I comandi principali del Terminale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I sistemi operativi sono dei particolarissimi software in grado di mettere in comunicazione l'hardware del computer con l'utente. Esistono vari tipi di sistemi operativo e sicuramente il più diffuso ed utilizzato è Windows prodotto dalla Microsoft. Se però vogliamo provare qualcosa di diverso potremo installare una delle moltissime distribuzioni di Linux, che spesso risultano molto più performanti e rendono il computer più veloce e stabile. Se siamo alle prime armi con questo tipo di sistemi operativi, potremo cercare su internet delle guide che ci illustrino passo dopo passo come eseguire le operazioni di nostro interesse. In questo modo potremo imparare molto facilmente ad utilizzare questo sistema operativo. Nei passi successivi, in particolare, vedremo quali sono i comandi principali da utilizzare sul Terminale.

25

Occorrente

  • Ambiente operativo Linux ( Es. Ubuntu )
35

Apertura Shell

Iniziamo con l'apertura di una Shell (Terminale) solitamente presente nel menù Applicazioni>Accessori di una qualsiasi distribuzione Linux. Si tratta di una Shell grafica che è generalmente la più utilizzata. Dopo aver eseguito le operazioni precedenti, sullo schermo avremo una BASH, acronimo di Bourne Again Shell, cioè la struttura predefinita e semplice di ogni shell Linux.

45

Comandi principali

Vediamo ora una serie di comandi che potremo utilizzare all'interno del nostro terminale per interagire con il nostro sistema operativo:

- man [comando]: avremo a disposizione per ogni comando inserito il suo manuale es. Man cd

- ls: in una determinata directory, lanciando questo comando, avremo come risultato la lista completa dei file contenuti.

Opzioni: -l: avremo una lista dettagliata con dimensione, data ed estensione;
-a: equivalente all'attrib del dos ci mostrerà anche i file nascosti.

- cd [nomecartella]: Change directory: ci permetterà di muoverci attraverso le varie directory della root.

Opzioni: cd ~: ci porta nella home dell'utente;
cd ..: sale di una direcory;
cd -: va nella directory usata in precedenza;

- mkdir [nomecartella]: make directory, crea una dir.

- mv [fileorigine] [filedestinazione]: potremo utilizzare questo comando per spostare cartella da una destinazione ad un'altra.

- cp [fileorigine] [filedestinazione]: utilizzato per copiare file.

Opzioni: -r utilizzato per copiare cartelle. Potremo usare * per omettere il nome file (es. Cp *. Pdf /xxx/ copierete tutti i file Acrobat in una cartella specifica).

Continua la lettura
55

Consigli utili

A questo punto non ci resta che provare subito ad utilizzare il terminale presente su una qualsiasi distribuzione Linux, semplicemente seguendo tutte le indicazioni riportate in precedenza. All'inizio queste operazioni potrebbero risultare abbastanza complicate e avremo bisogno di consultare sempre la guida per individuare il comando di nostro interesse, ma con un po' di pratica riuscire ad imparare a memoria i vari comandi ed utilizzare il terminale in maniera molto rapida e semplice.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mac

Come utilizzare il terminale su Mac

In questa semplice guida, vi verrà spiegato come utilizzare un terminale classico su un dispositivo Mac. Questo può essere molto utile a chi deve trasferire cartelle di lavoro da un terminale all'altro in poco tempo e non vuole rischiare di perdere...
Mac

Come Accedere Al Terminale In Qualunque Cartella Di Osx

Chi è abituato all'uso del terminale per molto tempo durante la sua giornata per lavoro o passatempo, vorrebbe sicuramente potere accedere in modo più veloce ad esso. Per massimizzare il risultato ci sono alcuni importanti accorgimenti da adottare,...
Mac

Come masterizzare un'immagine ISO dal terminale su Mac

Una delle azioni che si possono eseguire con un Macintosh riguarda la masterizzazione di un'immagine ISO. Essa è possibile su un supporto ottico (CD, DVD o Blue-Ray Disk) oppure una normale chiavetta USB. Grazie alla seguente interessante guida di informatica,...
Mac

Come rimuovere Xcode dal proprio Mac

Come tutti i nerd sapranno, Xcode non è una applicazione per chi non vuole ottimizzare il proprio Mac cercando di sfruttarne tutte le potenzialità. Pertanto, non viene usato da tutti, ma solo da chi ha certe esigenze. Infatti, per molti, Xcode è solo...
Mac

Come nascondere un file su Mac OS X

Spesso in un Apple MAC può essere utilizzato da più persone e non sempre si vuole mostrare agli altri ciò che le nostre cartelle contengono. Allora dobbiamo fare in modo di nascondere agli "occhi indiscreti" i file da tenere segreti utilizzando l'applicazione...
Mac

Come eliminare le Applicazioni di Sistema da Mac OS X

Il mondo dell'informatica costituisce una realtà a se stante rispetto a quella concreta non virtuale, questo perché è costruita secondo regole e comandi ben precisi, a misura di uomo, ma nello stesso tempo che è necessario avere ben presente per poter...
Mac

Come liberare la RAM sul Mac

Talvolta, mentre lavorate o giocate sul vostro Mac, notate che la RAM fa fatica o si blocca? Ebbene, questo problema potrebbe riguardare la memoria del vostro terminale. In questo caso infatti potrebbe essere necessario liberare la RAM sul Mac per poter...
Mac

Come mostrare file nascosti in Mac

Se avete reso nascosti alcuni file sul vostro Mac e adesso non ricordate più come trovarli, oppure dovete trovare qualche informazione di sistema che il programmatore ha inserito nel vostro PC come cartelle nascoste, la guida che segue farà al caso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.