Come utilizzare il terminale su Mac

Tramite: O2O 22/10/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questa semplice guida, vi verrà spiegato come utilizzare un terminale classico su un dispositivo Mac. Questo può essere molto utile a chi deve trasferire cartelle di lavoro da un terminale all'altro in poco tempo e non vuole rischiare di perdere i propri file trasferendoli in un altro modo. Essendo il Mac un dispositivo molto diverso dagli altri, non è così semplice collegare un terminale classico. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • Mac
37

Come prima cosa, fate clic sull'icona "Finder" nel menu principale del vostro Mac e poi su "Applicazioni". Selezionate "Utilità" e fate doppio clic su "Terminal" per avviare l'utilità corrispondente. Digitate il comando che volete far eseguire al vostro Mac nella finestra del terminale, dopodiché premete il tasto "Enter" per farlo partire. Vi comparirà questa scritta: "SS64: OS X Comandi". Cliccate su "Open" e scegliete il percorso della cartella di file o dell'applicazione che desiderate aprire, quindi premete il tasto "Enter". Digitate poi "Shutdown" e premete "Invio" per spegnere il computer.

47

Successivamente, potrete anche collegare i due terminale in un'altra modalità, ossia quella ping. Per fare questo tipo di collegamento, avviate l'utilità "Terminal", questa la potrete trovare nella cartella "Utility" all'interno della cartella "Applicazioni". Digitate quindi il "ping" della parola (senza le virgolette), seguito dall'indirizzo del dominio (senza http://) o il numero IP. Ad esempio, per eseguire il ping di un sito, digiterete "ping www. pingtest. Net" (senza le virgolette). Inoltre, con il comando ping, si possono utilizzare alcune opzioni interessanti: con la lettera C, specificherete il numero di comandi da inviare e potrete arrestare il processo automaticamente.

Continua la lettura
57

Ad esempio, la stringa "ping-c 3 www. Pingtest. Net" significa che il comando vale per tre modalità di invio e alla quarta, il processo verrà arrestato da solo. La lettera I sta, invece, per indicare gli intervalli e specifica il numero di secondi di attesa per l'invio di ogni comando, a volte è consigliabile mettere un intervallo soprattutto per comandi lunghi e pesanti. Inoltre, potrete anche utilizzare questi due comandi assieme in modo da combinare le loro funzioni. Ad esempio, "ping-c 3-i 5 www. Pingtest. Net" invierà 3 comandi e stabilirà 5 secondi di attesa tra ognuno di essi. Premete il tasto "Return" per far partire il collegamento tra il terminale e il Mac. In questo modo, il terminale lavorerà in modalità ping, restituendo ogni comando inviato, finché questo verrà annullato.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mac

Come masterizzare un'immagine ISO dal terminale su Mac

Una delle azioni che si possono eseguire con un Macintosh riguarda la masterizzazione di un'immagine ISO. Essa è possibile su un supporto ottico (CD, DVD o Blue-Ray Disk) oppure una normale chiavetta USB. Grazie alla seguente interessante guida di informatica,...
Mac

Come Accedere Al Terminale In Qualunque Cartella Di Osx

Chi è abituato all'uso del terminale per molto tempo durante la sua giornata per lavoro o passatempo, vorrebbe sicuramente potere accedere in modo più veloce ad esso. Per massimizzare il risultato ci sono alcuni importanti accorgimenti da adottare,...
Mac

Come creare un disco di avvio per Mac

Il mondo dell'informatica ci ha sempre offerto prodotti altamente performanti e al passo con i tempi. Grazie all'evoluzione tecnologica, quelli che noi chiamiamo computer hanno subìto innumerevoli modifiche e potenziamenti. Un iter evolutivo di questa...
Mac

Come installare i driver della scheda video su Mac

Un computer è un validissimo alleato per le mansioni che svolgiamo ogni giorno a livello lavorativo o puramente amatoriale. Alcuni preferiscono utilizzare un terminale su cui gira un sistema operativo come Microsoft Windows. Altri invece si trovano meglio...
Mac

Come nascondere un file su Mac OS X

Spesso in un Apple MAC può essere utilizzato da più persone e non sempre si vuole mostrare agli altri ciò che le nostre cartelle contengono. Allora dobbiamo fare in modo di nascondere agli "occhi indiscreti" i file da tenere segreti utilizzando l'applicazione...
Mac

Come liberare la RAM sul Mac

Lavorare o giocare al computer è ormai all'ordine del giorno. Grazie a questo apparecchio tecnologico riusciamo a svolgere diverse attività. Quando utilizziamo il PC per tante ore, tutti i igorni e tutto l'anno, sicuramente ci capiterà di notare qualche...
Mac

Come visualizzare le cartelle nascoste sul Mac

Visualizzare i file nascosti sul Mac può essere utile in molte occasioni, come ad esempio quando vogliamo rimuovere in maniera approfondita un programma dal computer o quando vogliamo modificare un file il cui nome inizia con un punto. Il procedimento...
Mac

Come modificare il suono di avvio del Mac

I vari sistemi operativi (Windows, Linus, Mac), una volta lanciati, emettono un caratteristico suono di avvio. Seguendo questa guida ti sarà possibile modificare il suono di avvio del Mac senza togliere l’audio a video e file musicali. Grazie all'ausilio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.