Come creare il cloud personale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I sistemi di archiviazione online sono tra i metodi più utilizzati per conservare i dati ed averne accesso ovunque ci si trovi. I vari Dropbox, OneDrive, Google Drive, iCloud hanno tutti la stessa funzione, seppur permettano di avere uno spazio di archiviazione differente a seconda del contratto. Ma se voleste avere un servizio cloud fatto su misura, personale, senza limiti e senza alcun controllo? Dovete sapere che creare un servizio cloud non è molto difficile, occorre solo un po' di esperienza in materia informatica. Questa guida si propone appunto di spiegarvi come creare il cloud personale.

25

Occorrente

  • Pc
  • Internet
35

Utilizzare un computer dedicato

Realizzare un servizio cloud sul proprio pc è più facile di quanto si possa pensare: tutto ciò che serve è un computer con installato Ubuntu, una connessione internet e un po' di spazio libero. Un computer dedicato sarebbe la migliore soluzione. Basta lasciarlo in esecuzione quando si va fuori. L'ideale, in questo caso, sarebbe avere una connessione internet attraverso la fibra ottica. Se non avete la fibra, la connessione cloud potrebbe rivelarsi molto lenta e crearvi qualche problema.

45

Sfruttare la memoria dell'hard disk

Un vantaggio di trasformare il vostro computer in un server cloud è che la memoria è limitata solo dalle dimensioni del suo hard disk e non dalle dimensioni del vostro conto in banca. È possibile memorizzare qualsiasi tipo e dimensione di file, non ci sono canoni mensili, ed è privato. È anche possibile concedere il permesso ad altri, come la famiglia o gli amici. Immaginate di essere al lavoro e si desidera ascoltare la musica. Con un semplice browser web si può accedere al vostro server cloud PC a casa ed accedere alla vostra libreria musicale. Se si è fuori e ha bisogno di un file da casa o dal lavoro, è possibile accedervi con un computer portatile, tablet o smartphone.

Continua la lettura
55

Installare il cloud

Se avete un sistema operativo Ubuntu, la prima cosa da fare è quella di scaricare il repository ownCLoud, che vi permetterà di configurare il sistema come un cloud. Una volta scaricato tutti i pacchetti necessari (è possibile trovarli sul sito ufficiale di Ubuntu), non dovete far altro che configurare il cloud. Dovete inserire un vostro username ed una vostra password. OwnCloud è molto facile da utilizzare ed è accessibile attraverso un'interfaccia web. Configurate il database aggiungendo la cartella sulla quale verranno memorizzati tutti i file del cloud e scegliete la tipologia di database. Se avete bisogno di una sicurezza aggiuntiva, allora potete utilizzare le connessioni SSL.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Internet

Come evitare errori sul Cloud

Il mondo del cloud computing ha rivoluzionato, in modo netto, il modo di archiviare i propri dati. Tramite la semplice creazione di un account, è possibile effettuare l'upload di qualsiasi file noi abbiamo, facendo spazio sul proprio hard disk. Questa...
Internet

Come allegare file dal Cloud in mail su iOS

La nascita degli smartphone ha segnato un sostanziale cambiamento nel nostro modo di interagire col mondo che ci circonda. È possibile, oggi, rimanere sempre in contatto attraverso tante forme diverse: messaggi, social, chiamate e mail. È proprio a...
Mac

Come liberare spazio su iCloud

iCloud esegue in automatico il backup di tutti i dati sul vostro iPhone, iPod touch e iPad. Se volete liberare spazio o ripristinare il dispositivo, si può facilmente fare. Purtroppo, i 5 GB di memoria che Apple ci offre gratis vengono riempiti rapidamente....
Mac

Come usare il portachiavi iCloud su dispositivi iOS7

Per chi non lo sapesse, iCloud Keychain è una funzione di Apple molto importante e utile. Attraverso di essa, è possibile la conservazione di password e di numeri di carte di credito archiviati. Il portachiavi iCloud si può attivare e disattivare...
Windows

Come crittografare i propri file sui servizi di cloud storage

I servizi di Cloud Storage costituiscono un'ottima soluzione per archiviare e condividere i propri file direttamente in rete, ma per una questione di sicurezza molte volte potrebbe essere necessario dover crittografare e caricare tutti i propri file direttamente...
Windows

Come Installare ed Usare iCloud su Windows

Nel corso degli ultimi anni, l’informatica ha sviluppato dei sistemi di archiviazione dati in grado di rendere disponibili le informazioni indipendentemente dal dispositivo utilizzato per crearle. Ad esempio, scattando una foto con uno smartphone, è...
Mac

Come si attiva e come funziona iCloud

Con l'avvento del web e delle nuove tecnologie, soprattutto per la raccolta e conservazione dati, molte sono le applicazioni inventate a tale scopo per poter garantire ad ogni utenti lo scambio di file e la conservazione in maniera sicura. Tra queste...
Internet

Come sincronizzare iCloud con Gmail

Tutti voi conoscerete, senza dubbio, iCloud e GMail, due tra i servizi cloud più celebri. Grazie ad essi è possibile comunicare istantaneamente con i nostri contatti tramite email e condividere ogni documento personale. Lo spazio a disposizione è relativamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.