Come determinare l'ora di creazione di un file con il linguaggio Harbour

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La data di creazione o di aggiornamento di un determinato file può diventare spesso un elemento da conoscere che è molto importante per chi utilizza specialmente per lavoro il computer. A volte, anche in una applicazione informatica, c'è l'esigenza di determinare con precisione l'ora di creazione di un certo file. Questa operazione ad esempio è utile per sapere se un determinato archivio può essere obsoleto oppure no. Qualunque sia il motivo per cui si voglia conoscere l'ora di creazione di un file, il linguaggio Harbour ti consente di determinare l'ora esatta in cui un determinato file è stato creato.

26

Occorrente

  • Compilatore Harbour
36

Invece molti altri linguaggi di programmazione non mettono assolutamente a disposizione del programmatore nessuno strumento per la determinazione dell'ora di creazione di un certo file. Il linguaggio Harbour, a differenza di tutti gli altri linguaggi di programmazione, dispone invece di una utilissima funzione che consente di determinare in maniera assolutamente precisa l'orario esatto in cui un archivio è stato creato. Questa utile funzione, insieme a tante altre funzioni, appartiene a quella collezione di funzioni che consentono di gestire i files.

46

Questa possibilità, in effetti, è molto utile per tanti contesti. Innanzitutto, sapere l'ora in cui è statoi creato un file consente al programmatore il controllo di una determinata applicazione. Infatti così può verificare se gli archivi del sistema sono stati modificati prima o dopo una certa ora oppure può controllare se un database è utilizzato e da quanto tempo.

Continua la lettura
56

Per determinare l'ora esatta di creazione di un determinato file, di qualsiasi estensione sia, il linguaggio Harbour ha a disposizione una funzione semplice che consente esattamente questa verifica. Esiste infatti una procedura che è già predisposta a questo scopo. Tale funzione si chiama "filetime ()" ed esegue il reperimento dell'ora in cui è stato creato un file.

66

Facciamo un esempio. Se vogliamo sapere a che ora il file chiamato "prova. Exe" è stato creato, baste invocare semplicemente l'apposito comando "? Filetime ('prova. Exe')". Il risultato sarà un orario e verrà visualizzato sullo schermo. Se poi, nel parametro che si mette tra parentesi, si specifica invece un nome di un file inesistente, il risultato che la funzione fornisce è quello di una stringa nulla. Di conseguenza questa funzione può essere comoda anche solo per sapere se un determinato file esiste o meno, indipendentemente dall'ora.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

Come usare Harbour: il nuovo compilatore Clipper

L'argomento principe della seguente guida sarà Harbour. Quest'ultimo non è altro che un nuovo linguaggio di programmazione (o compilatore), che può essere considerato un evoluzione di Clipper, che ebbe grande successo negli anni '80-'90. La difficoltà...
Windows

Come determinare la dimensione e il peso di un file con il linguaggio Harbour

In questa guida vi illustrerò come determinare la dimensione e il peso in termini di bit di un file con il linguaggio Harbour.Il linguaggio Harbour o in termine più tecnico, il compilatore Harbour è il sostituto di Clipper, un linguaggio di alto livello,...
Sicurezza

Come Calcolare La Somma Dei Codici Ascii Di Una Stringa Con Il Linguaggio Harbour

A volte, in una applicazione informatica, è utile sommare il valore Ascii dei caratteri che compongono una stringa. Questi citatissimi caratteri Ascii, per chi non è molto ferrato nella materia, non sono altro che un sistema di codifica dei caratteri...
Sicurezza

Come Calcolare Il Checksum Di Una Stringa Con Il Linguaggio Harbour

Checksum è una parola inglese che, in telecomunicazioni ed informatica, significa precisamente somma di controllo. Essa rappresenta esattamente una sequenza di bit, oppure un altro valore in altra base, che è utilizzata per riuscire a controllare e...
Windows

Come generare una pausa di attesa con il linguaggio Harbour

In questa guida ci soffermeremo sulla descrizione del procedimento che porta a generare una pausa di attesa con il supporto del linguaggio Harbour. Proseguite dunque nella lettura di questa guida per apprendere le tecniche necessarie al raggiungimento...
Windows

Come Creare Un Database Dbf

Il Dbf è un file di dati del programma DB3, uno storico sistema di gestione di database, per microcomputer. Il programma girava sotto DOS. Il nucleo motore, il sistema di query, il motore di forme ed il linguaggio di programmazione generano un file di...
Programmazione

Regole per programmare in Ruby

Il linguaggio di programmazione chiamato Ruby è basato su una piattaforma open source assolutamente dinamico, caratterizzato da una sintassi semplice e produttivo, naturalmente facile da leggere ed agevole da scrivere. Creato in Giappone, Ruby è caratterizzato...
Programmazione

Come utilizzare il ciclo For nella programmazione

Sia che ci si approcci da principiante alla programmazione che se si sia programmatori esperti, i cicli iterativi quali il ciclo for, il ciclo while e il repeat... Until sono una delle funzioni più utili e indispensabili dei linguaggi di programmazione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.