Elettronica: come risolvere un circuito con l'oscilloscopio

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

La risoluzione di un circuito elettrico talvolta necessita di più informazioni rispetto a quelle che un semplice multimetro può fornire. Ad esempio la frequenza, il rumore, l'ampiezza ed altre caratteristiche che possono cambiare nel corso del tempo, possono essere individuate solo tramite l'utilizzo dell'oscilloscopio. Parliamo di uno strumento molto utilizzato nelle apparecchiature elettroniche, anche importanti, come ad esempio l'elettrocardiogramma o ECG, che possiamo trovare in qualunque ospedale; in questo caso l'oscilloscopio è esattamente quel meccanismo che determina e traduce sul monitor la frequenza cardiaca. Elettronica: come risolvere un circuito con l'oscilloscopio?

27

In questo tutorial prendiamo in esame l'utilizzo di un oscilloscopio digitale, altre tipologie avranno un aspetto diverso ma tutti condividono lo stesso insieme di meccanismi di controllo e interfaccia. Lo scopo principale di un oscilloscopio è quello di mostrare un segnale elettrico mentre varia nel tempo. La maggior parte producono un grafico bidimensionale rappresentando il tempo sull'asse delle ascisse e la tensione sull'asse delle ordinate. Il segnale quindi è rappresentato graficamente su un asse temporale orizzontale e un asse della tensione verticale. I controlli che circondano lo schermo del campo di applicazione ci consentono di regolare la scala del grafico, sia in verticale che in orizzontale ? cosa che consente di ingrandire e rimpicciolire il segnale. Ci sono anche i controlli per impostare il grilletto sulla portata, che aiuta a mettere a fuoco e stabilizzare il display. In aggiunta a queste caratteristiche fondamentali, molti oscilloscopi dispongono di strumenti di misurazione, che aiutano a quantificare rapidamente frequenza, ampiezza, e le altre caratteristiche della forma d'onda.

37

L'oscilloscopio è utile per risolvere circuiti con una varietà di guasti o per determinare la frequenza e l'ampiezza di un segnale, che può essere critico in ingresso, in uscita, o nei sistemi interni. Da questo fattore, si può capire se un componente del circuito ha funzionato male. Anche la quantità di rumore nel nostro circuito, la forma dell'onda e la larghezza di banda sono rilevabili con l'oscilloscopio. Vediamo come interpretare il display. La frequenza ? il numero di volte in cui una forma d'onda si ripete in un secondo ? viene mostrata all'interno del time-div. La frequenza massima varia ma è spesso nella gamma dei 100 Mhz. Il ciclo di lavoro dell'onda, viene mostrato sul display dell'oscilloscopio con i segnali ?On? e ?Off? ed indica se il ciclo è positivo o negativo. Ogni display dell'oscilloscopio è attraversato da linee orizzontali e verticali chiamate divisioni. Il sistema verticale si misura in volt per "divisione" e l'orizzontale è "secondi per divisione". In generale, i circuiti sono caratterizzati da circa 8-10 divisioni verticali ? tensione - e 10-14 divisioni orizzontali ? secondi.

Continua la lettura
47

Nelle immediatezze di molti display c'è una serie di circa cinque tasti ? a lato o sotto il display. Questi pulsanti possono essere utilizzati per navigare tra i menu e le impostazioni di controllo della portata. La manopola di posizione controlla lo spostamento della forma d'onda sullo schermo verticale. Se ruotiamo la manopola in senso orario, l'onda si sposterà verso il basso, se la ruotiamo in senso antiorario essa si sposterà sul display. È possibile utilizzare la manopola per controllare parte di una forma d'onda fuori dallo schermo. La sezione verticale della portata controlla la scala di tensione sul display. Ci sono solitamente due manopole in questa sezione, che consentono di controllare singolarmente la posizione verticale e volts / div. Ruotando la manopola in senso orario si riduce la scala, in senso antiorario aumenta. Una scala minore - un minor numero di volt per divisione sullo schermo - significa che stiamo ingrandendo la forma d'onda.

57

La manopola per aumentare o diminuire la scala orizzontale, funziona analogamente: se si ruota la manopola s / div in senso orario, il numero di secondi che ogni divisione rappresenta diminuisce ? faremo uno "zoom? sulla scala temporale. Ruotando in senso antiorario otterremo una linea di tempo più lunga sul display. La sezione di innesco di un campo di applicazione è generalmente costituito da una manopola di livello ed una serie di pulsanti per selezionare la sorgente e il tipo di trigger. La manopola di livello può essere ruotata per impostare un trigger ad un punto di tensione specifico. Queste nozioni sono utili per risolvere un semplice circuito con l'oscilloscopio, ma potrebbero rendersi necessarie altre nozioni tecniche per risolvere operazioni più complesse ed un po' di pratica con lo strumento.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

Come risolvere un circuito con la tecnica fasoriale

Le forme d'onda sinusoidali della stessa frequenza possono avere tra loro una differenza di fase che rappresenta la differenza angolare delle due forme d'onda sinusoidali. Anche i termini "lead" e "lag" nonché "in-phase" e "out-phase" sono comunemente...
Elettronica

Come collegare un oscilloscopio

L'oscilloscopio misura e visualizza i fenomeni elettrici quali frequenza, durata ed ampiezza. Solitamente analizza le comunicazioni seriali come UART, I2C, SPI e si distingue in analogico e digitale. Gli strumenti digitali, a differenza di quelli analogici,...
Elettronica

Come calcolare la potenza in un circuito

Così come nel caso in cui sia necessario progettare un piccolo circuito per un vostro prodotto, magari da mettere in vendita, che al puro scopo dell'apprendimento (se siete degli studenti tecnici o degli appassionati), l'elettronica è una delle basi...
Elettronica

Creare un amplificatore audio con un solo circuito integrato

Sei appassionato di elettronica? Anche tu suoni la chitarra o ascolti l'ipod? Bene, allora magari ti piacerebbe costruirti in semplice amplificatore audio. Non è difficile e potrai utilizzarlo in molte occasioni. Ricorda però di fare attenzione alla...
Elettronica

Come realizzare un circuito stampato in casa

Creare un circuito stampato è il primo passo per realizzare circuiti elettronici. Infatti, i circuiti stampati (PCB ovvero "printed circuit board") permettono il collegamento elettrico tra i componenti di un circuito e costituiscono un supporto meccanico...
Elettronica

Come realizzare un circuito logico

I moderni computer, anche i più sofisticati ed i più complessi, sono costituiti da componenti base molto semplici: i circuiti logici. Questi elementi sono dei circuiti elettronici basati su di un numero finito di livelli di tensione elettrica. Le tensioni...
Elettronica

Come calcolare la tensione in un circuito parallelo

I resistori che sono i componenti dei circuiti elettrici possono essere in serie o in parallelo. Quelli più utilizzati sono quest'ultimi, le prese elettriche per uso domestico sono sempre collegate in parallelo. Se si conoscono i principi e le formule...
Elettronica

Come riparare la scheda elettronica della lavastoviglie

Le lavastoviglie sono presenti in commercio in designer, stili e colori differenti; sono molto utili soprattutto per chi lavora. Le lavastoviglie sono tutte accomunate da una scheda elettronica, che ne consente l'utilizzo e in cui sono presenti i comandi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.