Come Regolare Una Tensione Elettrica Con L'Integrato Lm317

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'LM317 è un circuito elettronico regolatore di tensione. Alla stessa serie appartengono anche gli integratori LM117 ed LM217. È stato uno dei primi regolatori di tensione ad essere realizzati, e tutt'ora è uno dei più diffusi. Esso è stato inventato nel 1970 da Robert c. Dobkin e da Robert J. Widlar. L'LM317 è dotato di tre terminali denominate input, output ed adjust e viene commercializzato in diversi package, ognuno identificato da una lettera diversa aggiunta alla fine della sigla dell'integrato. Tra i package più diffusi citiamo il TO-220, per il quale la lettera che lo identifica è la T, ed il TO-3, la cui lettera identificativa è la K. A seconda della casa produttrice, esiste anche in package a tecnologia, a montaggio superficiale (SMT). Infatti, sebbene inizialmente sia stato introdotto dalla National Semiconductor, anche altre case costruttrici sono autorizzate alla sua produzione. Se seguirete questa guida nei vari passaggi vi spiegherò come regolare una tensione elettrica con l'integrato LM317.

27

Occorrente

  • C1 condensatore elettrolitico 1000 uF
  • C2 condensatore ceramico 100 nF
  • C3 condensatore elettrolitico 10 uF
  • C3 condensatore elettrolitico 100 uF
  • DS1 diodo qualsiasi tipo
  • DS2 diodo qualsiasi tipo
  • R1 resistenza 220 ohm
  • R2 resistenza: leggi la guida
37

La tensione in uscita è regolabile a piacere, purché si mantenga una differenza tra tensione in ingresso e tensione in uscita inferiore a 40V. L'integrato inoltre introduce di per sè una caduta di tensione tra ingresso e uscita (detta tensione di drop-out), non superiore a 3V. La regolazione della tensione d'uscita avviene, da parte del componente, mantenendo una caduta di tensione costante e pari a i,25V tra il terminale di regolazione e l'uscita. Ciò pone un limite inferiore alla tensione ottenibile all'uscita che è pari a 1,25V, sebbene tale limite sia regolabile con alcuni accorgimenti.

47

L'integrato dispone di una protezione interna contro le sovracorrenti, agente anche in caso di corto circuito, che opera una riduzione della tensione d'uscita tale, da limitare la corente ad 1,5V. Va tenuto presente che in queste condizioni il regolatore si trova ad erogare la massima corrente e che, riducendo la sua tensione d'uscita, la caduta di tensione ai suoi capi tende all'aumento; la potenza dissipata tende quindi ad aumentare, anche considerevolmente, rispettto ai valori di funzionamento a regime e, con essa anche il valore generato dal dispositivo, che è in prima approssimazione proporzionale alla potenza dissipata. Esso è molto facile da utilizzare e richiede soltanto 2 resistenze esterne per impostare la tensione in uscita.

Continua la lettura
57

Lo schema di base e di principio, per realizzare un completo alimentatore stabilizzato in tensione, con l'integrato LM317 è riportato in figura. I componenti regolatori sono rappresentati dalle resistenze R1 e R2, che si curano di fare erogare la corretta tensione. È consigliabile utilizzare tutti i componenti proposti, sebbene la teoria accetti solo le due resistenze.

67

Per il calcolo delle resistenze occorre effettuare semplici operazioni aritmetiche, in base alla tensione che si vuole ottenere. La resistenza R1, del valore fisso di 220 ohm 1/4 watt, serve per ottenere un partitore resistivo, dal quale si preleverà la tensione da applicare sul piedino R di regolazione.

77

Il valore della resistenza R2 andrà invece calcolato in funzione del valore della tensione stabilizzata che si vorrà prelevare dal piedino di uscita dell'integrato LM.317. Più basso sarà il valore di tale resistenza e minore sarà il valore della tensione stabilizzata, e viceversa. Se al posto di tale resistenza si inserirà un normale potenziometro lineare, si potrà ottenere una tensione stabilizzata variabile. La formula è la seguente: R2 ohm = [(Volt uscita: 1,25) - 1] x 220.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

Come cercare canali su una tv Lg con digitale terrestre integrato

Il digitale terrestre è ormai arrivato nelle case di tutti gli italiani sostituendo definitivamente il segnale analogico. Per continuare a vedere i propri canali preferiti molti hanno scelto di acquistare un decoder digitale terrestre esterno, mentre...
Elettronica

Come misurare la tensione di un diodo Zener

Il "diodo" è un componente elettronico di tipo bipolare, ovvero permette il flusso di corrente elettrica al suo interno, ma solamente in un determinato verso, nell'altro, invece, viene bloccato già in partenza. Nella presente e rapida guida, andremo...
Elettronica

Come funziona un generatore di tensione ideale

Un generatore di tensione risulta essere precisamente un dispositivo in grado di generare e mantenere una differenza di potenziale elettrico ai suoi capi, meglio denominati "poli". Capire il suo funzionamento non risulta essere affatto difficile come...
Elettronica

Come calcolare la tensione ai capi di una resistenza

L'elettronica rappresenta una materia scolastica abbastanza stimolante, attraverso cui sarà possibile sviluppare molteplici prodotti (come gli orologi, gli Smartphone ed i Personal Computer). Attualmente, ciascun apparecchio elettronico possiede al proprio...
Elettronica

Come realizzare un trasformatore 5v - 12v

Dovete far variare i parametri iniziali di ingresso, rispetto a quelli di uscita tenendo però costante la potenza? Niente paura, questa guida è tutto ciò di cui avete bisogno! Infatti, attraverso pochi e semplici passaggi, vi spigherò nella maniera...
Elettronica

Come calcolare la tensione in un circuito parallelo

I resistori che sono i componenti dei circuiti elettrici possono essere in serie o in parallelo. Quelli più utilizzati sono quest'ultimi, le prese elettriche per uso domestico sono sempre collegate in parallelo. Se si conoscono i principi e le formule...
Elettronica

Come misurare la corrente elettrica

La corrente elettrica si misura in ampere, in elettrica si misura in milliampere, o identificata con sigla "mA". Per una misurazione dell'intensità della corrente si potrà usare lo strumento chiamato amperometro. Il suo nome deriva dall'unità di misura...
Elettronica

Come riparare una stufa elettrica

Siamo ben propensi, ad offrire un valido e concreto aiuto, ai nostri cari lettori, affinché siano in grado d'imparare come riparare una stufa elettrica, che magari non funziona più o che non funziona come dovrebbe fare. Saper riparare una stufa che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.