Come Rendere il tuo account Gmail sicuro contro gli hacker

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Al giorno d'oggi, possedere un computer con internet sta diventando molto importante per rimanere al passo con i tempi. In particolare, leggere le mail è un'azione che si svolge quotidianamente. Per accedere al proprio account di posta elettronica si utilizza la password. È bene che quest'ultima sia complessa ed è buona abitudine cambiarla almeno una volta ogni sei mesi. Al fine di evitare che qualche hacker possa accedere alle vostre informazioni, è possibile aggiungere un codice PIN inviato al vostro cellulare tramite un semplice messaggio. Vediamo insieme nel dettaglio come rendere attiva questa procedura con il proprio account Gmail.

26

Occorrente

  • Account Gmail
  • Connessione Internet
  • Smartphone - Cellulare
36

Come prima cosa effettuate l'accesso al vostro account Gmail. Cliccate quindi sulla freccia che troverete in alto a destra, accanto al vostro avatar e scegliete "Impostazioni Account". Si aprirà quindi una nuova pagina con l'elenco di tutte le impostazioni del vostro profilo. Sotto la sezione 'Sicurezza' troveremo la voce "Verifica in due passaggi", che molto probabilmente risulterà essere non attiva. Cliccate su Modifica per iniziare la procedura di attivazione. A questo punto accedete nuovamente all'account, inserendo la password e potrete iniziare la procedura di configurazione del vostro telefono. Inserite il numero di cellulare su cui ricevere il codice, cliccate su "Invia il codice" e attendete di ricevere l'SMS con il codice di attivazione.

46

Riportate dunque il codice ricevuto nell'apposito spazio e cliccate su "Verifica". Una volta completata la procedura il vostro cellulare sarà collegato all'account. Potete anche decidere di memorizzare il computer che state usando per trenta giorni, in questo modo non dovrete ripetere la procedura tutte le volte. Se non avete il cellulare con voi, durante il processo di attivazione potete stampare una pagina con una serie di codici PIN utilizzabili una sola volta. In alternativa potrete aggiungere un numero secondario di emergenza, nel caso in cui doveste smarrire il vostro cellulare, potete inserire il numero di telefono di un parente o di un amico, in modo da non perdere l'accesso al vostro account.

Continua la lettura
56

Ora il vostro account è molto più sicuro. Anche se la password viene rubata nessuno potrà accedere al vostro account di posta, e il codice che avete usato per accedere rimarrà valido solo per poco tempo. Se poi siete in possesso di uno smartphone, potete anche utilizzare un'applicazione gratuita fornita da Google proprio per facilitare questa operazione: Google Authenticator. Una volta autorizzato tramite un codice o un QR code il PIN sarà fornito direttamente dall'applicazione Google Authenticator, che funzionerà come i token forniti dalle banche per l'accesso sicuro online. Authenticator esiste per Android, iOS e BlackBerry.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non avete il cellulare con voi, durante il processo di attivazione potete stampare una pagina con una serie di codici PIN utilizzabili una sola volta.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Sicurezza

Sicurezza informatica: come proteggere i tuoi account online

Molto spesso ci capita di sottovalutare l’importante che una password possa avere. Ogni giorno, infatti, la inseriamo decine di volte per entrare nell’account dei social network, nella casella della posta elettronica e chi più ne abbia più ne metta....
Sicurezza

Come verificare se sei vittima di un hacker

Quando veniamo a conoscenza di un attacco hacker da TV, giornali, o web, solitamente guardiamo alla notizia con distacco. Del resto, non essendo una banca importante, o non nascondendo nel nostro computer segreti governativi, siamo portati a pensare che...
Sicurezza

Come capire che un hacker è nel tuo pc

La vita social è un fenomeno in continua espansione. Ogni giorno vengono lanciati app, social network e piattaforme di e-commerce che fanno sì che la nostra vita quotidiana sia sempre più aderente all'online. Tuttavia, anche consultare una pagina web...
Sicurezza

Come mantenere i tuoi ricordi digitali al sicuro

Con l'aumento dei dispositivi digitali come smartphone, tablet, macchine fotografiche etc, aumentano in maniera esponenziale anche i file, i documenti, le immagini e le foto che immagazziniamo nei nostri computer. Alle volte però basta anche un solo...
Sicurezza

Come spedire e-mail criptate con Gmail

Oggi l'idea di inviare una lettera cartacea per mantenere una settimana semplice corrispondenza con gli amici e parenti, sembra un'azione totalmente antica, arretrata e spesso, anche assurda. Bisogna ormai rassegnarsi al disuso quasi totale dell'abbandono...
Sicurezza

Sicurezza su internet: il decalogo per proteggere gli account online

La sicurezza su internet è diventata uno degli argomenti principali trattati sulla rete. Nell'anno 2016 sono stati riscontrati duri attacchi, considerati i più pericolosi nella storia del web. Alcuni importanti portali, hanno dovuto registrare significative...
Sicurezza

Come proteggere i dati del proprio pc

Sempre di più capita di sentire di furti di dati personali o di hacker che sono riusciti a rubare dati protetti personali e di primaria importanza. Questo problema non impatta solo le persone famose o facoltose, ma anche cittadini privati che rischiano...
Sicurezza

Come rendere privata una cartella sul PC

La necessità di rendere privata una cartella sul PC, può essere diversa. Spesso conviene nascondere i propri dati perché condividiamo il computer di casa. Per alcuni il problema è in ufficio, quando si lavora con colleghi che non ci ispirano fiducia....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.