Come costruire un generatore di impulsi elettromagnetici

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se siamo degli appassionati di meccanica e di elettronica e ci piacerebbe riuscire a realizzare con le nostre mani alcuni particolari circuiti elettrici, ma non abbiamo mai avuto modo di imparare tutte le tecniche necessarie per riuscirci, per prima cosa dovremo cercare su internet delle guide che ci illustrino tutti i passaggi da seguire. Sul web, in fatti, troveremo tantissime guide che ci aiuteranno, passo dopo passo, a costruire il componente elettronico di nostro interesse, mostrandoci anche come fare per riuscire ad utilizzarlo in maniera corretta. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a costruire correttamente un generatore di impulsi elettromagnetici.

25

Occorrente

  • Connettori
  • Trasformatore 7805
  • Condensatore ceramico
  • Condensatore elettrolitico
  • Batteria 9 volt
35

Per prima cosa, dovremo procurarci dei connettori. Se non sappiamo dove acquistarli, potremo ricavarli da una batteria scarica, aprendo la struttura in alluminio e prelevando la parte superiore. Prendiamo adesso il condensatore, noteremo che questo ha tre alette, di cui la prima indica la tensione in ingresso, il terzo la massa e l'ultimo la tensione in uscita. Il primo piedino, ovvero quello in grado di trasmettere la tensione in ingresso, va collegato al connettore, nel lato positivo, il secondo piedino, invece, quello usato per trasmettere la massa, va collegato al connettore negativo. Usando delle pinze, fissiamo bene i piedini metallici, ricordandoci di non piegarli troppo, per evitare che si spezzino.

45

Prendiamo il condensatore ceramico e posizioniamolo al centro, tra l'ingresso e la massa. Facciamo lo stesso con un condensatore elettrolitico. Quando acquistiamo il nostro condensatore ceramico, facciamo attenzione, affinché questo sia da 100 NanoFarhad, mentre il condensatore elettrolitico deve essere da almeno 100 MicroFarhad.

Continua la lettura
55

Procediamo, collegando il secondo condensatore ceramico da 100 NanoFarhad tra la massa e l'uscita. Una volta fissato questo, prendiamo un condensatore ceramico da 1 NanoFarhad, collegando il lato positivo alla massa e il lato negativo all'uscita. Così facendo, otterremo la struttura base del nostro generatore. Per ultimare il generatore, colleghiamolo ad una batteria da 9 volt, incastrando le parti e facendo attenzione a non forzare la struttura. Verificando la portata del nostro generatore, potremo notare che la potenza sarà di circa 5 volt. A questo punto non ci resta che provare a realizzare il nostro generatore di impulsi elettromagnetici, seguendo semplicemente tutte le indicazioni riportate in precedenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

Come funziona un generatore di tensione ideale

Un generatore di tensione risulta essere precisamente un dispositivo in grado di generare e mantenere una differenza di potenziale elettrico ai suoi capi, meglio denominati "poli". Capire il suo funzionamento non risulta essere affatto difficile come...
Elettronica

Come funziona un generatore di corrente ideale

Elettrotecnica, questa sconosciuta! Ci sono argomenti che sembrano davvero non volerci entrare in testa. Soprattutto se abbiamo fatto degli studi classici. O molto lontani da numeri, poli e bipoli. Ma è sempre cosa buona giusta avere un'infarinata generale...
Elettronica

Come costruire un telegrafo con i fili

Il telegrafo venne inventato nella prima metà del 1800: molti furono i precursori della telegrafia, ma Guglielmo Marconi, fisico e inventore italiano, ne fu il migliore fautore, poiché proprio attraverso i suoi esperimenti permise un'applicazione su...
Elettronica

Come costruire un multivibratore astabile

Il multivibratore astabile è un particolare circuito elettronico, utile quando serve una successione di impulsi elettrici costanti e variabili. Sebbene questo non sia un argomento alla portata di tutti, in questa guida vogliamo spiegare, nel modo più...
Elettronica

Come costruire un amplificatore per chitarra

In questa guida vedremo come costruire un amplificatore per chitarra in maniera semplice e con pochi soldi, che possa andare bene per suonare in casa o in piccoli spazi chiusi. Non sempre si ha l'esigenza o la possibilità di comprare amplificatori di...
Elettronica

Come costruire un pulsante wireless

Il controllo di un particolare dispositivo elettrico tramite un interruttore remoto wireless può risultare divertente e anche molto utile. Costruire un progetto così interessante a casa può rivelarsi ancora più divertente. Qui vengono forniti l'idea...
Elettronica

Come Costruire Un Amplificatore Audio

Un amplificatore audio è indispensabile per migliore sia i suoni che la potenza; infatti, oltre che acquistarlo è possibile anche costruirlo con pochi e semplici elementi, ed utilizzabile in molte occasioni. A lavoro ultimato, la qualità audio sarà...
Elettronica

Come costruire un microscopio elettronico

Per tantissimi di noi, sin da bambini, c'è il sogno di diventare degli scienziati. Spesso questo sogno è condito da una forte curiosità per il microscopio elettronico, piccolo strumento da laboratorio grazie a cui si riesce a osservare qualsiasi piccolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.