Differenze tra bluetooth e infrarossi

Tramite: O2O 16/07/2020
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In questo mondo sempre più evoluto e alla ricerca di nuove tecnologie da lanciare sul mercato, accade sempre più spesso di incappare in termini e modi di dire del tutto sconosciuti e singolari. La maggior parte dei casi, inoltre, sono neologismi creati per uno specifico motivo o scopo e, soprattutto, in una lingua che non è la nostra, l'inglese. Non fanno differenza due termini che prevalentemente nell'ambito della telefonia, ma non solo, hanno preso posto nel nostro vocabolario comune da ormai molti anni. Da quando ormai le dimensioni, le funzioni e le caratteristiche degli antichi cellulari di una volta si sono evolute, sentiamo uscire, soprattutto dalla bocca dei giovani, parole come Bluetooth e Infrarossi. Queste due parole fanno parte di quell'ambito della moderna telefonia cellulare che riguarda lo scambio e il passaggio di informazioni, immagini, dati o musica da un dispositivo all'altro senza il supporto di nessun cavo. Non sono però esattamente la stessa cosa. Andiamo allora a scoprire come funzionano e in particolare quali sono le maggiori differenze tra infrarossi e Bluetooth.

27

Le modalità di collegamento

La prima sostanziale differenza fra queste due tecniche di scambio dati presenti sui nostri dispositivi, siano essi computer, smartphone o altri generi di apparecchi, riguarda la modalità di collegamento. Se due dispositivi a infrarossi per procedere allo scambio devono essere collegati e accesi ma, soprattutto, affiancati per far sì che entrambi rilevino l'altro, con il bluetooth non accade questo. Saremo sicuramente facilitati, ma non svantaggiati, in quanto sono due metodi sicuri ed efficienti. Tutto ciò perché il bluetooth necessita solamente di essere acceso, e, una volta pronto, basta avviare la ricerca dell'altro terminale, selezionarlo e procedere al passaggio.

37

La distanza

L'altra cosa in cui differiscono queste due modalità è la distanza. Di cosa parliamo? Assolutamente niente di complicato. Si tratta, infatti, della distanza vera e propria che i due cellulari o altri apparecchi possono tenere fra loro sia per essere trovati dall'altro che per ricevere o mandare file. Anche in questo caso il più moderno bluetooth ci dimostra di avere la meglio. Due dispositivi a infrarossi, infatti, devono mantenere dall'inizio alla fine una posizione molto vicina, quasi affiancata, per far sì che il procedimento vada a buon fine.
Il suo fratello più evoluto, invece, ha distanze davvero maggiori. Il bluetooth, infatti, permette ai due possessori di scambiare dati fra loro anche se i due dispositivi non sono vicini o perfettamente allineati. In questo caso, infatti, il passaggio dei file avviene anche a distanze elevate (oltre 30 metri), soprattutto per quelli di ultima generazione.

Continua la lettura
47

La velocità di connessione

Un'altra sostanziale differenza sta in una componente davvero fondamentale, ovvero la velocità di connessione. In questo mondo in cui tutto e tutti sembrano andare sempre più di fretta, la tanto desiderata velocità ha un valore davvero importante nella moderna tecnologia. Nuovamente, però, chi la spunta tra i due è l'apparecchio dotato di bluetooth. Questo per il sostanziale fatto che l'infrarosso è stato inventato e lanciato sul mercato molto prima. Può raggiungere infatti una discreta velocità di trasmissione, dai 4 ai 16 Mb/s per dispositivi molto più rari e potenti. Gli apparecchi bluetooth, invece, sempre in continuo sviluppo e ammodernamento, partono da velocità ormai standard di 10 Mb/s fino a molto punte elevate e anche abbastanza diffuse di 24 Mb/s. Proprio la velocità rappresenta il campo in cui gli infrarossi si difendono meglio contro i moderni bluetooth, ma nonostante questo la superiorità delle nuove tecnologie risulta ben evidente.

57

Le applicazioni

A causa delle limitazioni sul posizionamento relativo dei dispositivi coinvolti, la trasmissione a infrarossi viene utilizzata principalmente nei sistemi che dovrebbero rimanere stazionari o che si muovono poco l'uno rispetto all'altro. Come è ormai noto, i telecomandi delle TV sono gli esempi più comunemente utilizzati di infrarossi. Oltre a ciò, la trasmissione a infrarossi viene utilizzata anche in mouse, tastiere e PDA wireless.
Nel mondo odierno di smartphone e tablet, il bluetooth è invece diventato sinonimo di condivisione wireless di dati. Viene anche utilizzato per una comunicazione senza fili tra un telefono e un auricolare, per eseguire lo streaming audio in altoparlanti abilitati e per connettività locale tra computer e molte altre applicazioni che richiedono la trasmissione wireless dei dati.

67

Il principio di funzionamento

L'infrarosso utilizza il principio della radiazione elettromagnetica in cui la lunghezza d'onda della luce che emette corrisponde alla gamma di frequenza di 1 ~ 400 Thz, utilizzata ai fini della comunicazione su diversi schemi, come l'infrarosso vicino (0,75 - 1,4 um), l'infrarosso corto (1,4 um - 3 um), l'infrarosso medio (3 - 8 um), l'infrarosso lungo (8 - 15 um) e l'infrarosso lontano (15 um - 1000 um)
Il bluetooth utilizza invece la radiofrequenza di 2,4 Ghz (banda ISM), allocata per le scienze industriali e le applicazioni mediche che utilizzano il servizio di comunicazione a breve distanza.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliere un dispositivo accessoriato bluetooth al posto di uno infrarossi per comodità e efficienza
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Hardware

Come attivare la porta ad infrarossi o quelle bluetooth su un notebook

Un computer portatile o semplicemente chiamato notebook, si distingue da un normale computer per la particolare utilità di permette facilmente il suo trasporto da un luogo all'altro, anche semplicemente portandolo a mano o dentro una comoda borsa. Esistono...
Hardware

Come collegare le cuffie bluetooth al pc

La tecnologia ha fatto passi da gigante. Basti pensare al grande livello di comodità raggiunto oggi dalla maggior parte dei dispositivi elettronici di uso comune, dai PC agli smartphone, i quali sono in grado di connettersi tra loro in una maniera un...
Hardware

Come scegliere le cuffie per la tv

La tecnologia moderna permette come non mai di operare tra dispositivi approfittando di un'integrazione senza precedenti. Un esempio è dato dai televisori, oggi detti "Smart TV" per via della possibilità di utilizzare funzioni accessorie e che ampliano...
Hardware

Come collegare HTC al PC

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un progressivo sviluppo della tecnologia in qualsiasi ambito, viviamo ormai in un era in cui ogni dispositivo tecnologico si interconnette facilmente con gli altri, permettendo lo scambio immediato di qualsiasi tipo...
Hardware

Come collegare un mouse senza fili

Nelle postazioni con computer fisso, ormai, i mouse collegati con filo sono sempre di meno. Grazie alle tecnologie senza fili, è possibile utilizzare questo dispositivo senza l'ingombro dei cavi, che da sempre costituiscono un vera e propria seccatura....
Hardware

Come usare Google Home Mini

Google Mini Home è il fratello minore di Google Home ed è un prodotto lanciato appunto dalla casa statunitense di Google che nasce come assistente per i disposizioni elettronici della casa, ma che incorpora al suo interno molte altre funzioni utili....
Hardware

Come scegliere un mouse wireless

Il computer ha assunto ormai un ruolo di assistente vero e proprio per molti di noi. Questo apparecchio ci consente di svolgere diversi tipi di lavori in modo rapido e semplificato. Un buon PC si vede generalmente dalla qualità della componentistica....
Hardware

Come rallentare il mouse

Il mouse è un dispositivo che si usa per il computer, serve per il puntamento dello schermo. Ci permette di fare varie operazioni, tutto questo dipende dal programma su cui agisce. È uno dei componenti necessari per l'interfaccia utente. Possiamo modificare...