Guida all'analisi di un database

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Internet, software aziendali, pubblica amministrazione, gestioni bancarie. Al giorno d'oggi il flusso di dati da gestire all'interno di un database è molto più significativo che in passato. Di conseguenza, diventa quindi fondamentale una corretta gestione dei dati memorizzati in un database. Prima di tutto, però, è importante riuscire a capire come e quali dati bisogna memorizzare. Vediamo quindi una guida all'analisi di un database, dalla selezione delle informazioni da salvare alla gestione vera e propria del database stesso.

27

Occorrente

  • PC
  • Connessione Internet
  • Programmi di elaborazione e gestione di database (Microsoft Access, Microsoft Excel ecc...)
37

La selezione delle informazioni da memorizzare

Per prima cosa prendete carta e penna. Create un elenco con tutte le informazioni da memorizzare, ricordandovi di evitare dati poco utili o dati ridondanti che non forniscono informazioni aggiuntive. Se così fosse, si sprecherebbe memoria a discapito di una cattiva organizzazione del database. Ma effettivamente, quali sono i dati che vi interessa memorizzare? La risposta dipende dal tipo di applicazione che si sta creando e dal tipo di utenti che dovranno usufruire di tale servizio. Se ad esempio state creando un software di booking (prenotazioni) destinato a strutture turistiche come i B&B, allora i dati da gestire sono il numero e il tipo di stanze (singola, doppia ecc...), la presenza di bagno privato o condiviso, la disponibilità delle stanze nella struttura e così via.

47

La creazione di tabelle apposite

Una volta scelte le informazioni che il database dovrà gestire, andrete a creare le giuste tabelle in cui contenere i dati. Non è consigliato inserire tutte le informazioni all'interno di una stessa tabella, poiché creerebbe caos all'interno del database nonché difficoltà successive nelle query per l'estrazione delle giuste informazioni. Piuttosto è consigliabile dividere i dati in tabelle distinte, per poi unirle attraverso l'uso di chiavi esterne dette "foreign key". Ritornando all'esempio precedente, potreste usare una tabella per la gestione delle stanze presenti nella struttura indicando per ciascun vano il tipo e la disponibilità. Per una tabella del genere si userà un ID "_stanza" come chiave primaria. Ricordate inoltre che la chiave primaria dev'essere univoca. Ciò significa che all'interno del database non possono convivere due righe aventi la stessa chiave primaria.

Continua la lettura
57

L'utilizzo di chiavi primarie ed esterne

Ultimo consiglio è quello di utilizzare opportunamente chiavi primarie ed esterne. Ogni tabella deve disporre della sua chiave primaria, che può dotare di un unico campo o di un insieme di campi. Ciò che conta è l'unicità di tale chiave. Inoltre, il corretto utilizzo delle chiavi esterne permette una relazione corretta e più semplice tra le varie tabelle. La relazione può avvenire attraverso l'utilizzo della parola chiave "Join". Gestire un database è un lavoro che richiede un certo impegno e una certa dimestichezza con i computer. Altro fattore fondamentale è la pazienza, indispensabile al fine di riordinare al meglio tutto ciò che serve nella creazione di un database. Ricordate sempre che lo scopo finale di un database è quello di organizzare dati importanti in modo chiaro ed efficace, così da ritrovarli più facilmente per poi gestirli con molta più sicurezza. Abbiamo terminato la nostra guida sull'analisi di un database. Per ulteriori informazioni consultate il link: https://it.wikibooks.org/wiki/Strutture_dati_e_database/Creare_e_gestire_un_database.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non foste particolarmente pratici nella creazione e gestione di database informatici, rivolgetevi ad un esperto o a persone con più competenza di voi.
  • Un aiuto fondamentale arriva direttamente dalla rete. Cercate online guide e video tutorial sulla creazione e sulla gestione dei database. Vi risulterà molto più semplice imparare le nozioni di base utili al raggiungimento del vostro scopo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Programmazione

Come richiamare dati da un database

Creare database è alla base di qualsiasi lavoro, e attualmente, con l'avvento di internet e dell'era digitale, l'archiviazione ordinata di file e dati è diventata una necessità, che ha spinto molte aziende a creare software appositi per la gestione...
Programmazione

Come collegare un database di testo a un menu a discesa

Collegare un database di testo a un menu a discesa è un lavoro alquanto semplice. Di solito per realizzare tale collegamento si utilizzano i database con MySQL. Tuttavia se volete progettare siti web dinamici, dove gestirete piccole moli di dati, potreste...
Programmazione

Come eseguire l'operazione di Shrink sul database SQL Server

Lo smanettone non è mestiere per tutti, c'è chi possiede una passione spropositata per la tecnologia e chi invece, proprio, non sa dove mettere le mani. In questa guida vedremo una operazione molto complessa che riguarda i server. Leggendo i passi di...
Programmazione

Come interrogare un database in Java

Java è un linguaggio di programmazione. Ovviamente, esistono diverse versioni di questo: si passa da Javascript, che è quello che rende dinamiche le pagine web alle applet, che sono dei programmi che vengono fatti funzionare sul browser. Un database...
Programmazione

Php: interazione con i database

Quando si parla di PHP (che è l'acronimo inglese di Hypertext Preprocessor) si intende quel linguaggio della programmazione inteso per la creazione di pagine internet dinamiche oppure delle applicazioni web lato server. Tuttavia, le sue funzioni non...
Programmazione

Guida: Creare un componente per Joomla 2.5

Joomla è un add-ons per i browser. Il programma è facilmente scaricabile dal sito ufficiale. È considerato uno dei migliori sistemi CMS Open Source. La versione 2.5 è disponibile in italiano. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo come creare...
Programmazione

Eclipse: guida base

Ogni programmatore Java o di qualunque altro linguaggio quali, C++ e PHP, necessita di un ambiente di sviluppo ad hoc che semplifichi la progettazione del software. Oggi, grazie a questa guida, vedremo una parte delle potenzialità base offerte dal noto...
Programmazione

Il linguaggio PROLOG: guida

Prolog è uno specifico e particolare linguaggio di programmazione appartenente alla categoria di logica generale, correlato all'intelligenza di tipo artificiale ed alla linguistica computazionale. Tale linguaggio è stato ideato grazie ad un gruppo di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.