Come monitorare DDC in Ubuntu

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Come sappiamo il Display Data Channel è un insieme di protocolli di comunicazione digitale tra un display del computer e una scheda grafica video che fu sviluppato dalla Video Electronics Standards Association (associazione di imprese nata nel 1989 e promossa dalla NEC Home Electronics e da altri produttori di monitor per computer). Esso consente al display di trasmettere tutti i suoi dati identificativi. Il Display Data Channel o anche chiamato DDC consente all'host (la cosiddetta rete) di salvare determinati e specifici parametri tra cui la gamma, la luminosità e il contrasto dei colori in base ai dati che sono stati ricevuti dal monitor. Solo in Ubuntu (un sistema operativo per i server di rete, per i personal computer e per i tablet) è possibile monitorare il Display Data Channel utilizzando "Xresprobe DDC" (un pacchetto che sonda DDC e schermi laptop) e le informazioni necessarie dal modello delle risoluzioni della scheda video e dal monitor, disponibili per le dimensioni dello schermo e della gamma.

26

Occorrente

  • Xresprobe DDC
36

Prima di tutto bisogna andare al menù principale del vostro computer o insomma del vostro dispositivo e cliccare "Applicazioni"; dopo essersi aperta la cartella si deve cliccare su "Strumenti" e a sua volta selezionare "Terminal", in modo che si apra l'Utility Terminal. Appena quest'ultima si apre, si deve selezionare un file chiamato "sudo apt-get install xresprobe" e premere il tasto "Invio" per ottenere lo strumento xresprobe. Se non si è loggato come root, viene richiesto di immettere la password di root, inserirla e premere di nuovo "Invio".

46

Successivamente bisogna digitare il seguente testo: "sudo ddcprobe less" e, dopo aver eseguito il seguente passaggio, è necessario premere nuovamente il tasto "Invio" per visualizzare tutte le informazioni di DDC: è possibile visualizzare tutte le informazioni necessarie (produttore della scheda video e la memoria, modello, risoluzioni disponibili, gamma, ingresso seriale, la serie di monitor e la pista nome) sul BIOS Extension VESA.

Continua la lettura
56

Si deve digitare il testo "sudo ddcprobe grep monitorrange" e in tal caso premere "Invio" solo ed esclusivamente se si vogliono controllare i valori di refresh verticale e di sincronismo orizzontale.
Bisogna eseguire uno di questi comandi ogni volta che si cambia il sistema di monitoraggio del Display Data Channel. Sza. Spero che questo articolo vi sia stato utile e che grazie ad esso voi possiate riuscire nella vostra missione di monitoraggio del Display Data Channel!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Eseguite passo passo con attenzione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Come monitorare le pagine Facebook dei competitor

Controllare le mosse dei propri competitor è importante per mettere in rotta la propria campagna pubblicitaria tenendo conto di una serie di dettagli. Non curarsi di quello che accade attorno a sé, soprattutto riguardo le tattiche utilizzate dalla concorrenza,...
Programmazione

Come installare e configurare Eclipse su Ubuntu

Per Linux esistono centinaia di compilatori adatti alla programmazione Java. Eclipse è sicuramente uno dei migliori e soprattutto uno dei più famosi editor per linguaggio Java e non solo, perché infatti gestisce perfettamente anche C++, C, Javascript...
Programmazione

Come programmare in Python su Ubuntu

Python è un linguaggio di programmazione general-purpose ad altissimo livello. Esso viene utilizzato quotidianamente negli ambiti più diversi, come la creazione di progetti professionali molto importanti che consentono di ottenere un feedback immediato,...
Programmazione

Come installare Google Earth versione 6.2 su Ubuntu 11.10

Come voi lettori e lettrici sicuramente ben saprete, durante gli ultimi anni l'azienda americana leader di internet, Google, ha portato avanti due grandi progetti mirati alla catalogazione e scoperta geografica del nostro mondo. Google Earth genera immagini...
Programmazione

Come eseguire il tar di una directory

Il comando tar su Linux viene spesso utilizzato per creare file di archivio. Tar. Gz o .tgz, chiamati anche "tarball". Questo comando ha un gran numero di opzioni, ma è sufficiente ricordare alcune lettere per creare rapidamente archivi con tar. Il comando...
Programmazione

Linguaggio C: Le basi

Un programma viene prima scritto in codice sorgente (in questo caso il C). Per fare questo basterà utilizzare un semplice editor di testo, come "textpad" o, per chi usa Ubuntu "gedit". Il Linguaggio C permette un'iterazione con l'utente, permette...
Programmazione

C++: le basi

Sia che ti serva un linguaggio di programmazione semplice e veloce da imparare per fare elaborazione dati, che per scrivere dei piccoli programmini "fai da te" per svolgere alcune funzioni ripetitive e noiose che svolgi durante il giorno con il computer,...
Programmazione

Come installare Woocommerce su Wordpress

Sempre più persone, supportate dai molteplici devices che accompagnano le nostre giornate e dalle miriadi di opportunità offerte dall'universo web mediale, decidono di affidare le proprie considerazioni e aspettative alla rete. Non è quindi un caso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.