Come caricare manualmente una batteria scarica

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Attualmente viviamo in un'epoca dove il consumo delle batterie è un argomento pressante. In ambito elettrico molti produttori stanno cercando di avviare sperimentazioni che possano allungare il tempo di carica delle singole batterie, rendendole più durature e performanti. I metodi reali per caricare manualmente una batteria scarica sono ancora poco applicati e scarsamente studiati scientificamente. Per ora è impossibile caricare manualmente una batteria poiché questa necessita di energia elettrica a sua volta. In questa breve guida vedremo, quindi, come caricare manualmente uan batteria scarica, cercando di utilizzare quel poco di corrente prodotta dal nostro corpo, in modo rapido e sicuro.

24

Utilizzare l'energia del corpo

Il primo aspetto che andiamo ad affrontare è introduttivo all'argomento. Spiegandolo nel modo più semplice possibile nel caso in cui noi andassimo a ricaricare una batteria manualmente, è deducibile che in quel momento le nostre fonti d'energia (elettrica) siano esaurite. Noi, però, in teoria potremmo ricaricare, grazie alla nostra energia, almeno il 5% della carica totale di una qualsiasi batteria, da quelle al litio contenute nei cellulari a quelle a stilo. La difficoltà maggiore sta nel creare una energia tale da poterla sfruttare come fonte di ricarica.

34

Utilizzare le proprie dita

In questo secondo punto forniamo uno spunto riguardo all'argomento. Le nostre dita, infatti, potrebbero fungere da presa per le comuni batterie, in linea teorica. Ma applicare questa idea alla realtà non è così semplice. Il sistema, infatti, consiste nel riuscire a strofinare i due poli della batteria (+ e -) il più forte possibile, così da creare l'energia sufficiente all'esperimento. In questo sarà possibile trasmettere la giusta quantità di calore ai poli, seppur nella realtà non del tutto sufficiente. Ad esempio per riuscire ad ottenere una discreta resa, caricando di un 5% la batteria, avremo bisogno di parecchie ore di strofinio.

Continua la lettura
44

Utilizzare la dinamo a manovella

Nell'ultimo punto affronteremo un metodo classico per la produzione di energia in maniera semplice e pulita, ovvero tramite l'utilizzo di una dinamo a manovella. Questo metodo consiste nel fornirsi di un alternatore dinamo e successivamente agganciarci una manovella. A questo punto, una volta collegati i poli alla dinamo, sarà possibile girare la manovella in modo da generare corrente. Il metodo appena citato risulta meno faticoso rispetto a quelli visti di recente, seppur la resa rimanga mediocre. Altri metodi sviluppati di recente riguardano le batterie che sono in gradi di ricaricarsi wireless, senza l'ausilio di veri supporti collegati al nostro apparecchio. Soprattutto negli smartphone di ultima generazione è stata implementata questa idea, con discreto successo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Hardware

Come non rovinare la batteria del PC

La batteria di un computer portatile è importantissima perché dalla sua durata possono dipendere molte delle nostre operazioni quando siamo in mobilità. Nella seguente guida, passo dopo passo, indicheremo delle regole e anche dei piccoli trucchi per...
Hardware

Come preservare la batteria di un notebook

La moderna tecnologia ci consente di effettuare delle procedure che un tempo sembravano impensabili. Il primo computer aveva dimensioni mastodontiche, oggi invece se pensiamo ad un laptop o ad un notebook, sappiamo bene quanto questi strumenti siano versatili...
Hardware

Come ripristinare il livello di carica della batteria notebook

Le batterie al litio dei notebook sono soggette all'invecchiamento. Molte volte ci lamentiamo della loro durata, della marca e del modello della stessa ma non è colpa della batteria stessa ma colpa nostra che non la utilizziamo correttamente. Ecco come...
Elettronica

Come funziona un generatore di tensione ideale

Un generatore di tensione risulta essere precisamente un dispositivo in grado di generare e mantenere una differenza di potenziale elettrico ai suoi capi, meglio denominati "poli". Capire il suo funzionamento non risulta essere affatto difficile come...
Elettronica

Come ricaricare batterie non ricaricabili

Al giorno d'oggi sembra trascorsa un'eternità da quando erano presenti le batterie gettate nel cassonetto dopo il loro utilizzo, perché ormai giunte al termine della loro vita. Inoltre, possiamo ricordare l'avvento delle pile ricaricabili, anche se...
Hardware

Come aumentare la durata della batteria dei portatili

Molto spesso capita che, quando si utilizza un computer portatile, a lungo andare la sua batteria si danneggi inesorabilmente e dunque cominci a durare sempre meno. Tuttavia, attraverso una serie di piccoli accorgimenti è possibile aumentare la durata...
Elettronica

Metodi per aumentare il voltaggio di una pila

Premesso che per seguire questa guida è necessario utilizzare pile a basso voltaggio, per dare addito alla vostra curiosità vi illustreremo alcuni metodi per aumentare il voltaggio di una pila. Capiremo quale tecnica utilizzare con l'impiego di una...
Hardware

Come allungare la vita della batteria del PC

I computer portatili sono alimentati da una batteria rimovibile o portatile, quando non vengono collegati direttamente a una presa elettrica. Le batterie generalmente hanno una durata di 12-36 mesi e 300-500 cicli di carica/ricarica. Una volta esaurite...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.