Imparare a programmare con Coding

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Viviamo nell'Era del Web 2.0, ed è quindi normale che nel mondo del lavoro ci sia una grossa richiesta di programmatori. Sviluppare un App, tanto per fare un esempio, può sembrare complicatissimo per chi non ha esperienza in campo informatico, ma grazie a nuovi approcci persino i bambini possono imparare le basi dei più importanti linguaggi di programmazione. In questa guida sveleremo il Coding, e mostreremo come sia davvero semplice imparare a programmare con questa nuova metodologia.

24

Cos'è il Coding

Con il termine Coding si indica un corso di programmazione pensato per bambini. Questo corso sfrutta personaggi di fantasia (pupazzi, animali, ecc.), e attraverso le procedure del Coding il bambino deve essere in grado di interagire con la figura che visualizza su PC o tablet, facendola muovere, parlare, ecc. Dietro ogni banale azione del personaggio vi è una stringa di comando che bisogna digitare (solitamente in JavaScript), e che in questo modo viene appresa dal ragazzino. Lo stesso Ministero dell'Istruzione sta pensando seriamente di far diventare il Coding una materia di studio per le scuole primarie, e non solo per instradare i più piccoli verso le nuove tecnologie, ma anche per farli crescere dal punto di vista mentale. Imparando a programmare con il Coding, infatti, si sviluppa quello che gli esperti chiamano "pensiero computazionale", ovvero la facilità di affrontare i problemi ragionando per algoritmi.

34

Il Coding per gli adulti

Il Coding è stato pensato per i bambini perché in età scolastica i linguaggi di programmazione trovano menti più preparate all'apprendimento. Tuttavia, grazie al Coding possono imparare a programmare anche gli adulti che, per scelta o per necessità, non hanno potuto seguire un corso di studi in ambito informatico. Online sono disponibili tantissimi software adatti allo scopo: la maggior parte di essi ha un'impostazione infantile, ma possono essere usati con profitto anche dai più grandi.

Continua la lettura
44

I software per il Coding

Il software per il Coding più utilizzato è sicuramente Scratch, programma sviluppato dal MIT di Boston dove si possono imparare i rudimenti della programmazione facendo animare dei simpatici personaggi. Sul sito sono disponibili dei tutorial per apprendere il meccanismo del software, e possono tornare utili sia ai bambini che ai grandi. Molto interessante è anche Code.org, un sito web dove non solo si impara a digitare i codici Java, ma lo si fa sfruttando giochi famosi come Minecraft, Star Wars, ecc. Una volta fatto l'accesso a Code.org, è sufficiente cliccare su "L'Ora del Codice" per avviare il programma di apprendimento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Come programmare in Standard C++

Programmare è un atto che presuppone una conoscenza abbastanza ampia della materia, ma anche un approccio piuttosto individuale alla disciplina, perché ogni sviluppatore sceglie gli strumenti che gli sono più congeniali. Tuttavia, nel tempo alcuni...
Programmazione

Come programmare in A-0 system

Quando vi approcciate al mondo della programmazione dovete tenere presente che esistono tantissime scelte di fronte a voi: avete idea di quanti linguaggi di programmazione potrete imparare nel corso della vostra vita, della carriera universitaria o lavorativa?...
Programmazione

Come programmare in Julia

Julia è un linguaggio di programmazione relativamente giovane. Nasce nel 2012, anche se le origini possono essere fatte risalire già al 2009, da un gruppo di programmatori, tra i quali ricordiamo Bezanson, Karpinski, Shah ed Edelman, specializzati nel...
Programmazione

Come programmare in Java su Android

La rivoluzione tecnologica è stato sicuramente un evento che ha influito sui giorni nostri. Proprio grazie ad essa si sono sviluppati i diversi mezzi di comunicazione, diversi programmi molti ultili per semplificarci tante cose che noi svolgiamo durante...
Programmazione

Regole per programmare in Rust

I linguaggi di programmazione fanno parte dell'universo informatico sin dagli inizi. Tutti noi ricorderemo sicuramente il vecchio prompt dei comandi sul nostro primo PC. Si apriva una finestrella nera in cui dovevamo digitare specifiche espressioni, spesso...
Programmazione

Regole per programmare in Ruby

Il linguaggio di programmazione chiamato Ruby è basato su una piattaforma open source assolutamente dinamico, caratterizzato da una sintassi semplice e produttivo, naturalmente facile da leggere ed agevole da scrivere. Creato in Giappone, Ruby è caratterizzato...
Programmazione

Come imparare a programmare

La tecnologia, col passare del tempo, sta diventando sempre più affascinante, tanto da spingerci a farla nostra attraverso la programmazione. Programmare è un po' come parlare con una macchina, e per farlo c'è bisogno dei linguaggi di programmazione...
Programmazione

Come iniziare a programmare in Java

Quando si progetta un sito internet, bisogna essere consapevoli del linguaggio che si sta adoperando per disegnare ogni comando o elemento presente nelle pagine, come avvengono i collegamenti, e certe regole affinché tutto funzioni alla perfezione. Il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.