Come utilizzare le asserzioni in Java

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Se vogliamo provare a realizzare un'applicazione con le nostre mani, per prima cosa dovremo imparare uno dei molti linguaggi di programmazione esistenti e per farlo potremo o scegliere di seguire degli appositi corsi che generalmente sono molto costosi o in alternativa potremo imparare piano piano da soli. Su internet potremo trovare tutto il materiale necessario per riuscire ad imparare de soli il linguaggio di programmazione di nostro interesse. Tutto quello che dovremo fare sarà consultare le moltissime guide presenti sul web che ci illustreranno tutto quello che c'è da sapere per riuscire a realizzare un programma con le nostre mani. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come utilizzare le asserzioni in Java. Per prima cosa definiamo asserzioni come quella espressione booleana che deve essere vera, in inglese "true" se, e solo se, il codice sta funzionando correttamente. Se invece, l'asserzione è falsa, occorre correggere il codice e segnalare quindi l'errore.

25

Occorrente

  • connessione internet
  • nozioni di logica e matematica booleana
35

Informazioni generali

Ricordiamoci che le asserzioni non vanno usate per controllare l'input dell'utente, la linea di comando e i parametri. Nei metodi non pubblici, le asserzioni sono le cosiddette precondition. Nel caso di metodi pubblici, invece, si avrà l'eccezione.

45

Uso delle asserzioni e delle eccezioni

Le asserzioni possono essere anche illegali. Ciò accade quando le vecchie versioni di Java non si implementano. È importante non utilizzare mai le asserzioni come strumento di debug, ma dovranno essere utilizzate per specificare cose vere. E’ possibile che nel codice assert siano specificate per nome di variabile o metodo. Per abilitare o disabilitare le asserzioni si usa l'opzione –ea e –da.
Ecco, di seguito un esempio per comprendere meglio: Java –ea Nome Classe.
java -da: Nome Classe.
java -ea: Una Classe Nome Classe.
java -da: package... Nome Classe.
java -ea: package.
da: package. Subpkg0... Nome Classe.
Per un controllo sulle asserzioni, usiamo il codice booleano () {
boolean assertionEnabled = false;
assert (assertionEnabled == true);
return assertionEnabled;}
Mentre per usare le eccezioni, occorre verificare i parametri del metodo di riferimento. Se sono pubbliche si possono utilizzare sia da chi sviluppa il metodo che da altre persone.

Continua la lettura
55

Differenze fra asserzioni ed eccezioni

A questo punto potremo comprendere come le eccezioni dicono all'utente cosa non va del programma. Le asserzioni documentano qualcosa in relazione al programma. Ad esempio se fallisce dice al programma che c'è un bug. Dobbiamo ricordare che le eccezioni si creano quando si ha un particolare problema. Nel caso delle asserzioni, queste si scrivono per mettere in sicurezza e salvaguardare cose che si conoscono riguardo il comportamento di un programma.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Come si installa e si configura la JDK di Java 7

Per chi vuole programmare con il linguaggio Java ha bisogno degli strumenti necessari per farlo. Prima di intrufolarsi tra classi ed oggetti, bisogna installare le fondamenta di questo linguaggio. Vedremo, attraverso questa semplice guida, come si installa...
Programmazione

Come ordinare una lista in Java

Java in campo informatico rappresenta senza dubbio uno dei sistemi di programmazione più diffusi e conosciuti. Ordinare una lista in Java potrebbe sembrare un'operazione piuttosto complicata, in modo particolare per i meno esperti del settore. In realtà...
Programmazione

Come confrontare due date in Java

Specialmente se si ha a che fare con dei database, in fase di programmazione è necessario dover gestire date e orari. Anche java, come quasi tutti i linguaggi di programmazione, permette la gestione di date e ore. Java, data la sua diffusione e l'ampio...
Programmazione

Come iniziare a programmare in Java

Quando si progetta un sito internet, bisogna essere consapevoli del linguaggio che si sta adoperando per disegnare ogni comando o elemento presente nelle pagine, come avvengono i collegamenti, e certe regole affinché tutto funzioni alla perfezione. Il...
Programmazione

Java: 10 cose da sapere

Java è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti. Questo significa che attraverso questo linguaggio è possibile creare giochi ed applicazioni con cui è possibile interagire a schermo. L'origine di questo linguaggio risale al lontano 1995,...
Programmazione

Come creare un semplice programma in Java

Con la diffusione del computer anche i linguaggi di programmazione si sono dovuti evolvere. Nel corso degli anni i linguaggi di programmazione sono diventati più snelli, eleganti e soprattutto facili da usare. Questo ha concesso ad una parte sempre maggiore...
Programmazione

Come importare le librerie Java

Java è un linguaggio di programmazione tra i più utilizzati al mondo, con circa 9 milioni di sviluppatori. Nel 2010 Java è stata acquisita da Oracle Corporation, che ne detiene attualmente il marchio registrato. Questo linguaggio è stato creato per...
Programmazione

Creare Una Semplice Tabellina Pitagorica In Java

Sono molti i bambini che trovano difficoltà a memorizzare le tabelline. Per questo motivo oggi nella nostra guida impariamo come creare con java una semplice tabellina pitagorica usando un semplice Editor di testo. Vediamo insieme come procedere per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.