Come collegare i fili elettrici

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Di tanto in tanto potrebbe capitare di avere la necessità di collegare dei fili elettrici. Pensiamo, per esempio, ad un cavo logoro, che ha bisogno di riparazione. O a delle prese i cui fili necessitano di un piccolo intervento. Questo lavoro, per quanto semplice sulla carta, richiede una buona mano. Senza un po' d'esperienza è sempre meglio rivolgersi a degli esperti. Ma scopriamo più nel dettaglio come collegare i fili elettrici.

26

Occorrente

  • Forbici da elettricista o spellacavi
  • Cacciavite
  • Nastro isolante
  • Mammut
36

Iniziare col lavoro

Naturalmente collegare i fili elettrici richiede un po' di dimestichezza col mestiere. Per una persona totalmente inesperta possono esserci dei rischi. Accertiamoci di rispettare tutte le basilari norme di sicurezza prima di un simile lavoro. Per prima cosa apriamo la parte in plastica svitando l'apposita vite. Prendiamo i fili elettrici e tagliamo un pezzo di guaina esterna per metterli a nudo. Troveremo di fronte a noi tre fili di diverso colore. Il filo blu è sempre il conduttore neutro, il giallo e verde rappresentano la messa a terra. Gli altri colori, che vanno dal marrone, al grigio, al nero sono i conduttori di fase. Spelliamo ancora i fili, utilizzando l'apposito spella fili o delle forbici da elettricista. Per dare una forza superiore ai fili di rame scoperti, arrotoliamoli su se stessi.

46

Giuntare i cavi

Svitiamo le tre viti all'interno della spina, avendo cura di mettere il filo della terra al centro. Per quanto riguarda il neutro e la fase è indifferente la posizione. Avvitiamo nuovamente con forza le viti. Chiudiamo, quindi, la parte in plastica. Le stesse regole appartengono alle prese da muro. Per quanto riguarda gli interruttori, invece, consigliamo di rivolgersi a un elettricista. Potrebbero, infatti, esserci delle problematiche riguardanti l'accensione con gli altri interruttori collegati al medesimo punto luce. Per giuntare due cavi liberiamoli dalla guaina e spelliamo i fili. Ora allarghiamo i fili di rame di ogni filo, fino a produrre un ventaglio. Prendiamo due fili di ugual colore e sovrapponiamoli, prendendoli nella stessa direzione. Arrotoliamo su se stessi i fili di rame, arrivando a produrne uno saldo.

Continua la lettura
56

Ricreare la guaina

Tiriamo leggermente i due fili in senso opposto, in modo da avere la giunta in linea con il nuovo filo unito. Prendiamo del buon nastro isolante per elettricisti e avvolgiamo la giunta, più parte del filo con la guaina per renderlo sicuro e resistente. Ripetiamo l'operazione con gli altri quattro fili.
Quando avremo finito questo passaggio, produrremo una guaina che funga da protezione. Usiamo del nastro adesivo, partendo da un cavo intero. Arrotoliamo i cavi senza guaina, fino ad arrivare nella parte integra del pezzo giuntato. Un altro e forse più sicuro metodo per unire due cavi è l'uso di piccoli morsetti a vite. Ci permettono di non fare uso del nastro isolante. Di semplice e veloce utilizzo, ci verranno in soccorso in qualsiasi luogo, anche all'aperto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

Come collegare due deviatori elettrici

Nell'elettrotecnica, un deviatore elettrico è come un interruttore. La sua funzione però, è diversa: invece di interrompere un flusso di energia elettrica, si "limita" a dirigerlo verso un altro cavo. Solitamente un deviatore elettrico è ad una sola...
Elettronica

Come costruire un telegrafo con i fili

Il telegrafo venne inventato nella prima metà del 1800: molti furono i precursori della telegrafia, ma Guglielmo Marconi, fisico e inventore italiano, ne fu il migliore fautore, poiché proprio attraverso i suoi esperimenti permise un'applicazione su...
Elettronica

Come collegare due interruttori per due lampade

Nelle stanze di ampie dimensioni, nei corridoi lunghi o, comunque in tutti quegli ambienti dove si soggiorna spesso oppure ci si muove di continuo, può essere utile disporre di un sistema di accensione e spegnimento doppio, preferibilmente collegato...
Elettronica

Guida agli impianti di allarme senza fili

In questa guida spiegheremo come realizzare, dal punto di vista pratico, degli impianti di allarme senza fili. La parte più difficile di qualsiasi progetto fai-da-te consiste nel trattare con i vari fili e con i cavi elettrici che arrivano, insieme,...
Elettronica

Come sintonizzare un telecomando per cancelli elettrici

Anche se esistono diverse tipologie di movimenti, aperture, dimensioni, velocità e tempi, è pur vero che sintonizzare un telecomando per cancelli elettrici appare un'operazione non particolarmente complessa e di ordinaria amministrazione. Potrebbe capitare...
Elettronica

Come collegare un interruttore

L'interruttore non è altro che un dispositivo elettronico di plastica o metallo presente in quasi tutti gli impianti elettrici. Usato soprattutto nelle abitazioni ha il compito di interrompere o azionare il passaggio della corrente dalla fonte all'oggetto...
Elettronica

Come collegare un quadro elettrico

Il cuore dell'impianto elettrico di una casa è senza ombra di dubbio il quadro elettrico: è qui che terminano tutti i cavi elettrici presenti in un'abitazione, ed è qui che la corrente proveniente dal contatore viene organizzata e indirizzata ai singoli...
Elettronica

Come collegare due deviatori a un punto luce

Quando nel proprio appartamento, studio, box si hanno degli ambienti molto dispersivi o lunghi corridoi, può essere utile e funzionale avere a disposizione due interruttori collegati a un lampada. Questo escamotage permette di avere sempre vicino l'interruttore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.