AdWord: le regole per iniziare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nell'era della globalizzazione 3.0, è fondamentale, per le aziende, affacciarsi sul mondo di internet. Risulta indispensabile una campagna di marketing che includa determinate strategie tese ad ottimizzare la conoscenza di sé sul web. Per questo si parla, ormai da tempo, di SEO e SEM, immancabili per non essere tagliati fuori dal mercato globale. Ecco, quindi, che si parla anche di posizionamento sui motori di ricerca, parole chiave e quant'altro. Il fine è quello di essere costantemente visibili nella rete internet, rendendosi sempre appetibili ad una clientela assodata o potenziale. Per questo motivo esiste la AdWord, uno strumento creato da Google che permette di conciliare tutto ciò, per realizzare una campagna pubblicitaria degna di successo. Vediamo quindi quali sono le regole per iniziare a pubblicizzarsi con AdWord.

26

Effettuare una ricerca preliminare

Sembra banale, ma sono in tanti a voler ricorrere ad AdWord, senza conoscere le sue potenzialità ed i suoi reali fini. AdWord non è un semplice tool per la creazione di pubblicità da spargere ovunque nei meandri della rete digitale. Il tool serve per promuovere la propria azienda, in modo tale che cercando determinate parole chiave, i lettori possano trovare il sito web di riferimento sulla colonna di destra o nella sezione sovrastante i risultati di ricerca cosiddetti "organici".
Farsi un'idea su cos'è AdWord, ancora prima di iniziare ad utilizzarlo, è importante per un uso conscio.

36

Comprendere l'importanza delle keyword

La logica delle parole chiave è alla base di tutto. Queste servono per inquadrare e guidare la propria campagna pubblicitaria verso determinati orizzonti, coinvolgendo un target d'utenza ben preciso. Questo target si può definire in base all'età, alla posizione geografica, al genere, ecc. Ovviamente tutto ciò dipende dal servizio o dal bene che ha da offrire l'azienda che ricorre ad una campagna di marketing sfruttando AdWord, per la quale solitamente si effettuano degli studi statistici e sociologici di supporto. Le keyword devono quindi tenere conto di una serie di dettagli, ma allo stesso tempo devono essere semplici, efficaci e non troppo comuni. Se le Keyeord sono troppo comuni, si rischia di confondere la propria pagina web tra le tante presenti nei risultati di ricerca, rendendo vana la campagna di marketing. Perciò gli studi sul campo vanno a braccetto con la parte tecnica.

Continua la lettura
46

Preventivare il prezzo per i clic

Un passo importante, è quello di stabilire il prezzo che si è tenuti a pagare a Google per ciascun clic. Inoltre bisogna fissare un budget quotidiano. Vi starete chiedendo perché, ma se già avete dimestichezza con AdWord, saprete che esso funziona proprio tramite il cosiddetto Pay per clic. In parole più povere, possiamo dire che ogni volta che un internauta clicca su un annuncio pubblicitario, Google preleva il costo di quel clic dal budget quotidiano stabilito, fino a quando esso si esaurisce.

56

Studiare strategie vincenti

Tenendo presente che per ogni clic si spende un prezzo predefinito, è importante che dietro alla campagna messa in piedi, vi siano degli studi approfonditi. Un clic fatto da un utente che non ha nulla a che vedere col bacino d'utenza verso il quale l'azienda vorrebbe orientarsi, è un clic perso. E con esso il quantitativo pagato a Google per quel clic. Ancora una volta si sottolinea, dunque, l'importanza di un approccio professionale o comunque ben ponderato. La coerenza è ciò che maggiormente premia Google. Quest'ultima, per garantire a sé stessa una buona reputazione, ha a cuore che l'azienda pubblicizzata offra annunci coerenti con i servizi proposti. Per questo gli annunci coerenti vengono valutati positivamente, al fine di saltare in cima ai risultati di ricerca. Ma solo con una strategia vincente si può salire in cima.

66

Scegliere la giusta campagna

Le campagne non son tutte uguali. Una campagna a pagamento può puntare sia alla rete di ricerca che a quella cosiddetta "display". La prima riguarda gli annunci sponsorizzati; la seconda riguarda invece i banner ed altri annunci visualizzati sui rispettivi siti internet che li ospitano. Anche in questo caso, prima di scegliere l'una o l'altra, è fondamentale tenere a mente il bacino d'utenza, ovvero il target al quale ci si rivolge.
È dunque evidente che una campagna pubblicitaria con AdWord, non può essere effettuata senza appropriate conoscenze di marketing al passo con i tempi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Internet

Facebook: regole per una copertina perfetta

La foto di copertina di Facebook occupa un grosso spazio nella nostra timeline. L'immagine caricata, infatti, dev'essere grande almeno 720 pixel di larghezza. Inoltre, ricordate che potete caricare un'immagine già ritagliata (della misura che più preferite),...
Internet

Le regole d'oro per trovare lavoro su LinkedIn

Le regole d'oro per trovare lavoro su Linkedin: Se state cercando lavoro su web, non trascurate i social network. Sopratutto quelli professionali. Linkedin, stà ridefinendo dei criteri adottati dagli head hunter. Aspetti come: il network professionale,...
Internet

10 regole da seguire per creare il perfetto profilo su LinkedIn

Creare un profilo perfetto su Linkedin e molto ambito non è poi cosi difficile. Infatti basta continuare nella lettura della guida per scoprire le 10 regole da seguire per avere successo nel Social professionale numero uno al mondo grazie ad un profilo...
Internet

Facebook: 5 regole per un profilo interessante

Si sa che oggi i social network la fanno da padrone ed alcuni come Twitter e soprattutto Facebook sono una vera gara alla popolarità tra gli utenti iscritti.Vuoi essere interessante? Vuoi essere seguito? Vuoi sorprendere?Allora ecco 5 regole per un profilo...
Internet

10 regole per fare acquisti online in tutta sicurezza

Da alcuni anni sta dilagando la tendenza a fare acquisti online. I pochi, che ancora ne fanno a meno, temono per la sicurezza dei propri dati. Fare acquisti online è facile, ma richiede molta attenzione e dedizione. Cadere nella trappola di truffatori...
Internet

Instagram: 5 regole per un profilo interessante

Non puoi fare a meno di Instagram? Vorresti avere un profilo interessante ma non sai come fare per attirare nuovi followers? Ti spiego subito come fare seguendo 5 semplici regole! Diciamocelo, al giorno d'oggi, specialmente gli adolescenti, cercano ogni...
Internet

10 regole da seguire per fare SEO on-page

Per ottenere un buon posizionamento nei motori di ricerca è assolutamente necessario fare SEO on-page. Questo sistema consiste nell'ottimizzare un determinato sito web, in modo da renderlo più conforme agli standard di Google. Così facendo si aumenterà...
Internet

Linkedin: 5 regole per un profilo interessante

LinkedIn è un tipo di servizio offerto sul web totalmente gratuito. È una sorta di Facebook se vogliamo fare un paragone semplice ma viene utilizzato principalmente per creare contatti lavorativi. Infatti rispetto a Facebook, lo scopo di LinkedIn, è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.