Come analizzare le visite al proprio sito con Google Analytics

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Come molti già sanno, Google Analytics è uno dei servizi gratuiti migliori che si possano trovare per analizzare le statistiche relative al vostro sito web o blog. Questo servizio di statistiche è davvero tra i più completi della categoria e permette, aggiungendo sul tuo sito un semplice codice di monitoraggio in formato Javascript, di ricevere un numero impressionante di dati, che saranno utilissimi per ottenere importante informazioni sul tuo sito e sui visitatori che vi accedono. Google Analytics è un servizio gratuito offerto da Google, che ti permette un controllo a livello professionale degli accessi, molto più che con un contatore delle visite. Ecco come analizzare le visite al proprio sito con Google Analytics.

28

Occorrente

  • Un computer
  • Un sito web o blog
  • Una connessione internet
  • Un account Gmail
38

Il servizio offerto sicuramente è tra i migliori: nella versione gratuita, Analytics può tracciare fino a 5 milioni di page views (ossia di singole pagine visitate) al mese: superate queste cifre il servizio diventa automaticamente pagamento.
Ma se volessi comunque continuare ad utilizzarlo gratuitamente, questa limitazione è abbastanza semplice da aggirare: ti basta creare un account Adwords, il servizio di advertising di Google, e collegarlo all'account Analytics.

48

Vediamo come iniziare e come utilizzarlo al meglio per ricavare informazioni utili alla tua attività.
Se per caso tu non hai ancora un account su Google Analytics puoi crearlo facilmente in pochissimi minuti. Quello che ti serve è soltanto un account di posta su Gmail.
Per prima cosa, vai su sito di Analytics e registrati utilizzando l'account Gmail appena creato.
Una volta che avrai inserito tutti i dati, ti verrà fornito un codice javascript da inserire in ogni pagina del tuo sito.

Continua la lettura
58

Una volta inserito il codice nel sito, il gioco è fatto!
Non appena riceverai la conferma che l'operazione è andata a buon fine, Google inizierà ad analizzare il traffico del tuo sito, e dopo 24-48 ore al massimo potrai iniziare a visualizzare i primi dati.

68

Le informazioni fornite da Google Analytics sono tantissime, davvero molto dettagliate e possono essere personalizzate in base alle tue specifiche esigenze.
Se sei all'inizio, ti basta partire dalle informazioni di base, e poi una volta acquisita dimestichezza, puoi iniziare a settare alcune impostazioni più complesse.

Nella prima schermata (dashboard) puoi visualizzare i dati principali: il numero di visite giornaliere e mensili, il numero di pagine che sono state visitate in media, il tempo di permanenza dei visitatori sul sito, e le principali informazioni sulla loro localizzazione geografica.
Da poco Google ha aggiunto anche una funzione molto interessante, che permette di monitorare in tempo reale le visite avvenute. Avere un trend delle visite è molto importante se utilizzi Google per motivi di lavoro. L’obiettivo di tale pratica è quello di comprendere e ottimizzare la tua esperienza come utente.

78

Il passo successivo è analizzare i dati in maniera più dettagliata e sfruttare al meglio tutti gli strumenti offerti da Analytics.

Per iniziare, puoi utilizzare il menù a sinistra per analizzare dei dati ancora più utili, come per esempio le sorgenti di traffico e i referral (ossia le varie fonti da cui provengono i visitatori), i percorsi compiuti degli utenti sul sito, le pagine di arrivo e quelle in cui abbandonano il sito, o le query di ricerca (cioè le parole chiave che vengono solitamente usate per fare una ricerca su google) e che hanno portato i visitatori al tuo sito.

88

Vuoi qualcosa di ancora più personalizzato?
Puoi confrontare i dati relativi a due intervalli di date e salvare in automatico dei report (trovi l'opzione nella parte alta della pagina principale).

O ancora, Google Analytics ti permette di impostare degli obiettivi precisi, che ti aiutano a tracciare i risultati concreti ottenuti dal sito: può trattarsi di conversioni, acquisto di un prodotto dal proprio sito e-commerce, un contatto per una richiesta di preventivo (lead generation) o una registrazione alla tua newsletter. Inoltre, attivando un account con Google Analytics, potrai usufruire anche di un plugin grazie al quale, inserendo il codice di tracciamento per Google Analytics, avrai a disposizione molte altre opzioni di personalizzazione, tra cui l'estensione di WordPress.

Non mi resta che dirti: buona analisi!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Internet

Come monitorare le visite del proprio sito web

Ormai ogni piccola grande azienda o attività commerciale non può prescindere dall'avere il suo personale sito web. Un riferimento in rete è infatti necessario oggigiorno. La miglior pubblicità si fa sul web, così come sul web avviene il miglior passaparola....
Internet

Come iniziare ad utilizzare Analytics

Google Analytics è uno strumento molto importante, se non fondamentale, per capire l'andamento di un sito web. Si tratta di un pannello di controllo che monitora tutte le attività che vengono svolte nel nostro sito. Tra le attività che si possono controllare...
Internet

6 trucchi per utilizzare Google Analytics

Google Analytics è un software gratuito che offre grandi potenzialità. Serve per rilevare dati e numeri del tuo sito web. È utilizzato da quasi 30 milioni di siti web nel mondo ma a molti sfuggono le grandi potenzialità di questo software e ne osservano...
Internet

Come integrare Google Analytics con Wordpress

All'interno della presente guida che andremo a sviluppare lungo i prossimi passi della nostra guida, ora andremo a parlare di blog. Lo faremo, come avrete ben capito tramite la lettura della nostra guida, al fine di potervi riuscire a spiegare Come integrare...
Linux

I 10 plugin indispensabili per Wordpress

WordPress è la storica piattaforma che consente, ormai da diversi anni, la pubblicazione e gestione semplificata e personalizzata di siti a contenuto principalmente testuale. Siti molto simili ai blog, riccamente personalizzabili sia sul profilo degli...
Internet

Guida base al posizionamento dei siti web sui motori di ricerca

Il mondo del web è assai competitivo e vasto, infatti ogni giorno milioni di utenti creano nuovi siti dove vengono inseriti contenuti di varia natura, e districarsi in questo groviglio di informazione è assai complesso e stancante, soprattutto se siete...
Internet

Come tracciare il click sui pulsanti in Google Tag manager

Google Tag manager è uno strumento gratuito posto a disposizione da Google; si tratta, in particolare, di un sistema di tag. Se siete interessati a tracciare non solo i link ma anche i pulsanti, è questa la guida giusta. A tal fine sarà necessario...
Internet

Come analizzare le statistiche del proprio sito

Analizzare le statistiche del proprio sito è un accorgimento molto importante per sapere quante e quali sono le caratteristiche delle persone che realmente guardano o si interessano ai contenuti proposti. Non sempre però può essere conveniente avere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.