Guida alla programmazione a basso livello

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida tratteremo della programmazione a basso livello. Nei vari passi successivi all'introduzione vi rilascio molte informazioni molto utili che vi aiuteranno certamente a programmare sempre meglio a basso livello. Un consiglio che vi dò e che dovrete seguire per far si che riusciate a comorendere tutti i passi, è quello di leggere attentamente tutti i vari passi e se qualcosa non vi risulta abbastanza chiara provate a rileggere quel determinato passo. La programmazione a basso livello, è da sempre una spina nel fianco di tutti i programmatori, più o meno esperti. Il motivo di tante critiche è dovuto al fatto che, essendo questo tipo di programmazione molto più vicino alla macchina, risulta essere molto più complicato implementare funzioni, che nella programmazione ad alto livello (ad esempio c/c++ oppure Visual Basic e i più didattici Pascal e Fortran) potrebbero essere scritte in pochi passaggi.

25

I linguaggi di basso livello sono legati alla macchina sul quale girano

I linguaggi di basso livello sono strettamente legati alla macchina sulla quale girano e su cui devono essere eseguiti, infatti, ogni macchina ha il proprio linguaggio a basso livello ed un proprio set di istruzioni base che le permettono di eseguire le operazioni elementari. Queste istruzioni sono messe a disposizione del programmatore, che deve quindi ragionare e risolvere i problemi sulla base delle risorse che l'elaboratore gli mette a disposizione.

35

I registri si dividono in registri d'appoggio o di utilizzo generale

Questi registri si dividono in registri d'appoggio, o di utilizzo generale, che ci servono per mantenere i valori delle variabili, e registri di servizio, come contatori di programma, che puntano alle prossime istruzioni da eseguire e registri di stato, che contengono la modalità in cui si trova la CPU (per la maggior parte dei processori si distinguono in modalità Superutente e Utente semplice) e i registri di flag.

Continua la lettura
45

Realizzare i cicli richiede poche istruzioni

Anche realizzare cicli, che in genere richiedono poche istruzioni nei linguaggi abbiamo bisogno di implementare delle particolari funzioni, che sfruttano i registri per l'utilizzo dei contatori e degli indici di ciclo stessi. Inoltre risultano particolarmente rilevanti i registri di flag, per realizzare i salti condizionati che permettono di effettuare le biforcazioni che permettono di realizzare le condizioni. Siamo giunti ormai alla conclusione di questa guida riguardante la programmazione a basso livello e spero che vi sia stato tutto chiaro. Inoltre soero che vi ho scritto tutte le informazioni che stavate cercando in modo da poter programmare sempre meglio a basso livello.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Guida alla programmazione in Assembly

Il linguaggio assembly è il linguaggio di programmazione più vicino alla realtà fisico-elettronica di una macchina. L'assembly permette di ignorare la forma binaria del programma finale e sostituire i codici in linguaggio macchina con una sequenza...
Programmazione

Guida alla programmazione in Basic

Se volete una vera e propria Guida alla programmazione in Basic, non vi resta altro che leggere attentamente i seguenti passaggi che vi elencheremo in seguito e facilitarvi cosi il compito. Il software che useremo è noto come "Visual Basic", che ben...
Programmazione

Introduzione alla programmazione Java

Le nuove tecnologie hanno ormai preso piede in tutti i campi della società, ed oggi come non mai diventa quindi fondamentale entrare a far parte del mondo dell'informatica sia per sopravvivere alla vita quotidiana che per avere capacità attuali da rivendere...
Programmazione

Introduzione alla programmazione in F#

Il linguaggio di programmazione F# è l’ultimo nato della famiglia Microsoft Visual Studio. Si tratta di un nuovo linguaggio originariamente progettato e creato da Microsoft Research. Fa parte della piattaforma di sviluppo software .NET (uno standard...
Programmazione

Programmazione: come impostare il giusto compilatore sul proprio computer

In informativa un compilatore è ciò che converte (e quindi in un certo senso traduce) delle informazioni scritte in un determinato modo (nel linguaggio di programmazione) in un altro linguaggio. La compilazione, che è possibile anche al contrario e...
Programmazione

Come programmare in Assembler

L'Assembler, o Assembly, è un linguaggio di programmazione a basso livello, ovvero più vicino alla macchina, perciò molto più complicato da utilizzare per il programmatore, in quanto, per poter effettuare elaborazioni, elementari per i linguaggi ad...
Programmazione

Come programmare in Standard C++

Programmare è un atto che presuppone una conoscenza abbastanza ampia della materia, ma anche un approccio piuttosto individuale alla disciplina, perché ogni sviluppatore sceglie gli strumenti che gli sono più congeniali. Tuttavia, nel tempo alcuni...
Programmazione

Guida alle basi di Html

Oggi programmare è diventata una delle cose più importanti da saper fare. Infatti si è calcolato che la programmazione rispetto agli ultimi 10 anni è aumentata del 70% e la richiesta di giovani programmatori nel panorama lavorativo è anch'esso in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.