Come Utilizzare Editpl Con Autocad 2010

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Ai giorni nostri i computer sono in grado di fare qualsiasi cosa, la loro evoluzione è stata molto rapida tanto che alcune cose non vengono più fatte manualmente come un tempo ma vengono fatte direttamente al computer attraverso dei software. Un'attività che si è trasferita quasi completamente a computer è il disegno sia tecnico che grafico. I software che vengono usati per i disegni sono sempre ad alto livello e permettono di modificare il disegno con effetti o particolare che a mano sarebbero quasi impossibili per applicare. Il software per eccellenza (e anche il più conosciuto) che viene usato per il disegno tecnico è Autocad che permette di realizzare anteprima di strutture anche in 3D. Per modificare le polilinee e le mesh 3D con il programma autocad 2010 possiamo usare il comando chiamato editpl. Questo comando ci consentirà di eseguire numerose operazioni come unire un oggetto precedentemente esploso, trasformare una polilinea e tante altre opzioni. In questa guida andremo a vedere come utilizzare questo particolare comando in Autocad 2010.

25

Come accennato precedentemente nell'introduzione il comando EDITPL viene comunemente utilizzato anche per unire le polilinee 2D, convertire lineee archi in polilinee 2D e convertire polilinee in curve e spline. Funziona nel seguente modo: come prima cosa selezioniamo la polilinea attraverso un metodo di selezione degli oggetti o digitando semplicemente p (teniamo bene a mente i comandi rapidi visto che saranno molto utili). Gli altri messaggi di richiesta variano a seconda dell'oggetto selezionato ad esempio i messaggi saranno diversi fra una polilinea 2D, una polilinea 3D o una mesh poligonale 3D.

35

Se l'oggetto che abbiamo selezionato è una linea, un arco o una spline, nella parte inferiore sinistra dello schermo verrà visualizzato un messaggio che ci dirà che l'oggetto selezionato non è una polilinea. Successivamente il programma ci chiederà se desideriamo trasformare in polilinea, a questa richiesta rispondiamo con S che significa sì oppure N che significa no e premiamo invio.

Continua la lettura
45

Continuando quanto esposto al passo 2, se avremo risposto sì l'oggetto verrà convertito in una polilinea 2D che potremo modificare. Questo ci consentirà di unire linee e archi in modo da creare una polilinea.
Il valore di precisione determina l'accuratezza con cui la polilinea risultante si adatta alla spline di origine. Con un po' di esercizio questo comando non sarà così complicato da usare e ci sarà molto utile in molti altri casi.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I valori di precisione elevati potrebbero peggiorare le prestazioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Windows

Come adoperare Dividi con Autocad 2010

Durante la creazione di un disegno si può avere la necessità di dividere due segmenti o due oggetti creati precedentemente come un unico oggetto; per effettuare questa operazione di divisione con il programma Autocad 2010 puoi adoperare il comando chiamato...
Windows

Come utilizzare 3D Poli con Autocad 2010

Vediamo in questa guida un comando esistente del programma autocad 2010: il comando 3D poli. Si tratta di uno dei comandi che puoi trovare nel famoso e utile programma autocad 2010 il quale ti consente di riuscire a creare una polilinea in 3d, cioè tridimensionale....
Windows

Come Visualizzare La Barra Dei Menù In Autocad 2010

La versione di Autocad 2010 è diversa dalle sue precedenti: tutte quelle iconcine, i menù e vari altri tasti rapidi vengono nascosti, tra cui la barra menù. Autocad permette anche di digitare i comandi delle istruzioni nella 'barra dei comandi' apposita....
Windows

Come Unire Due Solidi Con Autocad 2010

Autocad è un software utilizzato spesso dagli studenti, permette di creare disegni in meccanica e in architettura. Vediamo come unire due solidi con Autocad 2010. Attraverso il comando "estrudi" si disegna in 3 D. Nella riga di comando scriviamo "estrudi"...
Windows

Come utilizzare il comando sottrai con Autocad 2010

Come certamente saprai, Autocad 2010 è un software utilizzato da molti progettisti, ingegneri, ed architetti. Il programma risulta essere uno dei più famosi in ambito di progettazione. In questa guida ti mostrerò come utilizzare il comando sottrai....
Windows

Come adoperare contorno con Autocad 2010

Nel 1982 Autodesc rilasciò sul mercato il primo software CAD (computer aided desing), sviluppato per PC, dal nome Autocad. Questo strumento fu subito un'innovazione nel mondo della progettazione e negli ultimi anni divenne un supporto indispensabile...
Windows

Come utilizzare estendi con Autocad 2010

Autocad è certamente il programma, per la rappresentazione grafica, più utilizzato dagli in ingegneri, architetti e geometri di tutto il mondo. Introdotto nel mercato nel 1982 da Autodesk, divenne nel giro di pochi anni il sostituto di foglio, squadretta...
Windows

Come utilizzare il comando Trancia 3D con il programma Autocad 2010

Il comando trancia 3D (da non confondere con trancia 2D) presente nel software chiamato Autocad (versione del 2010) consente di creare la sezione di un solido; si tratta di un'operazione abbastanza semplice da compiere, difatti sarà sufficiente seguire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.