Regole per programmare in Ladder

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questo articolo imparerete le 5 regole per programmare in Ladder. Il circuito in Ladder è simile in struttura, elementi, simboli e funzioni di controllo logico. Ci sono anche altri aspetti della fase, ma hanno molte differenze. Quindi per programmare in Laddar bisogna rispettare delle regole ben precise.

26

Collegate la linea logica

Ogni linea logica va sempre a sinistra del bus, quindi il contatto viene collegato. Inoltre, la terminazione finale della bobina viene collegata al bus di destra. Proprio per questo il bus di destra non può disegnare. Sapere questo è davvero importante per programmare in Ladder. Il bus tra la sinistra e la bobina si deve tenere a contatto tra la bobina e il bus corretto. Però sappiate che non è possibile avere alcun contatto. Quindi passate alla seconda delle 5 regole per programmare in Ladder.

36

Utilizzate le stringhe seriali

La seconda tra le regole da sapere per programmare in Ladder consiste in questo. Per programmare in Ladder dovete utilizzare delle stringhe seriali di codici ben precise. Queste possono contattare qualsiasi resistenza in serie o in parallelo. Ma solo in parallelo alla bobina del relè e non in serie. Inoltre, l'uso dei contatti è illimitato.

Continua la lettura
46

Applicate la bobina doppia

In generale, la stessa bobina può apparire una sola volta nel linguaggio di programmazione Ladder. Se nel programma, la stessa bobina viene utilizzata due volte o più volte, succede questo. Viene conosciuta come "uscita a bobina doppia". Per la "duplice uscita a bobina", alcuni linguaggi in Ladder lo considerano come errore di sintassi. Quindi certamente non va bene. Per programmare in Ladder alcune stringhe si trovano davanti all'output del PLC come non validi. Quindi solo l'ultima uscita viene considerata valida. Inoltre, un certo PLC contenente una istruzione nel Ladder permette la produzione di una doppia bobina.

56

Usate la trasformazione programmabile

Per programmare in Ladder in un linguaggio non programmabile deve avvenire una trasformazione. Questa si deve presentare in maniera equivalente in scala programmabile. Infatti, quando ci sono diversi circuiti di serie in parallelo, succede questo. Il circuito con molti contatti seriali si trova in alto. Ci sono diversi circuiti in parallelo in serie, il circuito deve contattare quelli paralleli a sinistra. Per fare questo bisogna utilizzare le classi nel linguaggio di programmazione Ladder. Un simile programma quindi potrebbe compilare delle concise dichiarazioni.

66

Aprite il contatto costante

Infine, l'ingresso dei contatti del relè nella progettazione del Ladder fa questo. In base allo stato migliore di tutto il dispositivo di ingresso, questo è normalmente aperto. Infatti, programmando in Ladder potrete progettare in modo più preciso, meno errato. Si consiglia come dispositivo di ingresso aperto un contatto costante con il terminale di ingresso del PLC.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Regole per programmare in Rust

I linguaggi di programmazione fanno parte dell'universo informatico sin dagli inizi. Tutti noi ricorderemo sicuramente il vecchio prompt dei comandi sul nostro primo PC. Si apriva una finestrella nera in cui dovevamo digitare specifiche espressioni, spesso...
Programmazione

Regole per programmare in Ruby

Il linguaggio di programmazione chiamato Ruby è basato su una piattaforma open source assolutamente dinamico, caratterizzato da una sintassi semplice e produttivo, naturalmente facile da leggere ed agevole da scrivere. Creato in Giappone, Ruby è caratterizzato...
Programmazione

Regole per programmare in Assembly

Prima di tutto, per chi non lo sapesse, una breve presentazione di questo linguaggio di programmazione. L'assembly è stato uno dei primi linguaggi mai sviluppati e viene detto di "basso" livello o meglio definito come linguaggio macchina. Questo perché...
Programmazione

Regole per programmare in Occam

Occam è un linguaggio di programmazione sviluppato dall'azienda INMOS per i suoi modelli di microprocessori con architetture parallele. Ideati negli anni Ottanta da una modesta azienda inglese, gli INMOS Transputer rappresentarono l'avanguardia della...
Programmazione

Regole per programmare in Applescript

AppleScript, nato negli anni '90 come una sorta di estensione del MacOS che viene caricata al suo avvio, è un software di programmazione che permette agli utenti di sviluppare diverse tipologie di applicazioni, da quelle più complesse di stampo matematico,...
Programmazione

Regole per programmare in Linda

Linda è il nome di un linguaggio di programmazione non molto diffuso. È un linguaggio che estende quelli più conosciuti, come Java e C++, in modo tale da poter sviluppare applicazioni in ambiente distribuito. Appartiene alla famiglia di linguaggi a...
Programmazione

Come programmare in Axum

Con la realizzazione di Axum, è stato originato un linguaggio strutturato in maniera tale da rendere maggiormente semplice la programmazione simultanea e sicura. Ma di cosa si tratta? Innanzitutto occorre chiarire l'obiettivo di questo progetto: quello...
Programmazione

Come programmare un algoritmo in Java

Come programmare un algoritmo? Ebbene, inizialmente bisogna stabilire cosa si intende con questa dicitura. Infatti, si può programmare un algoritmo tramite la sua vera e propria creazione. Oppure lo si può studiare, come previsto in specifici corsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.