Come Scegliere Le Applicazioni Da Mostrare Nel Menù Di Gnome

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Desideri personalizzare il tuo menù di gnome e poter decidere quali applicazioni mostrare e quali nascondere? Vuoi rendere il menù più adatto alle tue esigenze? Scegli tu quali applicazioni visualizzare e quali no effettuando solo pochi e semplici passaggi. In questa guida vi spiegherò come scegliere le applicazioni da mostrare nel menù di Gnome.

28

Occorrente

  • Distribuzione Linux
  • Interfaccia grafica gnome
38

Il menù di gnome è già molto ordinato di default, ma magari vuoi personalizzarlo a tuo piacimento e perché no, decidere quali applicazioni mostrare e quali nascondere. Se provieni da ambiente windows questo non è facilmente intuibile, ma posso fornirti le conoscenze adeguate affinché tu possa farlo anche sul sistema operativo del pinguino.

48

Il primo passaggio da fare è quello di andare sul pannello di gnome e cliccare su "Sistema" e successivamente seleziona "Preferenze". Qui ti verranno mostrare molte scelte che puoi fare, ma in questo caso devi cliccare su "Menù principale" e aspettare qualche secondo prima che la la finestra si apra.

Continua la lettura
58

La finestra che si presenta è molto chiara ed intuibile: nella parte sinistra c'è rappresentata la struttura del menù mentre nella parte destra le varie voci che vengono mostrare per ogni menù precedentemente selezionato sulla sinistra. Da qui puoi decidere se mostrare o no un'applicazione. Se per esempio vuoi che venga mostrata nel menù la voce "visualizzatore di immagini", clicca su "Grafica" nella parte sinistra della finestra e metti la spunta nella parte destra alla voce desiderata.

68

Per nascondere invece un'applicazione seleziona il menù in cui si trova nella parte sinistra e togli la spunta sull'applicazione desiderata nella parte destra della finestra. In entrambi i casi per confermare le modifiche effettuate, siano esse state effettuate per mostrare o nascondere un'applicazione, devi cliccare su "Chiudi".

78

Approfondimenti e curiosità:

Prima della nascita di GNOME, l'unica alternativa sufficientemente completa era KDE, il quale raccoglieva diverse critiche riguardanti il non essere un ambiente aperto (KDE forniva le API per i soli linguaggi C e C++) e non completamente libero, in quanto le librerie grafiche su cui si basa, le Qt, non erano ancora state rilasciate con una licenza libera (in seguito sono state rilasciate sotto licenza GNU GPL e LGPL). La prima versione di GNOME, la 1.0 per la quale occorsero due anni, fu distribuita il 3 marzo 1999 insieme al toolkit GTK+ e Gimp.. La versione 2.0, la versione più apprezzata del progetto, risale al 26 luglio 2002 e propose sedici release, terminando con la 2.32, fino alla nascita di GNOME 3.0 nel 2011.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguire una guida completa di base di Linux
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Linux

Come creare e mostrare file e cartelle nascoste in Ubuntu

Ubuntu è un sistema operativo dal curioso nome in lingua zulu, di distribuzione Linux. Caratterizzato da una estrema semplicità di utilizzo, vide la propria commercializzazione sul mercato a partire dal mese di Ottobre dell' anno 2004. Ecco una breve...
Linux

Come aggiornare le applicazioni installate sul nostro computer

Stare dietro a tutti gli aggiornamenti del computer può essere noioso. Spesso ci si dimentica di controllare di aver installato l'ultima versione di ogni progamma. A volte ce lo comunica direttamente il nostro computer, altre volte invece dobbiamo controllare...
Linux

Come rimuovere le applicazioni su Ubuntu

Per chi utilizza una distribuzione Linux come Ubuntu, in genere ha sempre un buon impatto con l'interfaccia grafica. La filosofia dei suoi produttori, punta negli ultimi anni a offrire una grafica desktop sempre più semplice, intuitiva e soprattutto...
Linux

10 applicazioni per Raspberry PI

Il Raspberry Pi è un mini PC a singola scheda sviluppato nel Regno Unito. Lo scopo di questo piccolo dispositivo è quello di avvicinare molte più persone al mondo della programmazione. Infatti, la versatilità e semplicità di utilizzo permettono la...
Linux

Come installare Unity su Fedora

Che cos'è un Desktop Environment? L'ambiente grafico, rappresenta l'interfaccia di un sistema operativo. In Windows tutte le varie versioni che si sono succedute, hanno adottato una serie di interfacce sempre più accattivanti graficamente. Questo per...
Linux

Installare temi di icone su Ubuntu

Al momento i due principali sistemi operativi che possiamo trovare installati di default sono Windows e IOS dell'Apple, ma oltre a questi due (che forse sono quelli più conosciuti) ne possiamo scaricare e installare altri sul nostro computer, uno di...
Linux

Come velocizzare Fedora

Fedora rappresenta una delle applicazioni più interessanti presenti nell'ecosistema Linux. In buona sostanza, consiste in una delle poche distro a rilasciare aggiornamenti continui per tutti quanti i software presenti sul proprio sistema, offrendo sicurezza...
Linux

Come installare applicativi Windows su Linux

Oggigiorno l'offerta dal punto di vista tecnologico sembra rispondere a una fascia di mercato così ampia da potersi ritenere ormai prossima a divenire satura. Da questo punto di vista il settore dei computer è quello che ha subito il più lungo e complesso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.