio di programmazione appartenente alla categoria di logica generale, correlato all'intelligenza di tipo artificiale ed alla linguistica computazionale. Tale linguaggio è stato ideato grazie ad un gruppo di studiosi informatici guidati da Alain Colmerauer in Francia, nello specifio a Marsiglia, nei primi anni settanta. Il primissimo sistema Prolog fu sviluppato nel 1972 da Colmerauer insieme a Philippe Roussel. Ecco dunque, qui di seguito, una breve guida per la descrizione dei fondamenti generali e più importanti di Prolog.

26

Occorrente

  • Conoscenze base di informatica
36

Caratteristiche tecniche di Prolog

Anzitutto, all'inizio della sua creazione, Prolog aveva come fine l'elaborazione e la creazione del linguaggio di tipo naturale mentre, al giorno d'oggi, questo stesso linguaggio arriva in molti altri settori, dove opera efficacemente con teoremi, sistemi esperti, giochi vari, sistemi di risposta automatizzati, ontologie e sistemi di controllo sofisticati all'interno dei più svariati sistemi. Prolog, modernamente, supporta ed aiuta straordinariamente nella creazione di interfacce utenti grafiche, così come nelle applicazioni amministrative in rete.

46

Creazione del sistema

In Prolog, la logica del programma è scandita attraverso la terminologia delle relazioni, mentre un calcolo viene fatto partire eseguendo una query su queste relazioni prese in analisi e studiate nello specifico. Le relazioni e le query sono costituite attraverso l'utilizzo di alcuni tipi di dati singoli appartenenti a Prolog. Queste date relazioni sono scandite da precise clausole: data una query, il motore Prolog prova a ricercare una risoluzione alla confutazione della query che, a sua volta, ha subito una negazione. Se la query negata può trovare una confutazione, ovvero un fattore di istanza per tutte le variabili libere, ciò fa sì che l'unione delle clausole e l'insieme singleton consistente della query negata risulti falso. Da qui, ne deriva che la query originale, attraverso la creazione di istanze applicate, diventi un procedimento di conseguenza logica del programma.

Continua la lettura
56

Utilizzo di una certa quantità di dati

Tuttavia, affinché Prolog permetta dei predicati impuri, il valore di verità di alcuni predicati speciali possono possedere certi effetti collaterali di tipo intenzionale, come per esempio la figurazione di un valore sullo schermo. Per questo motivo, il programmatore è autorizzato ad utilizzare una certa quantità di dati quando il paradigma logico risulta scomodo. Oltre a ciò, possiede un sotto-insieme puramente logico, denominato "pura Prolog", oltre che un fissato numero di caratteristiche appartenenti all'extralogica.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Come personalizzare la scrollbar con jQuery e CSS

Le scrollbar di default dei browser fanno a pugni con il design del tuo sito? Ti piacerebbe poter creare delle barre di scorrimento personalizzate adatte allo stile delle tue pagine web? Leggi questa guida e scopri come farlo usando jQuery Custom Scrollbar....
Windows

Come creare Una Query A Campi Incrociati In Access

Con l'introduzione dei DataBase la tecnologia ha fatto un enorme passo avanti, permettendo ad applicativi ed utenti di impostare interrogazioni veloci e mirate capaci di filtrare in miniera opportuna i dati memorizzati e di essere efficaci anche nei casi...
Software

Microsoft Access 2010: le query

Nel pacchetto Office 2010 ci sono diversi software, tra questi è presente anche Microsoft Access 2010, esso serve per la gestione di un database di tipo relazionale. Grazie alle query, che sono degli strumenti, è possibile consentire la manipolazione...
Windows

Come creare e modificare le query in Access

Access è un potente database relazionale che viene fornito nella suite Professional di Office e permette la creazione di applicazioni attraverso una intuitiva interfaccia per la gestione dei dati e di un modulo RAD per lo sviluppo rapido di applicativi....
Windows

Come creare e utilizzare una query per aggiornare dati in una tabella in access

Le query di aggiornamento permettono di modificare i parametri di riferimento di diversi valori, corrispondenti a specifici record di una tabella o di un intero database. In generale, il funzionamento della query prevede l'estrapolazione di determinati...
Windows

Come creare e utilizzare una query per salvare come tabella le informazioni estratte in Access

Utilizzando spesso dei database, potrebbe essere possibile dover ricorrere all'impiego delle query in maniera continuativa e non voler ripetere sempre le stesse operazioni. Una query è un accesso da parte di un utente ad un database per riuscire a compiere...
Programmazione

Come usare jQuery Mobile

Da qualche tempo gli sviluppatori di software si sono posti il problema di creare degli “script” (particolari programmi scritti in un dato linguaggio di programmazione in grado di “supportare” software più complessi) che potessero funzionare...
Programmazione

Come trasformare il risultato di una query SQL in una tabella

Al giorno d'oggi è indispensabile avere una certa esperienza in campo informatico, per riuscire a trovare facilmente un lavoro oppure per poter agire in proprio. Alle scuole superiori vengono fornite delle nozioni generali di informatica, però per approfondire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.