Come programmare al meglio in MIPS

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un evento che ha influito molto sui giorni nostri è sicuramente la rivoluzione industriale. Proprio grazie ad essa si sono sviluppati diversi programmi molto utili, adatti a semplificare le tante cose che noi svolgiamo nella vita quotidiana, i diversi mezzi di comunicazione. Tuttavia, come in ogni cosa, c'è bisogno di un esperto capace di creare questi strumenti: un informatico. Nonostante ciò sono parecchi coloro che cercano di imparare a creare questi programmi senza rivolgersi ad un vero e proprio programmatore. Per questo non dilunghiamoci troppo e vediamo insieme come programmare al meglio in MIPS.

26

Occorrente

  • Programma in assembly MIPS
36

Conoscere i linguaggi di programmazione

Come prima cosa dobbiamo capire quanti linguaggi di programmazione esistono. Questo è necessario per evitare che una persona scelga un linguaggio di programmazione non adatto o troppo complicato per ciò che si deve programmare. Tra i diversi linguaggi che possiamo trovare ci sono: jave, C++, assembly MIPS, C. Ovviamente usare questi linguaggi non è certamente facile in quanto ci vuole parecchio tempo per comprenderli e per sfruttarli al meglio affinché non vengano commessi, gravi o meno che siano, che comprometterebbero la funzionalità del programma stesso.

46

Conoscere i vantaggi

Prima di iniziare ad analizzare il linguaggio MIPS, dobbiamo sapere che Assembly è un vero e proprio linguaggio di programmazione, molto più comprensibile del linguaggio macchina in quanto utilizza diversi simboli invece che sequenze di bit (molto difficili da decifrare). Inoltre questo tipo di linguaggio è molto più semplice di altri linguaggi in quanto non prevede l'uso di articolate strutture dati. Tuttavia, come molto spesso accade, ci sono dei pro e dei contro. Per quanto riguarda i primi possiamo dire che con Assembly abbiamo una visibilità diretta dell'hardware e quindi un'ottimizzazione delle prestazione. Invece tra i contro si nota la mancanza di portabilità dei programmi ed una complessità di comprensione.

Continua la lettura
56

Conoscere le funzionalità

Per quanto riguarda il linguaggio assembly MIPS, una cosa importante da sapere è che tutte le istruzioni hanno la stessa dimensione: 32bit. Inoltre queste istruzioni possono essere di tre tipi: R (register), I (immediate), J (jump). Il primo tipo sono istruzioni aritmetico-logiche, il secondo riguarda istruzioni di accesso alla memoria o contengono delle costanti, l'ultimo tipo fa riferimento alle istruzioni di salto. Tra le istruzioni aritmetico-logiche ritroviamo tre operandi: due registri contenenti i valori da elaborare, ed uno che contiene il risultato. Tra le istruzioni di trasferimento ritroviamo due operazioni di base: lw (load word) che trasferisce una parola di memoria nel registro e sw (store word) che traferisce il contenuto di un registro in una cella di memoria.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rivolgersi sempre ad un esperto per sapere nel migliore dei modi come programmare in MIPS

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Come programmare un algoritmo in Java

Come programmare un algoritmo? Ebbene, inizialmente bisogna stabilire cosa si intende con questa dicitura. Infatti, si può programmare un algoritmo tramite la sua vera e propria creazione. Oppure lo si può studiare, come previsto in specifici corsi...
Programmazione

Come imparare a programmare

La tecnologia, col passare del tempo, sta diventando sempre più affascinante, tanto da spingerci a farla nostra attraverso la programmazione. Programmare è un po' come parlare con una macchina, e per farlo c'è bisogno dei linguaggi di programmazione...
Programmazione

Come programmare in R

Come programmare in r.? R. È un software statistico, che viene definito come un'ambiente di sviluppo, ovvero, un insieme di risorse che possono essere utilizzati per la lavorazione e gestione dei dati, per il calcolo e la visualizzazione dei grafici....
Programmazione

Come programmare in Linda

La maggior parte della popolazione italiana, secondo alcuni studi che provengono direttamente dall'università di Oxford, pare abbia iniziato a specializzarsi sempre di più nel settore informatico. Esistono moltissimi casi di ragazzi volenterosi, laureati...
Programmazione

Come programmare in Standard C++

Programmare è un atto che presuppone una conoscenza abbastanza ampia della materia, ma anche un approccio piuttosto individuale alla disciplina, perché ogni sviluppatore sceglie gli strumenti che gli sono più congeniali. Tuttavia, nel tempo alcuni...
Programmazione

Come programmare su iPad con Tynker

Con l'avanzare della tecnologia, anche operazioni che sembravano essere più complesse da svolgere, sono state semplificate e rese disponibili a chiunque. Tra queste c'è anche la programmazione web, che grazie al sito Tynker, e alla sua relativa app,...
Programmazione

Regole per programmare in ActionScript

Action Script è un nome che suonerà familiare a tutti coloro che si intendono di programmazione. Si tratta, infatti, del linguaggio di programmazione di Flash utilizzato per la creazione di videogames basati su browser. Esistono ben tre versioni di...
Programmazione

Come programmare in java su Linux

Ai giorni nostri la programmazione è sempre più avanzata e ci sono numerosi modi e piattaforme per effettuare la programmazione. Tra i software più utilizzati troviamo Java, inoltre si può programmare su varie piattaforme tra cui anche Linux. Nei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.