Elettronica: tutto sui condensatori

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In elettronica esistono diversi componenti, alcuni di essi sono i condensatori, presenti praticamente, in tutte le schede elettroniche.
Essi sono elementi molto utili, poiché sono in grado di accumulare energia elettrica e di restituirla se collegati opportunamente. In questa guida, vedremo come sono fatti e come funzionano.

25

Struttura

Un condensatore è costituito da due superfici conduttrici, separate tra di loro, chiamate armature che, nel caso più semplice, hanno la forma di sottili piastre rettangolari di piccole dimensioni. Lo spazio tra di esse è riempito con un materiale isolante, chiamato dielettrico, che può essere formato, ad esempio da ceramica, o da altri tipi di materiale (o composti di materiale), a seconda delle caratteristiche richieste.

35

Carica del condensatore

Applicando una tensione alle due armature, si viene a creare, su una di esse, un accumulo di cariche negative, caricando quindi il condensatore. La quantità di carica che il condensatore riesce ad immagazzinare, è chiamata capacità (misurata in farad) e dipende dalle caratteristiche strutturali del componente: dimensione e forma delle armature, tipo di dielettrico, distanza tra le armature. Inoltre, un altro fattore da considerare è il tempo di carica (o periodo transitorio): in un circuito reale è necessario collegare in serie al condensatore una resistenza, in modo da limitare l'intensità di corrente e quindi evitare corto circuiti che danneggerebbero il sistema. Ciò comporta un accumulo di cariche non istantaneo ma che dipendo dai valori di resistenza e capacità del sistema.

Continua la lettura
45

Scarica del condensatore

Una volta che il condensatore sarà carico, è che quindi avrà una differenza di tensione ai suoi capi (il cui valore dipende dalle caratteristiche strutturali), è possibile utilizzarlo per alimentare un circuito. Anche qui è necessario collegarlo con una resistenza in serie, in modo da evitare corti circuiti. Il condensatore quindi inizierà a scaricarsi con un tempo che dipende dai valori di capacità e resistenza utilizzati.

55

Informazioni generali

Un condensatore "classico" non ha una polarità predefinita, quindi è possibile collegarlo arbitrariamente al generatore. Esistono, però, alcuni condensatori, chiamati "elettrolitici", che al posto del dielettrico, hanno una particolare miscela chimica, che permette di aumentarne la capacità. In questo caso essi sono polarizzati, è quindi necessario prestare attenzione al collegamento e inoltre, è necessario evitare di danneggiarli rovinando il rivestimento esterno: ciò potrebbe provocare danni irreparabili al condensatore e soprattutto generare pericoli per chi li utilizza. I condensatori possono anche essere collegati in serie o in parallelo tra loro. Nel primo caso, la capacità totale del sistema diminuirà, nel secondo invece, sarà pari alla somma delle singole capacità, dei condensatori collegati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elettronica

L'evoluzione della sigaretta elettronica

Quando la sigaretta elettronica esordì fece storcere il naso a molti. I suoi costi iniziali erano molto elevati e la qualità era scarsa. Secondo molti il suo futuro era perciò già segnato. Oggi invece è possibile trovare nelle grandi città e non...
Elettronica

Come ricaricare il liquido di una sigaretta elettronica

La guida che verrà sviluppata nei passi che seguiranno questa breve introduzione, si concentrerà sulla tematica della sigaretta elettronica e, più precisamente, sul liquido di ricarica. Infatti, cercheremo di darvi delle informazioni utili relative...
Elettronica

Come pulire la sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica, fin dalla sua prima comparsa, è stata vista come una valida alternativa al fumo di sigaretta e di altri tabacchi lavorati. Un'alternativa talmente promettente, da travolgere letteralmente il mercato di settore, europeo e non...
Elettronica

Le nanotecnologie per l'elettronica

La nanotecnologia è la scienza, l'ingegneria e la tecnologia condotta su scala nanometrica dal fisico Richard Feynman, che è considerato il vero e proprio padre delle nanotecnologie. Le nanoscienze e le nanotecnologie sono lo studio e l'applicazione...
Elettronica

Come amplificare una batteria elettronica

Ogni strumento facente parte in un gruppo musicale o in una band, assume un ruolo specifico: quello della batteria ha notevole importanza, in quanto determina l'insieme armonico tra strumenti e ritmica. È quindi necessario che la sua acustica e la sua...
Elettronica

Elettronica digitale: il flip-flop

Il flip-flop rappresenta un dispositivo di tipo digitale adoperato in elettronica per memorizzare il bit in ingresso (0) o in uscita (1). I flip-flop vengono detti anche multivibratori a doppia stabilità o semplicemente multivibratori bistabili. Si tratta...
Elettronica

Elettronica digitale: il multiplexer

Uno degli elementi logici, o, meglio, dei macroelementi logici molto utilizzati in elettronica digitale è il multiplexer. Dico macroelemento perché questa funzione è realizzabile non con una semplice porta logica AND od OR ma con un circuito comprendente...
Elettronica

Elettronica: come risolvere un circuito con l'oscilloscopio

La risoluzione di un circuito elettrico talvolta necessita di più informazioni rispetto a quelle che un semplice multimetro può fornire. Ad esempio la frequenza, il rumore, l'ampiezza ed altre caratteristiche che possono cambiare nel corso del tempo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.