Come rottamare un vecchio elettrodomestico ed ottenerne uno nuovo con gli incentivi

Tramite: O2O 18/10/2018
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per chi desidera rinnovare il parco elettrodomestici in casa, oppure deve disfarsi di uno rotto, sono per fortuna disponibili ottimi incentivi per la rottamazione, che servono soprattutto per spingere le persone a non conferire in discarica apparecchi che possono essere pericolosi per l'ambiente e che sono sopratutto una importante fonte di risorse per l'industria. Quanti di noi hanno a casa un frigorifero, un forno, una lavastoviglie oppure un microonde che non utilizza più, perché non più funzionante o non più al passo coi tempi? Sicuramente in tanti e la maggior parte di noi ha la brillante idea di disfarsene e sostituirlo con uno nuovo. Con questa guida cerchiamo di capire come rottamare un vecchio elettrodomestico ed ottenerne uno nuovo con gli incentivi.

26

Occorrente

  • Vecchio elettrodomestico
  • Documento di rottamazione avvenuta del vecchio elettrodomestico
36

Quanto valgono gli incentivi

Ci sono normative sia europee che locali che ci aiutano per l'acquisto di nuovi elettrodomestici, ma anche per smaltire i vecchi. Il problema principale è quello dei rifiuti abbandonati fuori dalle discariche, sui bordi delle strade, o ancor peggio dei RAEE conferiti nei cassonetti, che contaminano poi i depositi di rifiuti e finiscono negli inceneritori, con conseguenze terribili per la salute, sul lungo periodo. Questi incentivi hanno un valore che varia da un minimo del 10% ad un massimo del 20% sull'importo del bene che intendiamo acquistare. Ovviamente ogni categoria di elettrodomestici ha una propria percentuale e il bene deve poter essere rottamato in tempi utili, pertanto sarà bene informarvi dettagliatamente e per tempo, in maniera tale da non rischiare di perdere questa occasione. A seconda del centro presso cui ci si rivolge, ci sono di solito offerte in sconti su prodotti specifici, ad esempio della stessa categoria, oppure buoni sconto generici per elettrodomestici. Quasi mai vengono proposte cifre in denaro perché il meccanismo del recupero si basa su una catena di risparmio per i vari soggetti coinvolti.

46

Come rottamare un elettrodomestico

La prima operazione che è necessario compiere è quella di recarsi presso un rivenditore di elettrodomestici che aderisce a questi incentivi statali. Oggigiorno quasi tutti i rivenditori autorizzati adottano questo metodo, pertanto è davvero semplice trovarli; un'altra cosa della quale è necessario assicurarsi con premura è che siate ancora in tempo per richiedere tali fondi, perché esiste anche una scadenza. È importante sapere che il negoziante si prenderà a proprio carico lo smaltimento del proprio elettrodomestico e lo sconto verrà applicato direttamente su quello nuovo, quindi l'acquirente non deve fare altro che compilare un'autocertificazione che, appunto, attesta l'avvenuto smaltimento e infine dovrà semplicemente scegliere il nuovo prodotto; sta poi allo Stato rimborsare il negoziante relativamente alla percentuale di sconto che verrà applicata. Le grandi catene di distribuzione riportano spesso le offerte per le rottamazioni e le maxirottamazioni sui loro siti, perché periodicamente capita che per approfittare di fine magazzino o altre facilitazioni, la direzione decida di rendere più appetibili gli incentivi, in modo tale da attirare clienti sempre nuovi.

Continua la lettura
56

Come avviene lo smaltimento

Lo smaltimento dell'elettrodomestico può avvenire in due modi differenti: a domicilio, oppure presso il rivenditore. Il metodo a domicilio prevede che il rivenditore autorizzato si presenti fino a casa per ritirare l'elettrodomestico e lasciare un documento che elenca tale ritiro; l'altro metodo, invece, è quello che prevede il rilascio del vecchio elettrodomestico presso la sede del rivenditore dove effettuare anche l'acquisto di quello nuovo. In quest'ultimo caso sarà compito del rivenditore smaltire l'oggetto nella maniera corretta e nel rispetto delle norme. Come avrete capito, la procedura da seguire è davvero molto semplice: basterà scegliere l'opzione migliore per le proprie esigenze e procedere con l'acquisto. In base al tipo di eletrodomestico che si è scelto, si può approfittare del trasporto offerto dalla ditta, che spesso è l'unico metodo disponibile, specie se il nuovo non è disponibile in sede e casa nostra è lontana dal negozio, per farsi ritirare il vecchio. È bene conoscere l'esistenza di tali agevolazioni e la modalità corretta per usufruirne, in quanto consentono all'utente di avere un notevole risparmio sull'acquisto di bene di utilità quotidiana. Ricordate comunque di tenere gli occhi ben aperti, perché spesso il ritiro a domicilio maschera il fatto che la consegna si paga. Sta a voi decidere se e quanto vi convenga.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordate di conservare accuratamente il documento che attesti l'avvenuta consegna e rottamazione del vecchio elettrodomestico.
  • Non recatevi presso un rivenditore autorizzato troppo tardi: rischiate di non trovare la disponibilità dei fondi statali!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

Come sbrinare il frigorifero

Anche se non si tratta di un lavoro piacevole, di tanto in tanto è necessario sbrinare il frigorifero. La necessità si deve alle conseguenze che potrebbero nascere da questa mancata manutenzione. Il ghiaccio si accumulerebbe, compromettendo il buon...
Elettronica

Come sintonizzare un telecomando per cancelli elettrici

Anche se esistono diverse tipologie di movimenti, aperture, dimensioni, velocità e tempi, è pur vero che sintonizzare un telecomando per cancelli elettrici appare un'operazione non particolarmente complessa e di ordinaria amministrazione. Potrebbe capitare...
Elettronica

Come riparare la lavastoviglie

La lavastoviglie è un elettrodomestico che è entrata a far parte delle case degli italiani in tempi recenti, ma di cui presto non si è più potuto fare a meno. Se un tempo le lavastoviglie venivano messe sotto accusa, perché si riteneva sprecassero...
Elettronica

Come riparare i piccoli guasti della lavastoviglie

La lavastoviglie, al giorno d'oggi, è diventata uno degli elettrodomestici più utilizzati in assoluto. È molto utile per tutte quelle donne che sono impegnate con il lavoro e con le faccende domestiche, e non hanno tempo di lavare i piatti, i bicchieri...
Elettronica

Come smontare uno scaldabagno

Lo scaldabagno rappresenta uno degli elettrodomestici maggiormente diffusi, perché esercita una funzione indispensabile consistente nel riscaldare l'acqua per qualsiasi utilizzo domestico: esso è formato da un involucro di metallo avente numerose forme...
Elettronica

Come diminuire i giri di un motore elettrico

Anche se vi sentite molto lontani dal campo dell'elettronica e dei motori, è sempre bene avere un'infarinata generale di ogni materia. E soprattutto, saper risolvere ogni piccolo grande problema che si verifica in casa o fuori. Con un po' di sano fai...
Elettronica

Come cambiare il termostato della lavatrice

Il termostato della lavatrice è un dispositivo che è stato sviluppato per mantenere costante la temperatura dell'acqua durante i lavaggi e per fa sì che vengano rispettati i parametri del programma scelto. Agisce sulla resistenza elettrica presente...
Elettronica

Come sostituire l'hard disk interno del decoder satellitare

Per osservare i programmi televisivi graditi, oggi si ricorre ad un dispositivo elettronico che trasmette gran parte dei canali esistenti in numerosi Paesi del mondo. Si tratta del decoder satellitare, una scatola magica che si comporta come lettore dei...