Come misurare la tensione di un diodo Zener

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il "diodo" è un componente elettronico di tipo bipolare, ovvero permette il flusso di corrente elettrica al suo interno, ma solamente in un determinato verso, nell'altro, invece, viene bloccato già in partenza. Nella presente e rapida guida, andremo ad analizzare, una tipologia di diodi che vi andrò ad esporre dettagliatamente nei passaggi successivi, infatti, vi spiegherò, esaustivamente, come bisogna comportarsi per misurare la tensione di un, per l'appunto, "diodo Zener" e a cosa serve effettuare questa misurazione.

26

Occorrente

  • Circuito elettrico
  • Potenziometro
36

La misurazione

In campo elettronico, quando si parla di stabilizzatori di tensione, ci si riferisce anche ai "diodi Zener", ovvero dei diodi speciali, utilizzati per le conduzioni di tipo inverso e resistenti, in grado di resistere ad un valore di tensione decisamente più elevato rispetto al normale e ai cosiddetti "effetti valanga". La misurazione del valore della differenza di potenziale elettrico, è molto utile, perché si tratta di dispositivi decisamente variegati e se i dati riguardanti quel diodo non risultano leggibili, è necessario procedere a quest'operazione per risalire alla tensione di stabilizzazione.

46

L'uso del potenziometro

Chiaramente, parlando sempre di tensione elettrica, bisogna, comunque, prendere in considerazione una, caratterizzata da parametri variabili: ad esempio, valori compresi tra "0 V" e i "100 V", anche se raramente non si supera mai un valore pari ai "30 V". Grazie ad un potenziometro, dispositivo capace di misurare la differenza del potenziale elettrico, una volta collegato al circuito, sarete capaci di modificare la regolazione della tensione. Facendo comunque molta attenzione e ricordare sempre che la "posizione Volt", va collegata ad un tester in parallelo al diodo e alla resistenza di carico.

Continua la lettura
56

I risultati

Dopodichè, una volta data tensione al nostro circuito e partendo da quella iniziale (che dev'essere obbligatoriamente pari a "0 V"), incrementare la tensione specificata, gradualmente e controllate l'innalzamento del valore sullo schermo dei vostri dispositivi. Quando noterete che questo stesso valore non s'innalza più, nonostante continuiate ad agire sul potenziometro, avrete trovato la tensione appartenente a quel diodo specifico. Quindi, non insistete sull'aumento del seguente valore, poiché rischiate davvero di compromettere il totale funzionamento circuito, prima ancora di cominciare ad usarlo costantemente. Chiaramente, ma di certo non per ultimo, un consiglio è quello di non toccare assolutamente il circuito durante tutta la misurazione, perché ricordiamo (è sempre premura farlo) che all'interno del circuito, c'è sempre flusso di corrente e sappiamo bene che l'attenzione non è mai abbastanza.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' consigliata una conoscenza basilare dei circuiti elettrici e di elettronica base
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

Diodo: cos'è e come funziona

Il diodo è un componente elettronico composto da due terminali,anodo e catodo. Il diodo viene utilizzato nei circuiti come trasformatore per controllare e eventualmente rettificare il flusso della corrente. Esistono diversi tipi di diodo, ma quello più...
Elettronica

Come Regolare Una Tensione Elettrica Con L'Integrato Lm317

L'LM317 è un circuito elettronico regolatore di tensione. Alla stessa serie appartengono anche gli integratori LM117 ed LM217. È stato uno dei primi regolatori di tensione ad essere realizzati, e tutt'ora è uno dei più diffusi. Esso è stato inventato...
Elettronica

Come funziona un generatore di tensione ideale

Un generatore di tensione risulta essere precisamente un dispositivo in grado di generare e mantenere una differenza di potenziale elettrico ai suoi capi, meglio denominati "poli". Capire il suo funzionamento non risulta essere affatto difficile come...
Elettronica

Come calcolare la tensione in un circuito parallelo

I resistori che sono i componenti dei circuiti elettrici possono essere in serie o in parallelo. Quelli più utilizzati sono quest'ultimi, le prese elettriche per uso domestico sono sempre collegate in parallelo. Se si conoscono i principi e le formule...
Elettronica

Come misurare la corrente elettrica

La corrente elettrica si misura in ampere, in elettrica si misura in milliampere, o identificata con sigla "mA". Per una misurazione dell'intensità della corrente si potrà usare lo strumento chiamato amperometro. Il suo nome deriva dall'unità di misura...
Elettronica

Come calcolare la tensione ai capi di una resistenza

L'elettronica rappresenta una materia scolastica abbastanza stimolante, attraverso cui sarà possibile sviluppare molteplici prodotti (come gli orologi, gli Smartphone ed i Personal Computer). Attualmente, ciascun apparecchio elettronico possiede al proprio...
Elettronica

Come collegare un amperometro e calcolarne l'errore di precisione

Questa guida è dedicata a tutti coloro che si dilettano a svolgere i lavori di casa e non solo, con la tecnica del "fai da te". Nello specifico ci occuperemo di come collegare un amperometro, ma prima daremo alcune delucidazioni sul suo funzionamento....
Elettronica

Come verificare il funzionamento di una resistenza

La resistenza o più correttamente resistore, rappresenta un componente elettronico costituito da due cappucci in nichel, separati da una piastra ceramica, ma collegati a loro volta da una sottile pellicola di carbonio. La sua principale funzione è quella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.