Come generare una pausa di attesa con il linguaggio Harbour

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In questa guida ci soffermeremo sulla descrizione del procedimento che porta a generare una pausa di attesa con il supporto del linguaggio Harbour. Proseguite dunque nella lettura di questa guida per apprendere le tecniche necessarie al raggiungimento di tale obiettivo, ed armatevi di carta e penna per prendere gli appunti che ritenete più interessanti. A volte, in una applicazione informatica, è utile o indispensabile creare una pausa d'attesa. Può servire, ad esempio, a dare il tempo all'utente nella lettura di un messaggio o temporizzare correttamente degli eventi software o hardware. Harbour mette a disposizione tale possibilità, dunque proseguite nella lettura ed apprendete le tecniche più utili, importanti ed essenziali per il suo utilizzo.

25

Occorrente

  • Compilatore Harbour
35

Proseguiamo col dire che sono molte le occasioni in cui può esistere la necessità di sospendere temporaneamente l'esecuzione di un programma. L'utilizzo di questa funzione, come vedremo, consente l'impostazione di tempi "brevi" molto precisi. Laddove infatti vi sia la necessità di bloccare l'esecuzione del programma, tale funzione può essere applicata con successo. Ma scendiamo più nel dettagli analizzando un caso specifico in cui si richiede l'utilizzo del linguaggio Harbour.

45

Supponiamo il caso in cui, in una trasmissione seriale punto a punto, il sistema abbia la necessità di inviare un pacchetto di dati ogni 20 millisecondi. In questo caso il linguaggio Harbour deve interrompere l'esecuzione del programma per ogni intervallo impostato, come da richiesta. I casi comunque sono molteplici. Adesso andiamo ad analizzare un ulteriore caso che necessita di un particolare uso del linguaggio Harbour.

Continua la lettura
55

Un altro caso è quello della generazione delle note musicali, nella quale ogni nota deve distare un certo numero di millisecondi dalle altre. La funzione da utilizzare è "millisec ()". Il parametro passato è il numero di millisecondi. Se pertanto si ha la necessità di generare mezzo secondo di pausa, si deve invocare il comando "? Millisec (500)". Ecco dunque delineate le linee guida essenziali per l'apprendimento di un particolare utilizzo del linguaggio Harbour. Adesso non vi resta altro da fare che rileggere gli appunti e mettere in mostra cosa avete appreso. Proseguite nella lettura delle sottostanti guide correlate per avere un apprendimento maggiore della funzionalità del linguaggio Harbour. Buon organizzazione del vostro lavoro dunque, e buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

Come Determinare La Quantità Di Memoria Ram Libera Del Pc Con Il Linguaggio Harbour

Chi utilizza il computer, per lavoro o svago, e deve caricare sul sistema un'applicazione, ha la necessità di controllare quanta RAM disponibile ha a disposizione. Tale operazione si rende necessaria per controllare che l'applicazione possa essere caricata...
Sicurezza

Come ordinare alfabeticamente i caratteri di una sringa con il linguaggio Harbour

Esistono moltissimi linguaggi di programmazione che sfruttano tecnologie software differenti e che quindi necessitano di conoscenze diversificate. Esistono linguaggi specifici per un utilizzo ben determinato, oppure linguaggi più generalisti, comunque...
Windows

Come determinare l'ora di creazione di un file con il linguaggio Harbour

La data di creazione o di aggiornamento di un determinato file può diventare spesso un elemento da conoscere che è molto importante per chi utilizza specialmente per lavoro il computer. A volte, anche in una applicazione informatica, c'è l'esigenza...
Sicurezza

Come Calcolare La Somma Dei Codici Ascii Di Una Stringa Con Il Linguaggio Harbour

A volte, in una applicazione informatica, è utile sommare il valore Ascii dei caratteri che compongono una stringa. Questi citatissimi caratteri Ascii, per chi non è molto ferrato nella materia, non sono altro che un sistema di codifica dei caratteri...
Sicurezza

Come Calcolare Il Checksum Di Una Stringa Con Il Linguaggio Harbour

Checksum è una parola inglese che, in telecomunicazioni ed informatica, significa precisamente somma di controllo. Essa rappresenta esattamente una sequenza di bit, oppure un altro valore in altra base, che è utilizzata per riuscire a controllare e...
Windows

Come Creare Un Database Dbf

Il Dbf è un file di dati del programma DB3, uno storico sistema di gestione di database, per microcomputer. Il programma girava sotto DOS. Il nucleo motore, il sistema di query, il motore di forme ed il linguaggio di programmazione generano un file di...
Software

Come animare un'immagine

Da un collage di foto in sequenza, è possibile generare un'immagine animata. Questa tecnica viene adoperata soprattutto dagli appassionati di scatti fotografici e da esperti di grafica. Tuttavia, anche i meno competenti ed i neofiti possono cimentarvisi....
Programmazione

Come generare numeri casuali in Javascript

Javascript è comunemente utilizzato per la programmazione Web, per la creazione di siti internet e applicazioni web, e ha la caratteristica di poter generare degli effetti interattivi, dinamici ad impatto, molto accattivanti, in qualsiasi pagina web...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.