Come calcolare la differenza di potenziale V

Tramite: O2O 21/06/2017
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Quando si affrontano i problemi di fisica riguardanti il campo elettrico, ci si trova spesso a dover calcolare la differenza di potenziale tra due punti immersi nel campo elettrico. Tale grandezza venne scoperta da Alessandro Volta e viene spesso chiamata "tensione" o, in modo improprio, "voltaggio". Il valore si indica solitamente con il simbolo "V" o, per abbreviare, con il simbolo "v". Vediamo quindi come calcolare la differenza di potenziale V.

28

Occorrente

  • Carta e penna
  • Manuale di fisica
  • Formulario di fisica
38

Generalità sulla differenza di potenziale

Per definizione, la "differenza di potenziale" è proprio una differenza tra due potenziali elettrici, quello finale e quello iniziale. Da qui si ha la formula "?V = Vf - Vi" (potenziale finale - potenziale iniziale). Il "potenziale elettrico" è l'energia potenziale elettrica per unità di carica e si calcola in questo modo: "V = U/q". In questo caso l'unità di misura è il "volt" (simbolo "V"). Di conseguenza, "?V = Vf - Vi = Uf / q - Ui / q = ?U/q = - L / q".

48

Le prime formule legate alla differenza di potenziale

Alla luce di quanto visto in precedenza, se una carica si sposta di una differenza di potenziale ?V è possibile ricavare la sua variazione di energia potenziale attraverso la formula "?U = q*?V". Analogamente, è possibile calcolare il lavoro eseguito dalla forza elettrostatica nello spostamento della carica. In questo caso, la formula è "L = -q*?V".

Continua la lettura
58

Le superfici equipotenziali

Una superficie in cui i punti sono allo stesso potenziale elettrico viene detta "superficie equipotenziale". Per calcolare il potenziale elettrico generato da una carica puntiforme è sufficiente utilizzare la seguente formula: "V (r) = q / (4*pi*epsilon*r)", dove "pi" e "epsilon" indicano le costanti matematiche e fisiche riguardanti il campo elettrico. In caso di campo elettrico uniforme tra due superfici equipotenziali distanti "d", la differenza di potenziale è data dalla formula "?V = -E*d".

68

Il calcolo della differenza di potenziale in laboratorio

In caso ci si trovi in laboratorio per calcolare la differenza di potenziale, generalmente tra due punti di un circuito, è necessario usare un "voltmetro". Esistono diverse tipologie di voltmetro: il "voltmetro ideale", bipolo e dotato di resistenza infinita che non altera in alcun modo il circuito in cui è posto; il "voltmetro magnetoelettrico", molto simile all'amperometro elettromagnetico; il "voltmetro elettromagnetico", anch'esso simile all'amperometro elettromagnetico; il "voltmetro elettrodinamico", dotato di bobine collegate in serie e con una apposita resistenza per calcolare la differenza di potenziale; il "voltmetro termico", che ha il vantaggio e lo svantaggio di funzionare in condizioni di temperature molto elevate. Infine, da ricordare che per calcolare la differenza di potenziale è possibile anche utilizzare il potenziometro e l'oscilloscopio. Abbiamo terminato la nostra guida su come calcolare la differenza di potenziale V. Per ulteriori informazioni consultate il link: http://www.sapere.it/sapere/strumenti/studiafacile/fisica/L-elettromagnetismo/Il-campo-elettrico/Il-potenziale-elettrico.html.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel caso in cui non foste particolarmente pratici con i concetti generali di fisica, rivolgetevi ad una persona con più esperienza di voi o ad un professore specializzato nella materia in questione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

Come realizzare un trasformatore 5v - 12v

Dovete far variare i parametri iniziali di ingresso, rispetto a quelli di uscita tenendo però costante la potenza? Niente paura, questa guida è tutto ciò di cui avete bisogno! Infatti, attraverso pochi e semplici passaggi, vi spigherò nella maniera...
Elettronica

Come calcolare la potenza in un circuito

Così come nel caso in cui sia necessario progettare un piccolo circuito per un vostro prodotto, magari da mettere in vendita, che al puro scopo dell'apprendimento (se siete degli studenti tecnici o degli appassionati), l'elettronica è una delle basi...
Elettronica

Come calcolare il valore di una resistenza

All'interno della presente guida andremo a occuparci di circuiti elettrici. Entrando più nello specifico, parleremo di calcolo della resistenza. Come avrete già compreso attraverso la lettura del titolo di questa guida, andremo a spiegare come andare...
Elettronica

Come si calcola la potenza dissipata da un circuito

Il passaggio di corrente elettrica attraverso un corpo conduttore, viene accompagnato dallo sviluppo di calore – il cosiddetto “effetto Joule - che comporta il progressivo surriscaldamento del resistore. L’energia elettrica viene trasformata in...
Elettronica

Come calcolare la tensione in un circuito parallelo

I resistori che sono i componenti dei circuiti elettrici possono essere in serie o in parallelo. Quelli più utilizzati sono quest'ultimi, le prese elettriche per uso domestico sono sempre collegate in parallelo. Se si conoscono i principi e le formule...
Elettronica

Come calcolare la potenza elettrica consumata

Determinare quanta elettricità consumano gli elettrodomestici può aiutare a capire come risparmiare. È molto importante stimare la quantità di energia elettrica che un apparecchio utilizza e quanto sono i costi, in modo da poter decidere se investire...
Elettronica

Come misurare la tensione di un diodo Zener

Il "diodo" è un componente elettronico di tipo bipolare, ovvero permette il flusso di corrente elettrica al suo interno, ma solamente in un determinato verso, nell'altro, invece, viene bloccato già in partenza. Nella presente e rapida guida, andremo...
Elettronica

Come verificare il funzionamento di un condensatore

Il condensatore, detto anche capacitore, è un componente elettrico in grado di immagazzinare l'energia in un campo elettrostatico; un condensatore inserito in un circuito, dunque, resta carico per un certo tempo anche dopo aver staccato la batteria di...